Direttore responsabile Maria Ferrante − mercoledì 25 maggio 2022 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

CULTURA ITALIANA NEL MONDO - PREMIO DANTE ALIGHIERI 2021 AL PRES. ASSICURAZIONI GENERALI PHILIPPE DONNET NEO AMBASCIATORE DELLA LINGUA ITALIANA NEL MONDO

(2021-07-01)

Con una breve cerimonia a Palazzo Firenze, sede della Società Dante Alighieri, il Presidente Andrea Riccardi ha consegnato a Philippe Donnet il Premio Dante Alighieri 2021. L’alto riconoscimento, assegnato ogni anno dalla più antica istituzione culturale del Paese e rappresentato da una copia della statua di Dante a Malta, testimonia il plauso per la valorizzazione delle radici, della cultura e della lingua italiana nello scenario internazionale in cui opera il Gruppo Generali, fondato a Trieste 190 anni fa e presente oggi in 50 Paesi.

La Società Dante Alighieri che sostiene l’opera di estroversione dell’Italia all’estero, di cui anche le imprese sono protagoniste, ha recentemente inaugurato, alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, Dante.global, la prima piattaforma digitale che coniuga l’insegnamento di lingua italiana, la formazione dei docenti e la divulgazione culturale nell’anno del 700° anniversario della morte del Sommo Poeta.

Philippe Donnet è Group CEO di Assicurazioni Generali S.p.A. e Presidente del Consiglio di Amministrazione di Generali Italia S.p.A. È inoltre membro del CdA di Fondazione Generali - The Human Safety Net ONLUS e del Consiglio Generale della Fondazione Giorgio Cini.

La Motivazione del Premio recita:  "In considerazione della meritevole opera di diffusione e di sostegno della cultura italiana nel mondo promossa dall’impresa da lui diretta e per aver voluto riservare un ruolo di primo piano alle radici della lingua italiana in un contesto internazionale, nonché per l’uso di opere di saggistica e di divulgazione scientifica, la Società Dante Alighieri conferisce al Group CEO di Assicurazioni Generali, il Dott. Philippe Donnet, la Benemerenza di Prima Classe per l’alto valore del suo mandato e quale Ambasciatore della nostra cultura nel mondo

Philippe Donnet si è laureato in Ingegneria presso l’École Polytechnique di Parigi nel 1983 e ha frequentato l’Institut des Actuaires, dove ha completato gli studi nel 1991.
Dal 1985 al 2007 ha ricoperto diverse posizioni presso il Gruppo AXA; la più recente quella di Regional CEO Asia Pacific, a Singapore.
Nel 2007 diventa Managing Director presso Wendel Investissements a Singapore, con responsabilità sull’area Asia Pacific. Nel 2010 è stato tra i fondatori della società di investimento HLD a Parigi. Nell’ottobre 2013 entra a far parte del Gruppo Generali come Country Manager Italia e CEO di Generali Italia S.p.A. In questo ruolo, ha gestito il processo di riassetto dei marchi del
Gruppo Generali esistenti in Italia, uno dei progetti di integrazione e semplificazione più complessi nel panorama assicurativo a livello europeo.
Diventa Group CEO di Assicurazioni Generali S.p.A. il 17 marzo 2016 e viene nominato Presidente del Consiglio di Amministrazione di Generali Italia S.p.A. il 12 maggio 2016.
Da aprile 2008 ad aprile 2016 è stato membro dell'Assemblea Generale di Vivendi. Da ottobre 2013 a giugno 2016 è stato nel Consiglio di Amministrazione di Banca Generali S.p.A., da gennaio 2016 ad aprile 2017 Vicepresidente dell'ANIA e da febbraio 2015 a febbraio 2018 Presidente della MIB Trieste School of Management.
Il 15 maggio 2006 è stato nominato Chevalier de l'Ordre National du Mérite.
Il 13 luglio 2016 è stato nominato Chevalier dans l'Ordre de la Légion d'honneur.
Il 31 maggio 2021 è stato nominato Cavaliere del Lavoro.
ALTRE CARICHE
Presidente di Generali Services Pte. Ltd.
Membro del Consiglio di Amministrazione di Fondazione Generali - The Human Safety Net ONLUS
Membro del Consiglio Generale della Fondazione Giorgio Cini (01/07/2021-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07