Direttore responsabile Maria Ferrante − giovedì 1 dicembre 2022 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

ITALIANI ITALIANI ALL'ESTERO - EUROPA/RUSSIA - DA COMMISSIONE UE OTTAVO PACCHETTO SANZIONI

(2022-09-28)

" La scorsa settimana, la Russia ha compiuto un ulteriore passo avanti nell'invasione dell'Ucraina. I falsi referendum tenuti nei territori occupati sono un tentativo di impossessarsi illegalmente di terre e modificare i confini internazionali con la forza. La mobilitazione e la minaccia di Putin di utilizzare armi nucleari sono ulteriori passi sulla strada dell'escalation" così la Presidente della Commissione UE Von der Leyen, che ha dichiarato:

"Non accettiamo referendum falsi o qualsiasi forma di annessione in Ucraina. E siamo determinati a far pagare al Cremlino il prezzo di questa nuova escalation.

Con i “referenda” illegali organizzati dalla Russia, il Cremlino segue lo stesso playbook che abbiamo già visto in Georgia nel 2008 e in Crimea nel 2014.

Come ha detto il Presidente, condanniamo [questi “referenda” illegali] con la massima fermezza. Sono sicuro di poter parlare a nome degli Stati membri dell'Unione europea che nessuno di loro riconoscerà il loro esito falsificato e invitiamo la comunità internazionale a fare lo stesso, perché questi falsi "referenda" sono una pura violazione diritto internazionale e principi della Carta delle Nazioni Unite.

Continueremo a sostenere l'Ucraina. Rimaniamo in rotta. La nostra strategia sta funzionando, le nostre sanzioni stanno avendo un effetto convincente.

Come ha spiegato il Presidente, con l'ampliamento dell'elenco dei prodotti di cui sarà vietato l'esportazione in Russia, continueremo a indebolirne le capacità militari.

Inoltre, da un punto di vista personale [sanzioni], stiamo aumentando gli elenchi di persone ed entità che sono state sanzionate. Ci sono più di 1.300 persone o entità. Questo elenco prende di mira i principali responsabili delle decisioni, oligarchi, alti funzionari militari e propagandisti, responsabili di aver minato l'integrità territoriale dell'Ucraina.

In risposta diretta all'ultima escalation russa - ad esempio, chiamando in guerra 300.000 soldati - proponiamo di adottare ulteriori misure restrittive nei confronti di coloro che stanno sostenendo, facilitando o beneficiando dell'invasione dell'Ucraina"

Prima parte, di sanzioni individuali, presentata da BORREL:

"In primo luogo, destinate a coloro che sono coinvolti nell'occupazione russa e nell'annessione illegale di aree dell'Ucraina. Proponiamo di designare le autorità russe per procura a Donetsk, Luhansk, Kherson e Zaporizhzhia e altri individui russi che hanno organizzato e facilitato i falsi “referend” in queste quattro aree occupate dell'Ucraina.

In secondo luogo, proponiamo una serie di designazioni nel settore della difesa. Ciò include alti funzionari del Ministero della Difesa russo. Coloro che sostengono le forze armate russe fornendo equipaggiamento e armi all'esercito, inclusi missili e aerei da combattimento, e partecipano al reclutamento di questi 300.000 soldati.

Terzo, continuiamo anche a considerare gli attori che diffondono disinformazione sulla guerra, in particolare quelli che diffondono false informazioni e donano fondi alle aree dell'Ucraina occupate dalla Russia.

Nella categoria degli attori economici molto è già stato fatto, ma aggiungeremo altri operatori chiave. Tra questi operatori ci saranno – non necessariamente russi – ma persone che parteciperanno all'elusione delle sanzioni. Perché è chiaro che ci sono alcuni fenomeni di elusione delle sanzioni che devono essere inseriti nei nostri elenchi. Stiamo preparando le inserzioni per prendere di mira anche queste persone.

Infine, è anche importante notare che estendiamo l'ambito geografico delle restrizioni applicabili alla Crimea, a Donetsk e Luhansk che sono state approvate all'inizio dell'anno. Ciò riguarderà tutte le aree dell'Ucraina non controllate dal governo, comprese le oblast di Zaporizhzhia e Kherson, che non fanno parte del Donbas e non facevano parte delle decisioni precedenti."

Circa la seconda parte delle sanzioni, la Presidente della Commissione Von der Leyen ha affermato:
Di tratta di sanzioni che limiteranno ulteriormente il commercio. In questo modo, isoleremo ulteriormente e danneggeremo l'economia russa. Proponiamo pertanto divieti di ampia portata all'importazione di prodotti russi. Ciò impedirà a questi prodotti di entrare nei nostri mercati. e privare l'economia russa di 7 miliardi di euro di entrate aggiuntive. Proponiamo inoltre di ampliare l'elenco dei prodotti che non possono più essere esportati in Russia.

Vogliamo privare la macchina da guerra del Cremlino di tecnologie chiave. Ad esempio, questo include altre parti aeronautiche, componenti elettronici e prodotti chimici specifici. Questi nuovi divieti all'esportazione indeboliranno la base economica della Russia e la sua capacità di modernizzarsi.
Stiamo inoltre proponendo ulteriori divieti sulla fornitura di servizi europei alla Russia. E il divieto per i cittadini dell'UE di sedere negli organi di governo delle società statali russe. La Russia non deve beneficiare della materia grigia e delle competenze europee.

Il terzo aspetto riguarda il petrolio. La Russia sta usando i profitti della vendita dei suoi combustibili fossili per finanziare la sua guerra. Abbiamo già deciso di vietare il greggio russo trasportato via mare nell'UE, a partire dal 5 dicembre. Ma alcuni paesi in via di sviluppo devono ancora procurarsi petrolio russo a buon mercato. Il G7 ha quindi accettato il principio dell'introduzione di un massimale di prezzo per i paesi terzi. Limitare il prezzo del petrolio aiuterà a ridurre le entrate della Russia e a mantenere stabili i mercati energetici globali. Oggi, in questo pacchetto, stabiliamo la base giuridica per questo tetto massimo al prezzo del petrolio."

Infine, " stiamo intensificando i nostri sforzi per reprimere l'eliminazione delle sanzioni. Stiamo quindi aggiungendo una nuova categoria per poter elencare le persone se eludono le nostre sanzioni. Ad esempio, se acquistano merci nell'Unione europea, le trasportano attraverso paesi terzi e poi in Russia, ciò equivarrebbe a eludere le sanzioni e queste persone potrebbero essere elencate. Ciò avrà un forte effetto deterrente. Le nostre sanzioni hanno colpito duramente il sistema di Putin. Rendendogli più difficile condurre la sua guerra. Stiamo intensificando i nostri sforzi..."(28/09/2022-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07