Direttore responsabile Maria Ferrante − martedì 14 luglio 2020 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

LAVORO - SMART WORKING - DALLA CES - SINDACATI EUROPEI- "NECESSARIO CHE I LAVORATORI ABBIANO DIRITTO ALLA DISCONNESSIONE. NETTA SEPARAZIONE TRA TEMPO PROFESSIONALE E PERSONALE"

(2020-06-02)

  Dai  sindacati  europei - CES/ETUC - la richiesta ai datori di lavoro di rispettare il diritto dei lavoratori a disconnettersi dagli strumenti informatici. Allo stato attuale sono milioni le persone che continuano a lavorare da casa pur essendo stato revocato il lockdown.
Prima dell'epidemia, solo una persona su dieci lavorava da casa ogni giorno. Ma una nuova ricerca europea mostra che quasi il 40% dei lavoratori dell'UE ha iniziato a lavorare da casa durante il lockdown

E il "telelavoro" è destinato a diventare permanente al fine di mantenere le distanze sociali negli uffici: Twitter, Dell e Facebook sono tra le aziende che hanno già esteso o reso il lavoro a domicilio permanente.

La CES sostiene il "telelavoro" per il maggior numero possibile di lavoratori in queste circostanze eccezionali, ma siamo vigili sul fatto che lavorare da casa ogni giorno può offuscare il confine tra tempo professionale e personale.

Tuttavia, l'ultimo sondaggio sulle condizioni di lavoro dell'UE mostra che le persone che lavorano regolarmente da casa hanno:
Il doppio delle probabilità di lavorare 48 ore o più a settimana rispetto a quelli che lavorano presso la sede del datore di lavoro;
Sei volte maggiori probabilità di lavorare nel tempo libero
È sono numerosi i lavoratori che riferiscono di svegliarsi ripetutamente durante il sonno. Effetti negativi  causati dal monitoraggio manageriale, dalla domanda di disponibilità costante e dai confini sfocati tra lavoro e vita privata, secondo il Parlamento europeo .

Nel 2002 la CES ha negoziato un accordo con i datori di lavoro sulla regolamentazione del "telelavoro" al fine di aiutare i lavoratori a conciliare la loro vita lavorativa e sociale con una maggiore autonomia. Francia, Italia e Spagna hanno successivamente introdotto il diritto di disconnessione nella legislazione nazionale.

La CES ricorda pertanto ai datori di lavoro che:
I telelavoratori hanno le stesse condizioni di lavoro: è necessario mantenere il normale orario di lavoro
I datori di lavoro hanno la responsabilità di fornire ai lavoratori la formazione e il supporto tecnico necessari
I datori di lavoro devono rispettare la privacy dei telelavoratori: i lavoratori devono avere il diritto di disconnettersi
Il carico di lavoro e gli standard di prestazione rimangono gli stessi di quelli che lavorano nei locali messi a disposizione dal datore di lavoro
I datori di lavoro sono responsabili dell'adozione di misure per garantire che i lavoratori non si isolino

Il vice segretario generale della CES, Esther Lynch, ha dichiarato:

“Il lavoro a domicilio ha permesso a milioni di persone di continuare a guadagnare mantenendo se stessi, le loro famiglie e le loro comunità al sicuro durante l'epidemia di coronavirus.
“Tuttavia, lavorare da casa ogni giorno può portare a ore più lunghe, meno tempo libero e interruzione del sonno a meno che non sia gestito correttamente.

“Poiché il lavoro da casa diventerà una caratteristica permanente della vita lavorativa, i datori di lavoro devono rispettare il diritto di disconnessione dei propri lavoratori e gli Stati membri dovrebbero sancirlo nella legislazione nazionale.

"Le persone che lavorano da casa hanno esattamente gli stessi diritti , tutelati dalla legge, come se  lavorassero in ufficio e dobbiamo garantire che il principio sia applicato."

I risultati degli ultimi dati dell'indagine europea sulle condizioni di lavoro sono disponibili in un rapporto di Eurofound e dell'Organizzazione internazionale del lavoro (https://www.eurofound.europa.eu/sites/default/files/wpef18007.pdf). (02/06/2020-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07