Direttore responsabile Maria Ferrante − mercoledì 29 gennaio 2020 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

IMMIGRAZIONE - FRONTEX: "INGRESSI UE CLANDESTINI : 2019 SCESI A 139.000. - 92% RISPETTO 2015. DAL MEDITERRANEO ORIENTALE 82.000. IN PRIMA LINEA AFGANI E SIRIANI. INCREMENTO DONNE E BAMBINI.

(2020-01-08)

Il numero di valichi di frontiera irregolari rilevati alle frontiere esterne dell'Unione europea lo scorso anno è sceso al livello più basso dal 2013 a causa di un calo del numero di persone che raggiungono le coste europee attraverso le rotte del Mediterraneo centrale e occidentale.  Sono i dati preliminari del 2019 raccolti da Frontex, l'Agenzia europea della guardia di frontiera e costiera, hanno mostrato una riduzione del 6% dei valichi di frontiera illegali lungo le frontiere esterne dell'UE a poco più di 139000. Questo è del 92% inferiore al numero record stabilito nel 2015.

Il numero di  migranti irregolari che attraversano il Mediterraneo centrale sono scesi di circa il 41% a circa 14000. I cittadini tunisini e sudanesi hanno rappresentato la quota maggiore di rilevamenti su questa rotta.

Il numero totale di migranti irregolari rilevati nel Mediterraneo occidentale è sceso di circa il 58% a circa 24000, con i marocchini e gli algerini che rappresentano la percentuale maggiore.

Nonostante la generale tendenza al ribasso, il Mediterraneo orientale ha visto crescere la pressione migratoria a partire dalla primavera. Ha raggiunto il picco a settembre e poi ha iniziato a scendere secondo l'andamento stagionale. In tutto il 2019, su questa rotta sono stati rilevati oltre 82000 migranti irregolari, circa il 46% in più rispetto all'anno precedente.

Nella seconda metà del 2019, gli arrivi irregolari nella regione sono stati i più alti dall'attuazione della dichiarazione UE-Turchia nel marzo 2016, sebbene siano ancora ben al di sotto delle cifre registrate nel 2015 e all'inizio del 2016 con la situazione precedente alla dichiarazione.

Alcune persone trasferite dalle isole greche alla terraferma sembrano aver continuato sulla rotta migratoria dei Balcani occidentali. Vi è stato un aumento dei rilevamenti sul confine greco-albanese dopo l'inizio dell'operazione congiunta di Frontex a maggio. Nella seconda metà dell'anno, è stato segnalato un numero significativo di rilevamenti ai confini dell'UE con la Serbia.

In totale, l'anno scorso sono state rilevate circa 14000 traversate irregolari alle frontiere dell'UE sulla rotta dei Balcani occidentali, più del doppio rispetto al 2018.

Sulla rotta del Mediterraneo orientale e sulla relativa rotta dei Balcani occidentali, i cittadini di Afghanistan e Siria rappresentavano oltre la metà di tutti gli arrivi irregolari registrati.

Nel complesso, gli afgani erano la principale nazionalità dei migranti irregolari appena arrivati ??nel 2019, che rappresentavano quasi un quarto di tutti gli arrivi. Il numero di migranti afgani è stato quasi tre volte (+ 167%) rispetto all'anno precedente. Circa quattro su cinque erano registrati sulla rotta del Mediterraneo orientale, mentre quasi tutto il resto sulla rotta dei Balcani occidentali.

I dati disponibili più recenti suggeriscono anche una percentuale più elevata di donne tra i migranti appena arrivati ??nel 2019. Nei primi dieci mesi dello scorso anno, circa il 23% dei migranti erano donne rispetto al 19% nel 2018. I paesi dell'UE hanno contato circa 14 600 migranti bambini di età inferiore ai 14 anni nel periodo gennaio-ottobre, quasi mille in più rispetto a tutto il 2018.

Tuttavia I dati preliminari presentati da FRONTEX potrebbero essere superiori al numero effettivo dei singoli migranti, laddove vi siano stati diversi tentativi di sbarco in più Paesi. (08/01/2019-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07