Direttore responsabile Maria Ferrante − giovedì 21 ottobre 2021 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

DONNE - CONVEGNO ACLI - PROF. ROSINA (CATTOLICA, MILANO): "PER INCREMENTO OCCUPAZIONE FEMMINILE SERVE UNA VISIONE SISTEMICA CHE PRENDA IN CONSIDERAZIONE TUTTI GLI INDICATORI"

(2021-10-13)

Tra i relatori del convegno promosso dal Coordinamento donne delle ACLI, dal titolo: “Donne, lavoro e pandemia”: Shecession, smart working e nuovi modelli di condivisione' anche  il prof. Alessandro Rosina, docente di Demografia e statistica sociale all’Università
Cattolica del Sacro Cuore, che ha presentato la relazione su “COVID 19: le donne tra smart- working, educazione e lavoro di cura” soffermandosi su un’anomalia tutta italiana: la ridotta presenza femminile nel mercato del lavoro da lui definito un'esercito di riserva inutilizzato’. Ma "Questo ci penalizza a livello personale, familiare e a livello paese.

La pandemia dovrebbe essere , dunque, un momento di riflessione per arrivare ad una discontinuità" ” ha affermato Rosina sottolineando l’importanza di superare alcuni stereotipi che portano a pensare che le ragazze siano meno preparate e l'importanza di crescere i figli in modo simmetrico per le madri che lavorano.
"L'occupazione femminile non è solo un punto di arrivo ma fa parte di un processo virtuoso, di un'educazione in senso ampio,” ha precisato Rosina affrontando anche il tema della conciliazione. E'  un nodo da sbloccare. Serve una visione sistemica che deve prendere in considerazione tutti gli indicatori. Non si può solo pensare ad aumentare l'occupazione femminile o a ridurre la denatalita’, tutto deve contribuire ed essere collegato.

Politiche di conciliazione adeguate hanno dato buoni risultati: bisogna darsi degli obiettivi con risorse adeguate per arrivare a
trasformazioni,” ha aggiunto Rosina, ribadendo l’importanza degli asili nido, la loro gratuità  e la loro obbligatorietà.

I congedi vanno ripensati cosi’ come quelli per la paternità c'é consenso e consapevolezza verso questi e ci sono anche le risorse. Le aziende debbono inoltre adottare una politica della conciliazione,” ha aggiunto Resina, auspicando un aumento dello smart working ma nella giusta direzione, "non come il part time che è in molti casi stato imposto”.
Ma soprattutto non ci sarà mai conciliazione senza la condivisione. Non e’ possibile che nelle coppie, entrambi lavoratori, il 63% del carico di lavoro sia femminile. Questo deve cambiare. Dobbiamo pensare  alle politiche familiari come politiche che intervengono per migliorare le condizioni e i servizi, in grado anche di favorire un cambiamento culturale,” ha concluso Rosina. (13/10/2021-L.G.-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07