Direttore responsabile Maria Ferrante − giovedì 21 ottobre 2021 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

CULTURA ITALIANA NEL MONDO - SUMMIT EUROPEO PATRIMONIO CULTURALE: APPELLO DI VENEZIA PER UNA RINNOVATA CULTURA URBANA

(2021-09-22)

Il dibattito di un'intera giornata "Salvare Venezia in via di estinzione e la sua laguna: come ricostruire meglio?" si è tenuto oggi presso la Fondazione Giorgio Cini di Venezia, nell'ambito del Summit Europeo del Patrimonio Culturale .
L'iniziativa è stata organizzata  dall'Associazione dei Comitati Privati ??Internazionali per la Salvaguardia di Venezia  in collaborazione con Europa Nostra  e con il contributo di altre organizzazioni italiane aderenti a Europa Nostra e delle ONG locali interessate.

Ha fornito una piattaforma per le voci del patrimonio, civiche, accademiche ed economiche per proporre soluzioni costruttive, fattibili e concrete per un futuro più sostenibile per Venezia . Ha inoltre posto le basi per una risposta europea più ampia e un'azione comuneper salvare Venezia e la sua Laguna, che Europa Nostra e l'Istituto della Banca europea per gli investimenti hanno dichiarato – già nel 2016 – IL sito del patrimonio più a rischio d'Europa. È culminato con il lancio dell' “ Appello di Venezia per una rinnovata cultura urbana” .

“ Venezia è una città abituata da secoli a rispondere, come tutt'uno con la sua laguna, alle trasformazioni ambientali sempre più urgenti e alle sfide che si rinnovano continuamente ”, ha affermato Paola Marini , Presidente dell'Associazione Internazionale Privati Comitati per la Salvaguardia di Venezia, nel suo discorso di apertura. “ Come molte città storiche, offre un'elevata qualità della vita e può fungere da modello per future città sostenibili, ricca com'è di un denso patrimonio architettonico, artistico e culturale di altissima qualità ”, ha aggiunto.

Questa iniziativa è stata lanciata a Venezia proprio perché si tratta di un caso esemplare tra le città dalla storia millenaria, sia per le tipologie di tutela attuate fino ad oggi, sia per il rischio concreto di perdere quasi tutti i suoi abitanti in sole due generazioni. Se una città come questa è tutelata solo da un punto di vista fisico, e se il suo patrimonio materiale e immateriale è considerato solo in relazione all'economia turistica della città, è inevitabile la perdita della sua complessità e delle potenzialità dei suoi significati e valori.

Sneška Quaedvlieg-Mihailovi? , Segretario Generale di Europa Nostra, ha osservato: “ Abbiamo riunito oggi, probabilmente per la prima volta, le voci più diverse, con l'obiettivo di fornire una piattaforma di discussione, riflessione e scambio; ma, soprattutto, una piattaforma di azione, per intensificare i nostri sforzi nel fornire risposte efficaci a tante gravi minacce a Venezia e alla sua Laguna. Siamo qui oggi per chiedere ancora una volta la conservazione dell'integrità e dell'autenticità di Venezia e della sua Laguna, e l'adozione e l'attuazione di un piano "olistico" a lungo termine per la sua rinascita. Siamo convinti che Venezia possa smettere di essere un sito 'a rischio' e diventare invece un modello, una storia di successo ”.


Molte le voci che si sono sentite nel corso della giornata: esperti, accademici, rappresentanti istituzionali e culturali nazionali e locali, personalità del mondo dell'economia e della società civile, anche in un confronto tra generazioni diverse. Un lungo e vivace dibattito ha toccato le questioni più critiche e scottanti per la salvaguardia e il futuro della Città di Venezia Patrimonio dell'Umanità , dal punto di vista ambientale, economico e sociale. Molti i temi discussi e avanzate proposte: il futuro del porto, il transito delle navi, il Mose, il problema dello spopolamento, la presenza residenziale, la creazione di nuovi posti di lavoro, il potenziamento dei servizi pubblici e sociali, la possibilità di creare un statuto speciale per la città e la regolamentazione del turismo.

