Direttore responsabile Maria Ferrante − domenica 21 aprile 2024 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

ITALIANI.ITALIANI ALL'ESTERO - EUROPA - CESE CHIEDE UN PIANO D'AZIONE ED UN ACCORDO INTERISTITUZIONALE PER RAFFORZARE IL DIALOGO CIVILE E LA DEMOCRAZIA PARTECIPATIVA

(2024-02-23)

  Come recuperare l'attenzione e soprattutto la fiducia dei cittadini nei confronti delle istituzioni e della politica, così da contrastare il crescente astensionismo, che indebolisce e corrode i fondamenti democratici della società civile  ?

"Rafforzando  il dialogo civile e la democrazia partecipativa nell'UE !" risponde il CESE - Consiglio Economico e Sociale Europeo anche in vista delle prossime elezioni europee.

Di qui la richiesta del CESE di una strategia per il dialogo civile, che si traduca in un piano d'azione e, potenzial-mente, in un accordo interistituzionale per migliorare il dialogo civile.

Il CESE sostiene l'efficacia dell'articolo 11 del TUE *** rafforzando gli attori nelle diverse istituzioni dell'UE che si occupano del dialogo civile e crea un quadro di valutazione annuale del dialogo civile che traccia l'impegno dell'UE con la società civile e un meccanismo di accreditamento per le organizzazioni della società civile.

Ribadisce che il CESE dovrebbe essere al centro della consultazione della società civile e del dialogo civile e chiede un ruolo più forte per il Comitato nella democrazia partecipativa, anche come un potenziale centro per i gruppi di cittadini.

Tra la crescente disaffezione per la politica tradizionale e l'aumento del populismo, migliorare la partecipazione dei cittadini al processo decisionale è una componente cruciale della democrazia europea e un prerequisito per la legittimità delle politiche dell'UE agli occhi dei cittadini. In vista delle elezioni europee, questo è di fondamentale importanza.

Peri CESE, conformemente all'articolo 11 del trattato dell'Unione europea, le istituzioni dell'UE hanno la responsabilità congiunta di garantire che la società civile organizzata sia attivamente coinvolta nella formulazione delle leggi dell'UE e dei relativi processi. L'articolo 11 stabilisce che "le istituzioni, con mezzi appropriati, danno ai cittadini e alle associazioni rappresentative l'opportunità di far conoscere e scambiare pubblicamente le loro opinioni in tutti i settori dell'azione dell'Unione".

Tuttavia, l'attuazione dell'articolo 11 è stata finora irregolare e incoerente. Non esiste ancora una visione e una comprensione uniformi del concetto di società civile o di un dialogo civile, senza una chiara definizione di ciò che costituiscono. La democrazia partecipativa europea sta lottando con uno spazio civico in contrazione e una mancanza di partecipazione strutturata dei cittadini.

Il CESE sottolinea l'urgenza di intensificare l'attuazione dell'articolo 11. Questo dovrebbe essere un seguito della Conferenza sul futuro dell'Europa (CoFoE), un'iniziativa storica e un importante esercizio democratico, che ha incluso una serie di dibattiti guidati dai cittadini su questioni che riguardano direttamente la vita dei cittadini europei. Come follow-up del CoFoE, la Commissione ha finora organizzato tre gruppi di cittadini che stanno diventando una caratteristica regolare della vita democratica nell'UE. Il CESE parteciperà ai prossimi due gruppi di esperti.

A dicembre la Commissione ha adottato il pacchetto Difesa della democrazia che includeva una raccomandazione volta ad aumentare la partecipazione dei cittadini e della società civile all'elaborazione delle politiche a tutti i livelli di governance.

Questi sono alcuni degli strumenti sviluppati dalla Commissione per incorporare la partecipazione dei cittadini nei suoi processi decisionali.

In questo parere, richiesto dalla presidenza belga del Consiglio dell'UE, il CESE esamina come creare un sistema migliore per la partecipazione diretta delle persone al processo decisionale.

Punti chiave:

Nel parere, il CESE:

chiede una strategia per il dialogo civile, che si traduca in un piano d'azione, e potenzialmente un accordo interistituzionale tra le istituzioni dell'UE per un migliore dialogo civile facilitato dal CESE;
sostiene l'efficacia dell'articolo 11 del TUE rafforzando gli attori delle diverse istituzioni dell'UE che si occupano del dialogo civile e creando un quadro di valutazione annuale del dialogo civile che traccia l'impegno dell'UE con la società civile e un meccanismo di accreditamento per le organizzazioni della società civile;
ribadisce che il CESE dovrebbe essere al centro della consultazione della società civile e del dialogo civile in generale e chiede un ruolo più forte per il Comitato nella democrazia partecipativa, anche come un potenziale centro per i gruppi di cittadini. (23/02/2024-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07