Direttore responsabile Maria Ferrante − sabato 25 maggio 2024 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

AMBIENTE - ALLUVIONE EMILIA ROMAGNA -MARCHE - PROTEZIONE CIVILE: 300 FRANE. 36.000 LE PERSONE IN SITUAZIONI ALTERNATIVE

(2023-05-20)

Attività di soccorso e assistenza alla popolazione e limitazione delle rotture arginali. Sono questi gli obiettivi prioritari su cui si stanno concentrando gli interventi di oltre 7.500 uomini e donne del Servizio Nazionale che stanno lavorando da giorni nei territori interessati dal maltempo e in particolar modo in Emilia-Romagna. A loro si affiancano tecnici e funzionari di Comuni, Province, Prefetture, di enti territoriali e della struttura di protezione civile regionale.

Mentre le squadre dei tecnici continuano a lavorare incessantemente per il ripristino dei servizi essenziali nelle zone non interessate da allagamenti e smottamenti: sono ancora 300 le frane attive sull’Appennino e centinaia le strade interrotte nel territorio interessato dall’emergenza.

Nel corso della giornata odierna, a causa dei diffusi allagamenti, è stata disposta l’evacuazione di circa 3mila persone dalla frazione di Lavezzola nel Comune di Conselice, in provincia di Ravenna.

In totale, sono quindi oltre 15mila le persone che, a partire dal 15 maggio, hanno trovato una sistemazione alternativa; tra queste, più di 8mila sono state accolte nelle strutture alberghiere del territorio e nelle scuole, palestre e palazzetti dello sport messi a disposizione dai Comuni.

Sono 13 le vittime accertate dalle Prefetture di Bologna, Forlì-Cesena e Ravenna

I cittadini possono ricevere aggiornamenti puntuali sull’evoluzione dell’emergenza in corso contattando il numero verde 800 024662 istituito dalla Regione Emilia Romagna e attivo 7 giorni su 7, dalle ore 8 alle 20.

Anche per la giornata di domani, è stata confermata l’allerta rossa sui settori romagnoli e bolognesi per criticità idrauliche.

Il Comitato Operativo, riunito dal 16 maggio in seduta permanente presso la sede del Dipartimento della Protezione Civile, continua a garantire il coordinamento delle attività in costante raccordo con il Centro operativo regionale dell’Emilia-Romagna, i CCS-Centro di Coordinamento dei soccorsi attivati dalle Prefetture di Ravenna, Bologna, Forlì-Cesena e Modena e con i Centri Operativi Comunali.(20/05/2023-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07