Al termine dell'incontro è stato lanciato l' “Appello di Venezia per una cultura urbana rinnovata” da un gruppo di esperti, su iniziativa dei Comitati Privati, che da molti anni lavorano per un futuro migliore per la città e sono sostenuti da Europa Nostra. L'Appello, che sarà presentato anche al Parlamento Europeo , è uno strumento pratico sviluppato dopo approfondite ricerche e le raccomandazioni degli organismi di protezione nazionali e internazionali che, negli ultimi vent'anni, hanno evidenziato le criticità che Venezia dovrà affrontare nel 21 ° secolo e le loro possibili soluzioni.

“ Abbiamo fatto un grande sforzo affinché Venice Appeal rappresenti tutti i Comitati, tenendo presente il valore, la coerenza e la profondità del lavoro di ciascuno di essi, e li ringrazio tutti per questo ”, ha sottolineato la Presidente Paola Marini.

Il punto di partenza è stato il presupposto che manca ancora una normativa aggiornata che riconosca le specificità delle città storiche e ne tuteli la specificità e la diversità alla luce dei radicali mutamenti sociali in atto: mobilità di massa in rapida crescita e allarmante distruzione delle risorse ambientali.

L'Appello di Venezia è stato lanciato oggi con i seguenti obiettivi:

promuovere, diffondere, preservare e trasmettere il patrimonio e promuovere una rinnovata cultura urbana delle città storiche;
sensibilizzare sui rischi connessi alla perdita della cultura e del patrimonio urbano, come lo spopolamento e il declino del tessuto sociale; e
preservare e accumulare la qualità e la diversità del patrimonio materiale e immateriale per garantire una maggiore qualità della vita invece di ridurlo a poche funzioni prevalentemente commerciali e ricettive (tempo libero/turismo) o solo terziarie.

Per promuovere lo sviluppo della cultura e del patrimonio urbano delle città storiche è necessario :

formulare visioni e politiche nazionali per favorire la residenza, il lavoro, l'accesso alla cultura, il rispetto dell'ambiente, la sostenibilità e la ricchezza socio-culturale, e proporre misure normative e fiscali per favorire la residenza;

coinvolgere il settore pubblico e privato in forme di cooperazione tra i cittadini e la pubblica amministrazione per la cura, la gestione e la valorizzazione dei beni comuni;

stimolare e favorire finanziamenti pubblici e privati ??per investimenti sociali ed economici e sostegno a misure di recupero adottando criteri di aggiudicazione finalizzati alla conservazione e allo sviluppo sostenibile per l'assegnazione dei finanziamenti; e
per sostenere l'istruzione, la ricerca e la divulgazione.

I promotori dell'Appello di Venezia hanno concordato di incontrarsi almeno ogni due anni, in sessioni plenarie, in occasione della Biennale di Architettura di Venezia, per discutere i progressi e le criticità incontrate; chiedere ad altre associazioni e istituzioni di concordare la formulazione di misure per la tutela e lo sviluppo della cultura urbana nello spirito dell'Appello di Venezia, tenendo conto delle specificità locali.

L'Appello di Venezia sarà rilanciato durante l'evento conclusivo del Summit, l' European Heritage Policy Agorà “Dal Nuovo Bauhaus Europeo al Nuovo Rinascimento Europeo”, che si terrà il 24 settembre e vedrà la partecipazione del Ministro della Cultura italiano, Dario Franceschini , e numerosi rappresentanti di alto livello delle Istituzioni europee.

Il Summit Europeo del Patrimonio Culturale 2021 a Venezia è organizzato da  Europa Nostra  con il sostegno  dell'Unione Europea  e in collaborazione con altri partner europei e italiani. Il vertice si svolge  con il patrocinio del  del  Parlamento europeo , la  Presidenza slovena del Consiglio dell'Unione europea  e il  Ministero della Cultura Italiana . (22/09/2021-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07