Direttore responsabile Maria Ferrante − giovedì 1 dicembre 2022 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

SINDACATI ITALIANI NEL MONDO - EUROPA/CES - PROTESTA SINDACATI LAVORATORI EUROPEI A STRASBURGO CONTRO CRISI CARO VITA. INCONTRO CON EURODEPUTATI

(2022-10-05)

  La Confederazione europea dei sindacati, i sindacati francesi e diverse federazioni e confederazioni sindacali -  Belgio, Lussemburgo, Romania, Spagna, Svizzera e molti altri paesi- hanno unito le forze oggi a Strasburgo per protestare contro la crisi per l'aumento del costo della vita e chiedere un'azione decisiva da parte dell'UE e dei governi nazionali.

La manifestazione ha avuto luogo fuori dal Parlamento, seguita da un incontro con i deputati all'interno del Parlamento Europeo in cui i dirigenti sindacali e i lavoratori hanno illustrato le conseguenze catastrofiche degli enormi aumenti dei prezzi sui lavoratori e sulle loro famiglie; le loro richieste di un'azione decisiva da parte dell'UE e dei governi nazionali, compresi l'aumento dei salari e il sostegno al reddito, una tassa sui profitti e un tetto ai prezzi.

Le richieste sindacali sono riassunte in un piano in sei punti della CES e comprendono:

- Aumenti salariali per far fronte all'aumento del costo della vita: questo significa sostenere la contrattazione collettiva
- Aumento del salario minimo per garantirne l'adeguatezza e pagamenti di emergenza mirati per le persone sottopagate che lottano per permettersi le bollette dell'energia, insieme al divieto di disconnessioni
- Un tetto al costo delle bollette energetiche per le persone e una tassa sugli utili in eccesso realizzati dalle compagnie energetiche

Esther Lynch, vice segretario generale della CES, ha sottolineato:“Milioni di lavoratori stavano già lottando prima di questa crisi e ora viene loro chiesto di pagare costi energetici vertiginosi con salari che stanno scendendo in valore reale.
“Le persone devono prendere decisioni sempre più difficili se possono permettersi di mettere il cibo in tavola o accendere il riscaldamento o cucinare pasti caldi, mentre gli amministratori delegati e gli azionisti delle società energetiche stanno godendo di profitti record a proprie spese. "È immorale e i politici devono affrontare questa crisi prima che costi vite umane quest'inverno".

Laurent Berger, Segretario Generale della CFDT e Presidente della CES, ha dichiarato: “È urgente adattare meglio il sostegno e condividere la ricchezza prodotta in modo più equo. Le vittime degli attuali picchi di inflazione sono i lavoratori più vulnerabili e meno pagati che soffrono maggiormente dell'aumento dei prezzi dei trasporti, degli alloggi e del riscaldamento».

Secondo Boris Plazzi, membro dell'ufficio della CGT (Francia): “Alzare salari, pensioni e sostegno sociale è l'unica risposta in un momento in cui la popolazione dovrà scegliere tra cibo, riscaldamento e assistenza sanitaria. Preservare il potere d'acquisto richiede una migliore condivisione della ricchezza e una mobilitazione dei lavoratori”.

Branislav Rugani, segretario confederale FO (Force Ouvrier/Francia), ha affermato: “Da molto tempo i lavoratori soffrono di una distribuzione ineguale della ricchezza che producono, mentre gli azionisti continuano a riempirsi le tasche, con la Francia che batte record anno dopo anno per pagamenti di dividendi sempre più alti. Per troppi lavoratori, c'è troppo mese alla fine dei soldi. I cerotti vanno bene ma non riempiono il frigorifero. FO ricorda che la moderazione salariale o il ritorno all'austerità non sono la risposta alle preoccupazioni dei lavoratori, sono l'esatto opposto”.

Per Cyril Chabanier, Presidente della CFTC (Confederazione Francese Lavoratori Cristiani):  “I lavoratori europei sono stati duramente colpiti dalla crisi sanitaria e non devono essere colpiti nuovamente dalla crisi del potere d'acquisto e dell'inflazione. Aumenti salariali, consultazioni con i lavoratori: l'Europa ei governi devono agire rapidamente".

Rachel Brishoual, segretario nazionale dell'UNSA (Union Nationale des Syndicats Autonomes (UNSA), ha dichiarato:
"È urgente che i salari e le sostituzioni di reddito aumentino in un momento in cui la Francia è colpita da una crisi abitativa senza precedenti in cui le spese incontrollabili relative ad affitto e acqua, gas ed elettricità pesano in modo sproporzionato sulle famiglie più modeste". (05/10/2022-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07