Direttore responsabile Maria Ferrante − giovedì 30 giugno 2022 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

DONNE - ITALIANE IN UK : RISULTATI CONSULTAZIONE COMITATO DONNE E PARI OPPORTUNITA': MENOPAUSA E LAVORO. STATO DELL'ARTE NELLE AZIENDE ED A LIVELLO GOVERNATIVO. RICHIESTE SINDACATI

(2021-12-22)

La menopausa è un problema chiave sul posto di lavoro. È una questione di uguaglianza, oltre ad una questione di salute e sicurezza e avrà un impatto su tutte le donne ad un certo punto della loro vita. Questo è il motivo per cui i sindacati hanno e continuano a guidare le richieste di politiche sul posto di lavoro per sostenere le donne che attraversano la menopausa e aumentare la consapevolezza della menopausa come un problema sul posto di lavoro. Accogliamo con favore l'opportunità di rispondere a questa consultazione.

Il TUC rappresenta più di 5,5 milioni di lavoratori in 48 sindacati in tutta l'economia del Regno Unito.  Più della metà dei membri dei sindacati nel Regno Unito sono donne.  I TUC si battono per rendere migliore per tutti la vita lavorativa.

La menopausa, sebbene sia una parte del processo naturale di invecchiamento e che quasi tutte le donne sperimenteranno. Poichè  le donne costituiscono circa il 51% della popolazione e che si stima che 1 donna su 3 nel Regno Unito stia attraversando o abbia raggiunto la menopausa, è scioccante che ci siano ancora così tanto stigma, discriminazione e mancanza di consapevolezza riguardo alla menopausa. Ciò riflette il sessismo strutturale e l'ageismo prevalenti nella nostra società.

Le donne in età menopausale (45-54) costituiscono l'11 per cento di tutte le persone occupate e il 23 per cento di tutte le donne occupate, ovvero 3,5 milioni di donne.  La  ricerca suggerisce che la portata e l'impatto della discriminazione, delle cattive pratiche e della generale mancanza di consapevolezza riguardo alla menopausa stanno costringendo le donne ad abbandonare la forza lavoro. La ricerca BUPA stima che quasi 1 milione di donne siano state costrette ad abbandonare il mercato del lavoro a causa dei sintomi della menopausa, o forse più precisamente a causa della mancanza di supporto sul posto di lavoro mentre cercano di gestire i loro sintomi e affrontare un processo naturale ma spesso difficile .

Tutti i luoghi di lavoro devono adottare politiche sul posto di lavoro che supportino le donne e le altre persone che soffrono di menopausa. In tal modo contribuirà a sfidare lo stigma che circonda la menopausa e altre condizioni che colpiscono le donne, oltre a sostenere le donne esperte, qualificate, di talento e che lavorano sodo per rimanere nel mercato del lavoro.

Ci sono diversi passaggi che i datori di lavoro dovrebbero intraprendere per supportare le donne in menopausa e quelle con sintomi della menopausa:

Adottare una politica sulla menopausa sul posto di lavoro che includa l'impegno del datore di lavoro a:

- Informazioni e supporto adeguati per tutti i lavoratori che vivono la menopausa e sintomi della menopausa

- Affrontare lo stigma e il tabù intorno alla menopausa

- Valutazioni del rischio tenendo conto delle esigenze specifiche dell'individuo

- Adeguamenti alle condizioni di lavoro messi in atto in modo proattivo

- Formazione e sensibilizzazione di tutto il personale

- Un punto di contatto confidenziale e designato per il supporto e la consulenza con cui le donne possono parlare in merito a eventuali problemi che sorgono a causa della menopausa.

- Incoraggiare i lavoratori a chiedere consiglio, orientamento e rappresentanza al proprio rappresentante sindacale.

Valutazioni individuali dei rischi che tengono conto delle esigenze e delle esperienze specifiche dell'individuo e delle specificità del luogo di lavoro.
Offrire adeguamenti ragionevoli in consultazione con l'individuo e il suo rappresentante per aiutare a gestire i sintomi della menopausa e ridurre l'impatto sul lavoro di una persona e sul suo benessere sul posto di lavoro.
Offri lavoro flessibile come impostazione predefinita. Questo può aiutare le donne in menopausa a gestire i sintomi legati al loro lavoro e a ridurre lo stigma legato alla menopausa.

Governo
Attualmente non esiste alcuna legislazione che imponga ai datori di lavoro di adottare una politica sul posto di lavoro per la menopausa o di proteggere le lavoratrici che manifestano sintomi della menopausa. C'è anche una guida legale insufficiente per i lavoratori i datori di lavoro per quanto riguarda la menopausa.

