Direttore responsabile Maria Ferrante − domenica 21 aprile 2024 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

ITALIANI ALL'ESTERO - ELEZIONI EUROPEE - SEN.CRISANTI (PD/ESTERO) : "SU 6 MILIONI DI ITALIANI ALL'ESTERO SOLO 2.095.944 POTRANNO VOTARE ALL'ESTERO."

(2024-04-03)

  Nell'ultima newsletter il Sen. Andrea Crisanti ricorda che " l’emendamento al decreto election day da lui depositato  assieme ai colleghi Francesco Giacobbe e Francesca La Marca, che avrebbe consentito agli italiani residenti nei Paesi al di fuori dell’Unione europea di poter votare nel loro Paese di residenza, è stato bocciato.
Pertanto, dei sei milioni di italiani residenti all’estero e iscritti all’AIRE, infatti,  solo a 2.095.944  è consentito votare alle elezioni europee recandosi al consolato del Paese in cui vivono, ovvero quelli residenti in uno Stato membro dell’Unione europea. A tutti gli altri, ovvero quasi 4 milioni di nostri connazionali sparsi per il mondo – 1.151.014 in Europa, di cui 457mila nel Regno Unito e 639mila nella Svizzera e 2.686.460 negli altri continenti – è richiesto, qualora volessero esercitare il loro diritto di voto e partecipare alla vita politica europea del loro Paese d’origine, di tornare in Italia, nel proprio comune di residenza e votare da lì. Il tutto naturalmente a proprie spese"

"Una limitazione - ricorda il parlamentare- che non solo, di fatto, impedisce loro di esercitare il diritto di voto, ma in ogni caso lo rende molto oneroso. Una discriminazione che non trova nessuna ragion d’essere. Per questo motivo, a gennaio ho depositato una proposta di legge proprio per rimediare a questa stortura, ma nel frattempo, per accelerare i tempi e consentire ai nostri connazionali di votare già alle prossime elezioni europee, avevo presentato l’emendamento che il governo ha bocciato."

"La prossima legislazione - conclude il Senatore - sarà una delle più importanti degli ultimi decenni, chiamata ad affrontare temi fondamentali, tra i quali il processo decisionale a maggioranza, la transizione energetica, la guerra in Ucraina, la difesa comune e la struttura del debito. L’approvazione di questo emendamento avrebbe restituito la cittadinanza politica a milioni di italiani e restituito milioni di italiani all’Italia. Invece sono stati esclusi  quasi quattro milioni di persone dalla possibilità di contribuire alla vita politica ed economica europea. (03/04/2024-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07