Direttore responsabile Maria Ferrante − mercoledì 1 dicembre 2021 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

ITALIANI ALL'ESTERO - MEDITERRANEO - LEADER LOCALI PAESI EURO- MEDITERRANEI SOLLECITANO AZIONE INTERNAZIONALE "STABILIZZAZIONE" MEDITERRANEO - COLLABORAZIONE FRA CITTA' UE E LIBICHE"

(2017-02-24)

  I leader locali e regionali provenienti dai Paesi del Mediterraneo e dell'Unione Europea hanno inviato ieri da La Valletta un messaggio ai  governi nazionali e alla comunità internazionale perchè si collabori più strettamente  per contribuire a stabilizzare il Nord Africa e il Medio Oriente.
Il conflitto in Libia e le sfide del cambiamento climatico e la migrazione sono stati in particolare, le preoccupazioni espresse dai sindaci, governatori e rappresentanti regionali presso ARLEM.

Nella riunione principale dell'anno, i membri dell'ARLEM, convenuti al Comitato delle regioni (CdR), anche da Stati non UE nella regione del Mediterraneo, hanno sottolineato la recente cooperazione con le città libiche come prova del fatto che, anche in difficili circostanze, le città possono stringere rapporti di cooperazione che contribuiscono alla stabilizzazione.

In una risoluzione sulla Siria, hanno anche detto che sono "pronti a sostenere il popolo siriano nei loro sforzi per porre fine alla guerra civile e combattere l'estremismo e la radicalizzazione", sottolineando che "questo aiuto è in atto in città vicine dando accoglienza ai profughi, impegnati nella emergenza umanitaria ".

Il co-presidente di ARLEM, Markku Markkula, Presidente del Comitato delle regioni, ha dichiarato: "Non possiamo veramente avere un'Europa sicura e prospera se abbiamo un ambiente instabile Il. L'iniziativa di Nicosia , attraverso la quale i partner europei e mediterranei condividono il loro know-how dando un sostegno pratico alle autorità libiche, è solo un esempio di come le autorità locali e regionali possono avere un vero e proprio valore aggiunto, attraverso strumenti come diplomazia delle città e la cooperazione decentrata. Solo lavorando insieme l'Unione europea sarà in grado di trovare risposte sostenibili alla crisi migratoria, traffico di esseri umani, alle guerre esistenti e alla minaccia del terrorismo. "

Il co-presidente, Hani Abdalmasih Al-Hayek, sindaco di Beit Sahour in Palestina, ha affermato a nome dei membri non appartenenti all'UE di ARLEM che: "Gli amministratori locali svilupperanno servizi di base che porteranno alla rinascita economica e sociale delle città in Libia, ma anche in Siria. Tutti noi abbiamo la responsabilità di aiutare come possiamo. Abbiamo anche il dovere di affrontare altre minacce per la stabilità e la sicurezza nella regione mediterranea, come il cambiamento climatico ".

Carmelo Abela, il Ministro per gli affari interni e la sicurezza nazionale di Malta, che attualmente detiene la presidenza del Consiglio dell'Unione europea, ha dichiarato: "E 'solo quando avremo stabilito regole per una migrazione gestita dalle autorità, piuttosto che dai  contrabbandieri di migranti che saremo in grado di dire che stiamo affrontando la migrazione in modo efficiente ed efficace ". Ed  ha aggiunto:" L'Unione europea è seriamente impegnata ad affrontare le cause all'origine della migrazione insieme ai paesi partner di origine e di transito in un contesto UE. Malta ha sempre sostenuto - e questa resta una priorità per il nostro paese, sia come stato membro dell'UE o come l'attuale Presidenza del Consigli-  che la nostra cooperazione trans-continentale dovrebbe essere più completa possibile. E ciò vuol dire e dare uguale importanza a tutti i cinque settori prioritari concordati nel piano d'azione congiunto di la Valetta. "

Le autorità locali siriane, non erano rappresentate in occasione della riunione dell'ARLEM, ma una delegazione dalla Libia - guidato da Abdelrauf Beitelmal, sindaco di Tripoli, e Mustafa al-Baroni, sindaco di Zintan, e comprendente i rappresentanti di Bengasi, Sebha, Sirte, e Tobruk - ha parlato alla sessione plenaria Arlem e anche in conferenza incentrando il suo intervento sulla migrazione .

