Direttore responsabile Maria Ferrante − venerdì 19 agosto 2022 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

SINDACATI ITALIANI NEL MONDO - EUROPA - LA CES ALL'EUROPARL. "RIPAGARE I NOSTRI EROI DEL COVID. MOLTI DI LORO LAVORANO IN CONDIZIONI DI PERICOLO MA GUADAGNO SOLO IL SALARIO MINIMO"

(2021-11-24)

Gli eurodeputati devono ripagare gli eroi di Covid nel voto sul salario minimo
24/11/2021
È tempo di ripagare i sacrifici fatti dai lavoratori essenziali durante la pandemia, hanno detto i sindacati ai membri del Parlamento europeo prima del voto di domani sulla direttiva sul salario minimo.

Badanti, addetti alle pulizie e negozianti, così come gli operatori sanitari, sono tra gli eroi della crisi del Covid, ma sono anche altamente rappresentati tra i 22 milioni di persone che vivono a rischio di povertà in tutta l'UE perché i salari minimi legali sono fissati troppo bassi nella maggior parte degli Stati membri.

In una lettera inviata agli eurodeputati prima del voto in plenaria di giovedì mattina, i sindacati nazionali sottolineano come “molti lavoratori essenziali per il Covid-19 guadagnano solo il salario minimo” e affermano: “Con questa direttiva c'è una reale possibilità di cambiare la situazione per i più lavoratori vulnerabili e laboriosi in Europa”.

La lettera prosegue ricordando ai deputati che: sette lavoratori a salario minimo su 10 segnalano difficoltà a sbarcare il lunario
I paesi dell'UE con i livelli più deboli di contrattazione collettiva hanno i salari più bassi

Il numero di lavoratori coperti da un contratto collettivo sta diminuendo in 22 dei 27 Stati membri dell'UE
I sindacati chiedono ai deputati di sostenere la relazione adottata a larga maggioranza dalla commissione per l'occupazione e gli affari sociali l'11 novembre. Oltre a garantire che il salario minimo garantisca uno standard di vita dignitoso per tutti i lavoratori, la direttiva richiederebbe agli Stati membri di rafforzare la contrattazione collettiva ponendo fine alla repressione sindacale e assicurando che le aziende che ricevono contratti pubblici rispettino il diritto alla contrattazione collettiva.

Le misure sono state sostenute come "elementi chiave di qualsiasi strategia di ripresa" che sono "chiaramente buoni per l'economia" e per i singoli lavoratori dai massimi economisti europei, Mariana Mazzucato e Thomas Piketty.

Il vice segretario generale della CES Esther Lynch ha dichiarato: “La crisi del Covid ha dimostrato quanto molti lavori essenziali siano stati sottovalutati e sottopagati. Gli atteggiamenti hanno iniziato a cambiare, ma questo non è di conforto per milioni di persone che continuano a vivere in povertà nonostante lavorino più duramente che mai in condizioni pericolose.

“Le persone giustamente considerate eroiche tornano a casa dopo lunghi turni, in case fredde perché non possono permettersi l'aumento delle bollette energetiche. Devono mangiare di meno e cibo di qualità scadente. Sono costretti a indebitarsi solo per permettersi l'affitto. Questo non è un modo per ringraziare i lavoratori essenziali, vanifica l'intero punto di un salario minimo e ora sta causando carenze di lavoratori in settori chiave come l'assistenza.

“Il vero test per capire se i politici apprezzeranno le persone che ci stanno aiutando a superare la pandemia sarà se voteranno per porre fine al sussidio di povertà giovedì. È tempo di ripagare i nostri lavoratori essenziali”. (24/11/2021-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07