Il Tuc raccomanda al governo:

- estendere il dovere di uguaglianza del settore pubblico alle organizzazioni del settore privato.
- assumere un ruolo strategico chiave nella sensibilizzazione sull'impatto della menopausa sul luogo di lavoro, sugli obblighi legislativi esistenti sui datori di lavoro e sulla promozione di buone politiche di orientamento, formazione e buone pratiche che dovrebbero essere adottate dai datori di lavoro.

Rendere  il lavoro flessibile un'impostazione predefinita attraverso:
- l'introduzione dell'obbligo legale per i datori di lavoro di considerare quali modalità di lavoro flessibile sono disponibili in un ruolo e di pubblicarle negli annunci di lavoro, con il nuovo titolare del posto che ha diritto il primo giorno di utilizzare le modalità di lavoro flessibile che sono state pubblicizzate. Se un datore di lavoro non ritiene che siano possibili accordi di lavoro flessibili, dovrebbe essere tenuto a precisare le circostanze eccezionali che giustificano tale decisione. 

- l'introduzione di un diritto del primo giorno alla richiesta di lavoro flessibile per tutti i lavoratori, con criteri di rigetto che rispecchino le circostanze eccezionali sopra esposte. I lavoratori dovrebbero avere il diritto di presentare ricorso e nessuna restrizione al numero di richieste di lavoro flessibile presentate. 

Le donne possono sperimentare la perimenopausa per mesi o anni prima della menopausa e dopo. I sintomi della menopausa possono persistere dopo che le mestruazioni sono cessate. In media i sintomi persistono per circa 4 anni ma possono durare fino a 12 anni una volta che le mestruazioni si sono fermate. 9 1 su 100 donne nel Regno Unito esperienza menopausa precoce, prima dei 40 anni 10
Ci sono anche molte donne più giovani che ricevono trattamenti per condizioni comuni come l'endometriosi (si stima che colpisca circa 1 donna su 10 in età riproduttiva) 11 e l'infertilità (che colpisce circa 1 coppia su 7). 12 Molte di queste donne manifestano anche sintomi della menopausa mentre ricevono trattamenti che possono essere eseguiti a intermittenza per mesi o anni.
Prove aneddotiche dal nostro centro gemello in Galles hanno anche evidenziato che molti sintomi di donne sono mal diagnosticati, in particolare se stanno vivendo sintomi psicologici associati alla menopausa.
I medici di base non seguono una formazione obbligatoria per la menopausa e molte donne hanno affermato che è più probabile che vengano prescritti antidepressivi piuttosto che qualsiasi informazione o supporto medico per la menopausa. Ciò riflette altre ricerche che hanno evidenziato che diagnosi errate e ritardi nella diagnosi e nel trattamento sono una barriera comune per le donne in menopausa che cercano supporto.

La ricerca BUPA del 2019 ha rilevato che quasi un milione di donne ha lasciato la forza lavoro per un periodo non specificato a causa dei sintomi della menopausa e della mancanza di supporto per aiutarli a gestirli.

Nel 2017 il Government Equalities Office ha pubblicato una revisione delle prove sulla misura in cui la transizione alla menopausa influisce sulla partecipazione economica delle donne nel Regno Unito.
Le prove dipingono un'immagine coerente delle donne in fase di transizione alla menopausa che sentono che coloro che le circondano al lavoro sono antipatici o le trattano male, a causa dell'"età di genere".

Una ricerca condotta da Wales TUC ha rilevato che l'85% degli intervistati, la maggior parte dei quali erano lavoratrici, ha affermato che la menopausa ha influito sulla loro vita lavorativa. Questo è salito a 9 su 10 per le lavoratrici con esperienza diretta della menopausa ed è sceso a poco più di tre quarti (77 per cento) di quelle senza esperienza diretta della menopausa.

L'Usdaw, il sindacato che rappresenta i lavoratori dei negozi, della distribuzione e degli alleati, ha condotto una ricerca sulle esperienze di menopausa delle proprie iscritte (vedere l'appendice A). Hanno scoperto che 1 donna su 5 aveva preso una pausa dal lavoro a causa dei sintomi legati alla menopausa.

The Menopause Survey 2018,  17 un progetto congiunto condotto da ricercatori della Police Federation of England and Wales (PFEW) per conto di PFEW, UNISON, Police Superintendents' Association e British Transport Police Federation, ha esaminato le esperienze e la consapevolezza della menopausa tra gli ufficiali di polizia e il personale di polizia a livello nazionale in Inghilterra e Galles.
I risultati chiave includevano:

- Il 76% degli intervistati che hanno attraversato o stavano attraversando la menopausa ha affermato di aver riscontrato sintomi della menopausa moderatamente o estremamente problematici sul lavoro.