Mr Beitelmal ha commentato: "I leader locali sono riusciti a mantenere un notevole grado di stabilità in molte parti della Libia nel corso degli ultimi cinque anni, ma la nostra capacità di fornire servizi ha aiutato.
Nel mese di gennaio 2016, abbiamo chiesto ai membri dell'ARLEM aiuto in sei aree: dalla formazione nella gestione finanziaria al supporto per la gestione delle risorse idriche. Regioni come le Fiandre e Murcia, e città come Anversa, Malines, Nicosia e Vila Real de Santo Antonio risposto, e più sostegno è stato promesso. Ci auguriamo che l'Unione europea e la comunità internazionale vedrà questo successo e permetterà la cooperazione a lungo termine. Tutti hanno bisogno di una stabilità in Libia. "

La migrazione dalla Libia è stato un tema centrale nella conferenza sulla migrazione e alla sessione plenaria. Tra i relatori: Bettina Muscheidt, capo della delegazione UE in Libia; Jose Carreira, direttore esecutivo dell'Ufficio europeo di sostegno per l'asilo; Vincenzo Bianco (IT / PSE), relatore del CdR in materia di asilo e sindaco di Catania, una città che negli ultimi anni ha ricevuto molte migliaia di migranti soccorsi nel Mediterraneo; e Peter Bossman (SI / PSE), relatore per il Comitato delle regioni sui partenariati di migrazione dell'UE.

Nel corso della riunione, l'ARLEM ha adottato raccomandazioni in materia di politica energetica e climatica - redatti da Mohamed Sadiki, Sindaco di Rabat - e sulla cooperazione transfrontaliera nel Mediterraneo, elaborato da Francesco Pigliaru, Presidente della Regione Sardegna. La Sardegna ospita l'autorità di gestione di un programma di cooperazione transfrontaliera creata con uno strumento europeo di vicinato dell'UE.

Tra le altre decisioni prese a Malta, l'ARLEM accettato di inviare i propri membri in Tunisia per monitorare le elezioni locali di quest'anno, come parte di una missione organizzata dal Congresso dei poteri locali e regionali del Consiglio d'Europa.

Dal 2015, il Comitato delle regioni ha sviluppato una stretta relazione con le città libiche, con l'obiettivo di migliorare i servizi pubblici in Libia e di aiutare le città libiche ad entrare nella comunità internazionale. Nel gennaio del 2016, su richiesta delle città libiche, il CdR ha accettato di mobilitare e facilitare la collaborazione tra la Libia e le città e regioni UE. Sotto l' iniziativa di Nicosia , chiamato perché l'idea è stata concordata nel capitale di Cipro, le città e le regioni dell'UE hanno finora fornito o promesso sostegno per gli enti locali della Libia nei settori della gestione delle acque, gestione dei rifiuti, l'assistenza sanitaria primaria, la pubblica amministrazione, la lingua formazione, budgeting, la pesca, polizia e contro-radicalizzazione.

In un parere elaborato dal sindaco di Rabat, Mohamed Sadiki, sul tema " Energia e cambiamenti climatici nella regione del Mediterraneo ", l'ARLEM esorta paesi di tutto il Mediterraneo ad allontanarsi dai combustibili fossili, e invita gli Stati membri dell'UE di andare "sopra e oltre "la politica di vicinato per aiutare la regione intraprendere azioni legate al clima. Essa invita i responsabili politici - a tutti i livelli - a considerare il clima in tutte le loro politiche, ed esorta i diplomatici di impegnarsi in più "dialogo regionale", con l'obiettivo di creare un "robusto quadro di cooperazione clima mediterraneo". Allo stesso tempo, essa sostiene che - nel settore energetico - l'Unione europea deve smettere di "negoziati politici tra intere regioni" e, invece, adottare un approccio bilaterale. Tra le raccomandazioni per le autorità locali e regionali, si consiglia loro di aderire al Patto dei Sindaci globale, un approccio bottom-up per azione per il clima in cui le comunità fanno impegni ambiziosi in cambio di supporto tecnico e un più facile accesso ai fondi.

Tuttavia, si raccomanda un approccio "prudente e graduale" per lo sviluppo della cooperazione transfrontaliera nella regione del Mediterraneo a causa della diversità politica, economica e amministrativa e della continua instabilità. Si è evidenziato infatti  che, mentre i programmi transfrontalieri sono popolari fra le autorità locali e regionali, colpiscono le differenze di capacità amministrativa da parte delle autorità nel Mediterraneo meridionale . Per cui vengono chiesti maggiori sforzi per costruire la loro capacità istituzionali e per dare loro più di un ruolo nello sviluppo di programmi.(24/02/2017-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07