Direttore responsabile Maria Ferrante − sabato 25 maggio 2024 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

ITALIANI ALL'ESTERO - FESTA UNITA' - DE SANTIS (PATRONATI CEPA):"INNOVARE E RICOSTRUIRE RAPPORTI CON NUOVE MODALITA' : CHI VA ALL'ESTERO DEVE POTERSI SENTIRE SEMPRE UN ITALIANO NEL MONDO

(2015-09-07)

  APPUNTI TRASMISSIONE ITALIANNETWORKTV: http://www.italiannetwork.it/video.aspx?id=2053

"Se si è verificata una frammentazione della realtà rivolta al mondo dell'emigrazione c'è però da dire che si è realizzata anche una maggiore presenza dell'Italia all’estero". E' Gilberto De Santis, presidente dell'ITAL UIL e Presidente pro tempore del CEPA, il coordinamento dei Patronati cui aderiscono ACLI, INAS CISL, INCA CGIL e ITAL UIL, ad affermarlo, (partendo dalla riflessione della responsabile del Coordinamento delle Consulte regionali Bartolini) nel corso del suo intervento all'oncontro promosso dal PD /Mondo alla Festa Nazionale dell'UNITA' a Milano, dal titolo "Senza perderci di vista. Una grande Italia oltre l'Italia".

"Il problema è, piuttosto,  "creare sinergia", sostiene De Santis, " e, dunque, bene ha fatto il PD a realizzare una riflessione a più voci, sia che lavorino in Italia che all'estero" Ed è  fondamentale, per De Santis, sentire tutti i partner come momenti di crescita.

Quanto alla rete dei Patronato, De Santis sottolinea come le loro sedi sono insediate in 40 Paesi del mondo con oltre mille uffici. (vedi intervento rilasciato alla Segretaria PD http://www.italiannetwork.it/news.aspx?ln=it&id=33179)  Ed è proprio sull'ultima riforma del Parlamento in materia di presenza dei Patronati all'estero (devono essere presenti in almeno 8 Paesi esteri) che il Presidente del Coordinamento del CEPA si sofferma, stigmatizzando il legame profondo che lega così i patronati alle comunità italiane all'estero.  Patronati nati nel dopoguerra per assistere i connazionali.  Un ruolo che è stato fondamentale. Ma oggi i Patronati hanno lo stesso ruolo o è indispensabile cambiare il ruolo dei Patronati ?  Un tema sul quale - ha ricordato De Santis - il Comitato per gli Italiani all'estero della Camera promuoverà entro quest'anno un convegno per approfondire quali siano le nuove necessità.
Si, perchè - ammette l'esponente di Patronato - tutti su questi temi abbiamo una nostra verità ma ritengo che attraverso questa indagine si potrà comprendere quale possa essere non solo il nuovo ruolo del Patronato, ma anche sulle opportunità per "non perderci di vista".

Il patronato e le altre strutture cosi’ come sono non ce la possono fare per seguire tutta la nuova emigrazione.  Per il Presidente del Patronato ITAL UIL "Occorre cominciare a pensare ai nuovi strumenti, a sistemi diversi per facilitare il servizio con le nuove generazioni....Per la stessa iscrizione all'AIRE non si può pensare di chiedere di fare 500 chilometri per raggiungere il Consolato più vicino..."

Un altro punto sul quale l'esponente del Patronati ha richiamato l'attenzione: a differenza del passato in cui tutti avevano una grande voglia di tornare in Italia, oggi questa voglia non c'è piu' . Dunque, occorre ricostruire il rapporto, ma - questo il dato fondamentale - attraverso mezzi più moderni." 
Innovazione è la parola d'ordine, anche nel mondo del lavoro e della sicurezza sociale: attraverso "il fascicolo elettronico che dal Ministero del lavoro, degli Esteri,  segua l'italiano anche all'estero. Alla stessa stregua del "cassetto fiscale". Un "cassetto del migrante" assistito ovunque vada".

Non solo: e le imprese all'estero..."In Cina, in India migliaia di imprese che non sanno a chi rivolgersi. Come assisterle ?"

La burocrazia italiana: "occorre snellirla ed occorre che faciliti l'insediamento od il riacquisto della cittadinanza...e' fattore positivo...
In buona sostanza, non solo si deve far in modo che chi va all'estero,  "non si perda di vista" ma si senta sempre, ovunque, un "italiano" nel mondo." (07/09/2015-ITL/ITNET)


Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07