Direttore responsabile Maria Ferrante − mercoledì 18 maggio 2022 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

ITALIANI, ITALIANI ALL'ESTERO - UCRAINA - V.MIN.ESTERI SERENI: L'UE VUOLE LA PACE NON HA INTERESSE CHE LA GUERRA CONTINUI. E' TEMPO DI CAMBIARE MARCIA.!"

(2022-05-12)

"L’Ue vuole la pace subito perché non ha interesse che la guerra in Europa continui. Restano i due capisaldi dell’alleanza rinsaldata con Washington e dell’aiuto a Kiev per una legittima difesa. Ma per evitare che le conseguenze di medio periodo del conflitto aggravino la crisi economica e sociale è tempo di cambiare marcia I paesi guida dell’Unione facciano sentire la propria voce unita cercando di riannodare i fili del dialogo con Mosca.
Dietro il cambio di rotta del governo sulla questione ucraina, certificato dal colloquio di lunedì scorso alla Casa Bianca di Mario Draghi con Joe Biden, la Vice Ministra degli Esteri Marina Sereni vede la rafforzata sintonia con gli altri paesi europei, in primis Parigi e Berlino.

“La guerra e la crisi – commenta la vice Ministro agli Affari Esteri Marina Sereni- si stanno svolgendo in Europa e la coinvolgono nella sua interezza. Trovo positivo che davanti all’aggressione russa in queste settimane ci sia stata un’unita sostanziale degli Usa e dell’Ue nel condannare l’invasione e aiutare l’Ucraina. Ma noi l’abbiamo aiutata per fermare il conflitto, questo è il sentimento diffuso oggi in Europa. E il presidente Draghi ha fatto benissimo a presentarlo sollecitando agli Stati Uniti l’urgenza di fermare la guerra, ribadendo che stiamo dalla stessa parte della barricata e che bisogna ritrovare la strada del negoziato”.

Abbiamo il dovere di sostenere la difesa degli ucraini, che è poi il mandato del Parlamento al governo dai primi giorni della crisi. E l’aiuto che consente la difesa è il modo di arrivare al negoziato, a meno che qualcuno non pensi che ci si possa arrivare con la resa dell’Ucraina. Ma questo è per me profondamente sbagliato, non possiamo non sanzionare un’aggressione militare di un Paese nei confronti di un altro paese sovrano. Il negoziato si aprirà se sapremo costringere Putin a fermare l’aggressione militare e a creare le condizioni per una tregua.

Ma quali sono gli spiragli diplomatici per una tale iniziativa europea?

Stiamo tenendo un filo con i due paesi che hanno sempre tenuto aperta una prospettiva diplomatica e che sono grado di parlare con Russia e Ucraina, vale a dire Israele e Turchia. Ankara ha avviato una facilitazione che ha consentito incontri a livello abbastanza elevato tra i due ministri degli Esteri dei belligeranti.

L’iniziativa turca ha la struttura più avanzata e possiamo rafforzarla. Siamo sempre in contatto con i negoziatori di Ankara e credo che sia da riprendere la proposta di Enrico Letta che Italia, Germania, Francia, Polonia e Spagna assumano l’iniziativa comune prima di recarsi a Kiev e poi di aprire un dialogo con Mosca. Bisogna assumere l’iniziativa. Con la rielezione del presidente Macron sento una grande sintonia tra le sue parole e quelle del presidente Draghi....(12/05/2022-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07