- Complessivamente, il 20% degli intervistati ha dichiarato di aver preso in considerazione l'idea di andarsene perché trovava difficoltà ad affrontare la menopausa sul lavoro; questo è aumentato al 44% degli intervistati che hanno trovato i loro sintomi estremamente problematici.

- il 44% degli intervistati che si erano presi un'assenza per malattia a causa della menopausa non aveva comunicato al proprio responsabile il vero motivo della propria assenza; solo il 9% che aveva detto al proprio responsabile il vero motivo ha affermato che la propria assenza era stata registrata con precisione.

- Il 35% degli intervistati aveva preso ferie annuali o giorni di riposo per prendersi una pausa a causa dei propri sintomi.

Oltre la metà (54%) delle donne iscritte all'Usdaw ha affermato di non sentirsi a proprio agio nell'avvicinare i propri manager se stanno vivendo i sintomi della menopausa sul posto di lavoro.

Oltre un quarto delle lavoratrici nella ricerca del TUC del Galles sulla menopausa e sul posto di lavoro ha affermato che la menopausa è stata trattata negativamente sul posto di lavoro, questo è salito al 29% per coloro che hanno avuto un'esperienza diretta della menopausa.
Abbiamo consultato gli affiliati sulle esperienze di menopausa dei loro membri e, in linea con la ricerca del TUC del Galles, un tema comune è la mancanza di consapevolezza, empatia e ignoranza riguardo alla menopausa e al suo impatto da parte dei manager di linea e dei colleghi in generale.

I problemi comuni includevano:

- Mancanza di consapevolezza e formazione, in particolare se il manager di linea o il collega è di sesso maschile, e in particolare se è un uomo più giovane.

- Il problema è stato liquidato come un "problema femminile".

- Sentirsi in imbarazzo a sollevare o preoccuparsi di non essere presi sul serio.

- Colleghi e dirigenti che trattano i sintomi come uno 'scherzo'.

- Essere preoccupati o avere esperienza di azioni disciplinari o giudizi negativi sulle prestazioni lavorative.

Il Wales TUC ha scoperto che trattare la menopausa e i sintomi della menopausa come uno scherzo era comune sul posto di lavoro. Oltre la metà (56%) degli intervistati al sondaggio sulla menopausa ha affermato che la menopausa è stata trattata come uno scherzo all'interno del proprio luogo di lavoro. Ciò rifletteva le prove qualitative raccolte dai nostri affiliati i cui membri condividevano esperienze simili. Anche se fare battute può essere visto da alcuni come un modo per affrontare o alleviare l'imbarazzo, può minare la serietà con cui questa importante questione viene presa ed è discriminatoria. Molti dei nostri affiliati hanno condiviso le preoccupazioni dei membri su questa forma di invecchiamento di genere e hanno evidenziato che fare battute su altri gruppi con caratteristiche protette non sarebbe accettabile sul posto di lavoro.

Altri problemi comuni che possono esacerbare e/o rendere più difficile la gestione dei sintomi della menopausa per coloro che li stanno vivendo includono:
-        Mancanza di adeguate valutazioni del rischio sensibili al genere

- Scarsa ventilazione e qualità dell'aria

- Accesso inadeguato all'acqua potabile

- Servizi igienici/lavabi inadeguati o inesistenti

- Mancanza di controllo della temperatura/luce

- Mancanza di divise adeguate o dispositivi di protezione individuale (DPI)

- Regole inflessibili sull'orario di lavoro/tempi delle pause

- Politiche inflessibili che penalizzano le donne a causa dei loro sintomi, in particolare le politiche di malattia e di assenza

- Carichi di lavoro eccessivi

- Stress da lavoro

- Lavoro precario (es. contratti a tempo determinato, occasionali od a zero ore)

Una ricerca del 2019 del Newson Health and Wellbeing Center che ha esaminato l'impatto della menopausa e dei sintomi peri-menopausali sulle donne sul posto di lavoro ha rilevato che il 9% delle donne ha dovuto sottoporsi a una procedura disciplinare sul lavoro a causa di "scarse prestazioni" a causa del impatto dei loro sintomi sul loro lavoro. (per ulteriori informazioni sul tema:https://www.tuc.org.uk/research-analysis/reports/menopause-and-workplace . (22/12/2021-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07