Direttore responsabile Maria Ferrante − mercoledì 18 luglio 2018 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

CULTURA ITALIANA NEL MONDO - REGNO UNITO - ALL'ESTORICK COLLECTION ESTATE NEO FUTURISTA CON IL PROGETTO "MAKE FUTURISM GREAT AGAIN" DEL COLLETTIVO NEO FUTURISTA.

(2018-06-15)

Questa estate, all'Estorick Collection prosegue la serie di interventi di artisti contemporanei con un progetto decisamente ambizioso: "make Futurismo Great Again (#MFGA), un repertorio completo del Collettivo neo futurista Collective "AKA  Joseph Young" che celebra il rumore della città in tutte le sue forme visive e auditive.

Fondato alla fine del 2007 dall'artista Joseph Young (AKA concettuale politico Giuseppe Marinetti), il Collettivo è un gruppo di arco-modernisti; uniti nella speranza di un futuro positivo in cui la tecnologia, l'arte e l'umanità si uniranno per  superare il pessimismo, lo sconforto e utopismo inutile in tutte le sue forme spurie. Il collettivo  Neo futurista  ha esposto ed eseguito le sue performance in tutto il Regno Unito ed a livello internazionale, a Berlino e al Museo d'Arte di Seoul. Nel 2008, a New York City  ha con documentato il crollo della Lehmann Brothers durante una residenza con una performance su Wall Street, dal titolo  (Re) Risveglio di una città, come parte del Conflux Festival.

Il 2013 ha visto un  tour nazionale del Collettivo con The Ballad of Skinny Lattes & Vintage Clothing, un progetto su artisti e gentrification, che culminava in una performance alla Estorick Collection.
Nel 2015, ha presentato Manifesto Popolare presso la Camera dei Comuni in anticipo rispetto alle Elezioni generali del 2015.

"Make Futurismo Great Again (#MFGA) è ispirato dai futuristi di Milano e dal manifesto "l'arte dei rumori" (1913) - vedi https://it.wikisource.org/wiki/I_Manifesti_del_futurismo/L%E2%80%99Arte_dei_rumori - nonché alla poetica del movimento Dada. Un esperimento artistico chedopo 10 anni culmina - e termina - quest'anno.

"Make Futurismo Great Again (#MFGA) sarà di scena  dal 18 luglio al 21 ottobre 2018.

Utilizzando sound art, installazione, materiali e prestazioni di archivio, il collettivo neo futurista sarà presente nelle sale della collezione permanente dell'Estorick sul futurismo, accanto alla  collezione di arte moderna italiana dedicata, appunto, al Futurismo.
  I visitatori saranno in grado di accedere alle informazioni di base per avere delucidazioni sulla storia di ogni oggetto esposto tramite l'applicazione Smartify - disponibile su smartphone e sui tablet a disposizione  presso il museo. Gli oggetti comprendono una bottiglia d'epoca contenente un liquido viola misteriosa ( 'L'essenza del neo Futurismo'), oggetti di scena utilizzati negli spettacoli, manifesti, costumi, foto documentarie e installazioni sonore con le stazioni di ascolto.

Il Collettivo neo futurista si chiede: “Qual'è il futuro per il Futurismo in un'epoca di apocalisse ecologica, la ricaduta continuo di crisi finanziarie globali e l'inizio di una nuova guerra fredda che ha il terrorismo informatico e notizie false come sue armi principali? Può l'Arta salvare il mondo?”

Ad accompagnare il progetto sarà un certo numero di nuove commissioni artistiche, che esploreranno l'eredità del Futurismo italiano nel 21 ° secolo attraverso il suono e i testi. Speak Up! , un programma di coinvolgimento della comunità del collettivo, 'momenti di protesta' documenti in collaborazione con Age UK, The Stewart Low Trust e Claremont Project.

#MFGA si concluderà il 16 ottobre con uno "speciale" ufficiale "The Noise", in cui i visitatori potranno assistere alla distruzione di un collettivo artistico, ma l'iniziativa continuerà fino al 21 ottobre.
--------------------------------------------
L'Estorick Collection of Modern Art italiana è internazionalmente noto per il suo nucleo di opere futuriste. Si compone di circa 120 dipinti, disegni, acquerelli, stampe e sculture di  molti artisti fra i più importanti artisti italiani dell'epoca modernista. Dalla sua apertura nel 1998, l'Estorick ha guadagnato il plauso della critica come un luogo nodale per far conoscere l'arte italiana al pubblico inglese. (15/06/2018-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07