Direttore responsabile Maria Ferrante − giovedì 30 giugno 2022 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

ECONOMIA ITALIANA - COMUNICAZIONI/DORSALE ADRIATICA - PRES. REGIONI EMILIANO, ACQUAROLI, MARSILIO, PALLANTE : "PROGETTO STRATEGICO PER COLMARE DEFICIT PROGRAMMAZIONE UNIONE EUROPEA

(2021-11-12)

  "E' un accordo politico importantissimo" perché permetterà di "colmare un deficit di programmazione sulla linea adriatica da parte dell'Unione europea. Stiamo costringendo, tra virgolette, sia l'Unione europea che il governo italiano a riconoscere la centralità delle città e delle regioni adriatiche anche nel rapporto con la linea tirrenica". Lo ha detto a Bari il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, a margine della conferenza stampa della seconda edizione di "MMAP (Marche, Molise, Abruzzo Puglia). Nuove direzioni per unire l'Italia, un grande progetto strategico per lo sviluppo della Dorsale adriatica centro meridionale".

Nell'ottobre del 2020 tra le quattro Regioni fu firmato un protocollo d'intesa per consolidare le intese in materia di trasporti e vie di comunicazione e ottenere dal governo italiano e dall'Europa il completamento del corridoio della dorsale centro meridionale Adriatica.
Ora, ha aggiunto Emiliano, "si tratta di dare a questi territori una connessione complessiva. Un gesto politico tra Regioni di orientamento politico diverso ma unitissime nella costruzione del futuro delle proprie comunità". "Non c'è un impegno di spesa vero e proprio - ha aggiunto - ma si tratta di inserire la definizione della linea Adriatica nella programmazione europea".

"Un progetto", quello di creare il corridoio sulla dorsale centro meridionale adriatica, "che rimette centrale e rende competitivo tutto un territorio, che è l'unico territorio ad oggi scavalcato": ha dichiarato il presidente della Regione Marche, Francesco Acquaroli, a margine della conferenza stampa. Acquaroli ha sottolineato gli attuali "ritardi sia sulla ferrovia veloce sia sull'autostrada A14", "una strada - ha aggiunto - che non riesce più a sopportare il traffico. Queste due infrastrutture devono essere di aiuto e sostegno ai porti e nell'Adriatico ci sono porti importanti che se supportati possono diventare oggetto di piastre logistiche che possono diventare competitive a livello internazionale e quindi portare occupazione e sviluppo. Per fare questo - ha concluso - servono le infrastrutture".

Per il presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio "Siamo alla vigilia di decisioni molto importanti, epocali, perché l'Europa sta ridefinendo con i governi la rete dei corridoi della mobilità dalle quali la dorsale centro meridionale Adriatica è stata esclusa sino ad oggi con grave nocumento per le attività economiche e per i diritti dei cittadini a spostarsi. La richiesta che le quattro Regioni, Puglia, Molise, Abruzzo e Marche, hanno unitariamente presentato un anno fa a governo ed Europa ha rafforzato il negoziato e oggi è a un punto di svolta, ci attendiamo una risposta positiva per il prolungamento del corridoio che corre lungo la dorsale adriatica".

L'assessore ai trasporti del Molise, Quintino Pallante, ha aggiunto  che ''va un grazie al presidente Emiliano e agli altri presidenti  perché questa iniziativa mette insieme in maniera sinergica le forze  di quattro regioni. La questione dei trasporti è una questione  planetaria non solo per lo sviluppo ma anche per la cultura. 4mila  molisani ogni anno si dirigono fuori dalla nostra regione per altre  mete. E' come se sparisse ogni anno un comune. Confidiamo che questa  iniziativa non solo abbia quindi un sostegno economico e che dia un  sostegno economico alla nostra regione, ma soprattutto conservi i  nostri valori") - "La connessione con la Puglia, con l'Abruzzo e naturalmente con le altre regioni sarebbe un'occasione storica da non  perdere anche per utilizzare i fondi del Pnrr. Serve il sostegno  governativo con un affidamento di risorse, senza fare affidamento solo a un criterio numerico che ci penalizzerebbe da soli viste le nostre  dimensioni'', ha concluso Pallante.(12/11/2021-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07