Direttore responsabile Maria Ferrante − venerd√¨ 31 marzo 2023 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

CULTURA ITALIANA NEL MONDO - STATI UNITI - ALLA NATIONAL GALLERY OF ART DI WASHINGTON REPORTAGE FOTOGRAFICO SU DOCUMENTI UOMINI E OGGETTI SALVATI DA INIZIATIVA NGA IN EUROPA - SEZIONE SULL'ITALIA

(2014-04-17)

  Cultura italiana nel mondo in primo piano in questa nota dedicata, non ad un artista ma ad un gruppo di studiosi che convinsero il Presidente degli Stati Uniti ad inviare in Europa  con le truppe americane anche esperti d'arte che aiutarono a mettere in salvo od a recuperare opere d'arte che i tedeschi consideravano bottino di guerra. Un'operazione che ha interessato anche l'Italia e grazie alla quale numerosi capolavori, oltre a quelli messi in sicurezza dagli stessi musei italiani, molte opere d'arte considerati capolavori del patrimonio culturale italiano sono state salvate dalla razzia, dalle intemperie dalla distruzione e sono ancora fruibili all'ammirazione del mondo.

  Una mostra importantissima, dunque, dal titolo I MONUMENTI MEN E LA NATIONAL GALLERY OF ART aperta nello scorso mese di febbraio a Washington e visibile fino al 1 settembre per i Paesi dell'Europa coinvolti nell'ultima guerra mondiale e per il mondo intero,  anche se i media europei - ed italiani - non vi  hanno posto grande attenzione. Eppure una sezione di questa mostra - per lo pi? fotografica, grazie al contributo delle famiglie di quanti parteciparono all'operazione - ? dedicata proprio all'Italia dalla NGA.

La National Gallery of Art (NGA) ? stato profondamente coinvolto negli sforzi per proteggere l'arte, archivi, biblioteche, edifici storici e monumenti in teatri di guerra, anche se diverse centinaia di uomini e donne, tra cui storici dell'arte, musei e professionisti del mondo dell'arte, artisti, archivisti e bibliotecari-provenienti da molte nazioni, hanno preso parte e molti di questi individui sono stati associati alla Galleria Nazionale d'Arte prima o dopo la guerra.

Mentre la guerra progrediva, i membri della comunit? culturale americana divennero sempre pi? preoccupati per la sorte dei monumenti storici, opere d'arte mobili, archivi e biblioteche in Europa. Nell'autunno del 1942, la Defense-Harvard gruppo americano, fondato due anni prima da docenti universitari e del personale, ha iniziato a lavorare con il Consiglio of Learned Societies (ACL) per elaborare piani per la protezione dei beni culturali in aree europee che sarebbe presto  state occupate dalle forze militari alleate. Con le sue relazioni con il governo, la Galleria ? divenuta il braccio di una lobbying e il centro delle operazioni a Washington, fino a creare un supporto di alto livello nel tentativo di proteggere e salvare il patrimonio culturale minacciato.

Verso questo obiettivo, e con il sostegno del Direttore della Galleria Direttore David Finley, Harlan F. Stone, primo giudice  della Corte Suprema, chiese al presidente Roosevelt nel dicembre del 1942 di formare un'organizzazione governativa per "la tutela e la conservazione delle opere d'arte e di artistico e monumenti storici e record in Europa. "Il 24 aprile 1943, il presidente approv? l'istituzione della  Commissione per la protezione e salvataggio dei Monumenti Artistici e Storici nelle aree di guerra, comunemente noto come la Commissione Roberts dal suo presidente Owen J . Roberts. Su richiesta del presidente del Joint Chiefs of Staff fu convenuto di assistere ai lavori della commissione, che port? alla formazione del programma MFAA dei militari

Durante la guerra, la Galleria ha fornito uffici e personale per la commissione: David Finley ? stato vice-presidente e capo de facto della commissione e la Commissione Roberts ha completato la sua missione nel giugno 1946.

Gli ufficiali che hanno servito nella MFAA salvarono capolavori dai nazisti durante il caos della liberazione. Prima della guerra, sei di questi funzionari erano associati alla National Gallery of Art di Washington, e negli anni successivi tre hanno ricoperto importanti incarichi presso il museo.

"Il Gallery ? orgogliosa di aver svolto un ruolo fondamentale nella storia di questi Monumenti Men", ha detto Earl A. Powell III, direttore della National Gallery of Art, nell'inaugurare la mostra. "Questi uomini e donne hanno lavorato per proteggere il patrimonio culturale europeo al culmine della seconda guerra mondiale, per garantire la sicurezza nel periodo successivo e restituendo le opere, quando possibile, ai legittimi proprietari una volta che  la pace e la sicurezza sono state ripristinate."

