Direttore responsabile Maria Ferrante − domenica 21 aprile 2024 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

DONNE ITALIANE ALL'ESTERO- IN UK: GENDER GAP CORRISPONDE A 2 MESI DI LAVORO NON RETRIBUITO. PUBBLICARE DIVARI RETRIBUTIVI NON FUNZIONA. OCCORRE MULTARE AZIENDE CHE NON RISPETTANO LEGGE

(2024-02-21)

  Una nuova analisi TUC rivela che il Women's Pay Day – il giorno in cui la donna media smette di lavorare gratuitamente rispetto all'uomo medio – è oggi (mercoledì)
In alcuni settori e in alcune parti del Paese dove il divario retributivo di genere è più ampio, le donne effettivamente lavorano gratuitamente anche più a lungo

L'organismo sindacale afferma che il New Deal laburista per i lavoratori darebbe un "enorme impulso" alle donne che lavorano, introducendo accordi salariali equi nell'assistenza sociale, vietando i contratti a zero ore e dando a tutti i lavoratori il diritto al lavoro flessibile.

Una nuova analisi TUC pubblicata oggi (mercoledì) rivela che la donna media lavora effettivamente gratuitamente per quasi due mesi all’anno rispetto all’uomo medio.

Questo perché il divario retributivo di genere per tutti i dipendenti è attualmente pari al 14,3%.

Questo divario retributivo significa che le donne che lavorano devono attendere 52 giorni – quasi due mesi – prima di smettere di lavorare gratuitamente durante il Women's Pay Day di oggi (mercoledì).

E l’analisi mostra anche che, ai ritmi attuali, ci vorranno 20 anni – fino al 2044 – per colmare il divario retributivo di genere.

Divari retributivi di genere nel settore industriale

La rendicontazione del divario retributivo di genere è stata introdotta nel 2017. Tuttavia, l’analisi del TUC mostra che – circa sette anni dopo – esistono ancora grandi divari retributivi di genere in molti settori.

E questo divario persiste anche nei lavori dominati dalle lavoratrici, come nell’istruzione e nell’assistenza.

L’organismo sindacale afferma che ciò è in parte dovuto al fatto che le donne hanno maggiori probabilità di lavorare part-time, dove lavorare meno ore significa che guadagnano complessivamente meno. E anche perché le donne tendono ad essere impiegate in ruoli meno retribuiti rispetto agli uomini.

Nell'istruzione il divario retributivo di genere è del 21,3%, quindi la donna media lavora effettivamente gratuitamente per quasi un quinto dell'anno (78 giorni) fino al giorno di San Patrizio, il 17 marzo 2024.

Nel settore sanitario e sociale, dove il divario retributivo di genere è del 12,6%, la donna media lavora gratuitamente per 46 giorni fino a San Valentino, 14 febbraio 2024.

L'attesa più lunga per il Women's Pay Day riguarda la finanza e le assicurazioni. Il divario retributivo di genere (27,9%) equivale a ben 102 giorni, il che significa che le donne lavorano gratuitamente fino a mercoledì 10 aprile 2024.

Divario retributivo di genere per età

L’analisi TUC mostra che il divario retributivo di genere colpisce le donne durante tutta la loro carriera, dal loro primo gradino fino al momento della pensione.

Il divario retributivo di genere è più ampio per le donne di mezza età e per quelle anziane:

Le donne tra i 40 e i 49 anni hanno un divario retributivo di genere del 17%, quindi lavorano gratuitamente 62 giorni fino a martedì 2 marzo 2024.

Le donne di età compresa tra 50 e 59 anni presentano il divario retributivo più elevato (19,7%) e lavorano gratuitamente l'equivalente di 72 giorni, fino a lunedì 11 marzo 2024.

Le donne di età pari o superiore a 60 anni presentano un divario retributivo di genere del 18,1%. Lavorano gratuitamente 66 giorni all'anno prima di smettere di lavorare gratuitamente mercoledì 6 marzo 2024.

Il TUC afferma che il divario retributivo di genere aumenta man mano che le donne invecchiano, poiché le donne hanno maggiori probabilità di assumersi responsabilità di assistenza. E che le donne anziane subiscono un colpo finanziario maggiore per conciliare il lavoro con la cura dei figli, dei parenti più anziani e/o dei nipoti.

Divari retributivi di genere a livello regionale

L'analisi mostra che in alcune parti del Paese il divario retributivo di genere è ancora maggiore, per cui il Women's Pay Day cade più avanti nel corso dell'anno:  è maggiore nel sud-est dell’Inghilterra (18,9%). Le donne in questa regione lavorano gratuitamente 69 giorni e lavorano gratuitamente fino a venerdì 8 marzo 2024.

Anche le donne nell’Est dell’Inghilterra (divario retributivo del 17,7%) e nelle East Midlands (17,4%) lavorano gratuitamente fino al mese prossimo (lunedì 4 marzo e domenica 3 marzo 2024).

Il TUC spiega che le variazioni regionali nel divario retributivo sono probabilmente causate da differenze nei tipi di lavori e industrie più comuni in quella parte del paese e dalle differenze di genere in chi svolge questi lavori.

Il segretario generale della TUC Paul Nowak ha dichiarato:

“Tutti dovrebbero essere pagati equamente per il lavoro che svolgono.

“È vergognoso che le donne che lavorano non abbiano la parità salariale nel 2024. E ai ritmi attuali di progresso, ci vorranno altri due decenni per colmare il divario retributivo di genere.

"Non è giusto. Non possiamo consegnare un’altra generazione di donne che soffre  la disuguaglianza.

“È chiaro che limitarsi a pubblicare i divari retributivi di genere non funziona. Le aziende devono essere obbligate a pubblicare e attuare piani d’azione per colmare i divari retributivi. E i capi che non rispettano la legge dovrebbero essere multati.

“Il New Deal laburista per i lavoratori darebbe un enorme impulso alle donne che lavorano.

“Introdurrebbe il diritto immediato al lavoro flessibile e ad accordi salariali equi per aumentare le retribuzioni e le condizioni nell’assistenza sociale – che sappiamo è una forza lavoro prevalentemente femminile.

“Imporrebbe anche piani d’azione obbligatori per colmare il divario retributivo di genere ed estendendo la rendicon-tazione ai divari retributivi legati alla disabilità e all’origine etnica”. (21/02/2024-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07