Direttore responsabile Maria Ferrante − mercoledì 25 maggio 2022 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

DONNE - EUROPA/LAVORO - EUROPARL SOLLECITA MISURE EQUO ACCESSO MERCATO LAVORO, SALARIO ADEGUATO E PARI DIRITTI LAVORATIVI E GARANZIE PERSEGUIRE AUTORI ABUSI E VIOLENZE

(2021-12-10)

Parità di genere: maggiore accesso al mercato del lavoro e salario equo
I deputati dovrebbero chiedere all'UE e ai suoi Paesi di proporre misure concrete per sostenere i diritti delle donne e ridurre le disuguaglianze di genere.

In un progetto di risoluzione che sarà discusso lunedì e votato mercoledì, i deputati dovrebbero chiedere ai Paesi UE di adottare misure concrete per garantire che le donne abbiano un accesso equo al mercato del lavoro, un salario adeguato e pari diritti lavorativi.

Tenendo conto dell'aumento della violenza contro le donne durante la pandemia, nel progetto di risoluzione si esortano i Paesi UE a garantire che gli autori di abusi siano identificati e perseguiti dalla polizia. I deputati dovrebbero anche ribadire che per affrontare con efficacia la violenza di genere occorre che Bulgaria, Repubblica Ceca, Ungheria, Lettonia, Lituania e Slovacchia ratifichino la Convenzione di Istanbul e che è necessaria una legislazione europea completa sulla questione.

Inoltre, l'accesso alle cure e ai diritti sessuali e riproduttivi è un diritto fondamentale che non può essere revocato e la negazione delle cure per l’aborto costituisce una forma di violenza contro le donne.

Secondo l'indice di uguaglianza di genere dell'Istituto europeo per l'uguaglianza di genere, all'UE mancano almeno 60 anni per raggiungere la completa uguaglianza di genere. Il punteggio dell'UE è aumentato di soli 4,9 punti dal 2010. Nel 2021, i Paesi UE hanno ottenuto un punteggio medio di 68 su 100, con più di un terzo che ha registrato meno di 60 punti. (10/12/2021-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07