Dall'11 febbraio al 1 settembre 2014, la Galleria presenta  fotografie , documenti e cimeli, molti mai esposti prima.

Il film  "Monumenti Men", basato sul libro di Robert M. Edsel The Monuments Men: Allied Heroes, ladri nazisti e il Greatest Treasure Hunt in History , drammatizza gli sforzi e i successi di un improbabile gruppo di esteti in uniforme. In tempo di pace, molti erano storici dell'arte, curatori, archivisti, bibliotecari e coloro che lavoravano in  istituzioni culturali come la National Gallery of Art, che era appena nata quando scoppi? la guerra.

Gli ufficiali del MFAA coraggiosamente seguirono le truppe di prima linea in zone di guerra. Tra di loro c'erano il tenente Charles P. Parkhurst, Jr., ex cancelliere della Galleria e l'assistente Army Corps (WAC) Capt Edith Stande.

"L'individuazione delle opere depredati ? stato facile o accidentale", ha detto Parkhurst uno storico  della Galleria 45 anni dopo il suo servizio nella MFAA. "Di solito abbiamo avuto indizi dai residenti locali che avvertivano: "c'? qualcosa di strano quel castello. "

Inseguendo tal voci ? accaduto che un  Rodin sia stato ritrovato dopo  che i soldati tedeschi in rotta verso Baden erano stati costretti ad abbandonarlo su una montagna.  Diverse furono anche le controversie, soprattutto sulla scia della decisione del Dipartimento della Guerra di inviare 202 capolavori dai musei di Berlino alla Galleria Nazionale d'Arte per la custodia. Tra i  dipinti erano incluse opere di Rembrandt, Rubens, Tintoretto, El Greco, Daumier, e Botticelli.

Arrivarono  a Washington nel 1945 sotto scorta militare e vi rimasero fino al 1948. La Galleria mise in mostra senza grande enfasi ma in poche ore il numero dei visitatori si allargo' e per 40 giorni si rischi? il blocco della zona, attirando  964.970 persone, un numero senza precedenti in quel momento. Tutti, a quanto pareva, stava parlando di queste opere o cercando di vederle, dal presidente Harry S. Truman a Clara Bryant Ford (la moglie di Henry Ford) e John D. Rockefeller. Tutte le 202 opere sono state restituite alla Germania: i dipinti pi? fragili sono tornati  direttamente indietro, mentre gli altri sono stati inviati in un tour in una dozzina di citt? americane prima della restituzione.

L'invasione alleata dell'Italia nel 1943 divenne il primo test per il programma sui monumenti, che ha avuto inizio con un singolo agente sul campo. Ma poich? la battaglia proseguiva, la Commissione Roberts a Washington sostenne la necessit? di mettere in campo pi? uomini a supporto dell'operazione monumenti.
Nel corso del tempo il numero di agenti in Italia aument? ma rimaneva ancora molto esiguo. Il tenente Frederick Hartt ? stato nel gruppo selezionato degli agenti MFAA che hanno lavorato in Toscana al seguito degli eserciti alleati che avanzavano. Alla fine della guerra Hartt ? stato onorato dalla citt? di Firenze per i suoi sforzi.

Per sostenere il morale delle truppe, l'esercito aveva pubblicato opuscoli che rappresentavano una guida, destinata "ad aiutare i militari nella loro ricerca di informazioni relative ai luoghi famosi che venivano liberati."
Frederick Hartt Papers come si ritirarono da Firenze le truppe tedesche fece saltare i ponti storici della citt?, tra cui il Ponte alla Carraia, ma il famoso Ponte Vecchio fu lasciato intatto, anche se gli antichi edifici vicini erano  stati ridotti in macerie. Il MFAA fece tutto il possibile per conservare e consolidare le strutture danneggiate, ma molti a Firenze erano  stati fortunatamente gi? salvati.

Nel maggio 1945 i grandi giacimenti d'arte degli Uffizi e gli altri musei fiorentini sono stati trovati nella prigione locale della citt? settentrionale italiana di San Leonardo, dove erano stati trasferiti dall'esercito tedesco. Frederick Hartt arrivato al carcere il 21 maggio vi torn? spesso fino a quando i dipinti furono restituiti a Firenze. Ed una bellissima foto ha immortalato l'arrivo dei camion che arrivavano in Piazza della Signoria il 22 lug 1945 con Frederick Hartt Papers in testa. Ed il convoglio di camion con le opere d'arte proveniente dal carcere di San Leonardo in Passiria fu accolto da araldi, trombettieri, e celebrazioni di giubilo per il loro ritorno a  Firenze. (17/04/2014-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07