Direttore responsabile Maria Ferrante − sabato 14 dicembre 2019 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

IMPRESE ITALIANE NEL MONDO - XIV SESSIONE TASK FORCE ITALO-RUSSA SULLA COLLABORAZIONE PER LO SVILUPPO DELLE PMI E DEI DISTRETTI

(2008-09-09)

    Si informa che la prossima sessione della task force italo-russa sui distretti e le PMI, si svolger? a Sanremo, in Liguria, il 27 e 28 ottobre p.v.

  Come noto, la task force ? stata istituita per favorire lo sviluppo di PMI e distretti in Russia. A tal fine, sono state coinvolte in particolare le Regioni quale espressione diretta delle realt? territoriali.

  La task force, quindi, ? un foro d?incontro tecnico-istituzionale, cui sono chiamate a partecipare le principali realt? italiane e russe preposte allo sviluppo ed all?internazionalizzazione delle PMI, quali le Regioni, le Associazioni di categoria, le Federazioni, le Confederazioni, i Consorzi, il sistema camerale, quello fieristico, etc.. La presenza delle imprese ? auspicata nei casi di interessi diretti ad investimenti in Russia e/o di contatti gi? avviati con controparti locali in un quadro negoziale guidato da rappresentanti ministeriali dei due Paesi .

  I lavori saranno aperti dal Ministro dello Sviluppo Economico, On.le Claudio Scajola e dal Ministro russo dell?Industria e del Commercio, Sig. Viktor Kristenko, in apertura della seduta plenaria del 27 mattina.  Inoltre, l?On.le Claudio Burlando, Presidente della Liguria, porter? un indirizzo di saluto, in qualit? di Presidente della Regione che ospita la presente sessione della task force.

  Da una sintesi sui principali risultati raggiunti si legge: a far data dal vertice di Mosca e Sochi (aprile 2002), tra il Presidente Berlusconi ed il Presidente Putin, che si sta cercando di supportare, a tutti i livelli possibili, il rilancio - ed il salto di qualit? - delle relazioni economiche bilaterali, molte delle quali dipendono, come noto, anche dalle relazioni multilaterali (UE, OCSE, NATO) della Federazione. In tal senso, ? stato di fondamentale importanza il ruolo giocato dal nostro Paese, in ambito UE, per favorire il riconoscimento delle status di ?economia di mercato? alla Federazione, avvenuto nella primavera del 2002, nonch? quello relativo all?abbassamento, in ambito OCSE,  del ?rating? sovrano? della Federazione (cd. ?rischio Paese?), prima dalla VI alla V categoria e successivamente anche dalla V alla IV.

  La task force italo-russa sui distretti rappresenta, in tale contesto, una delle tante leve, a carattere  bilaterale, con le quali si sta cercando di aiutare la Russia ad accelerare il suo processo di industrializzazione, con la creazione, in primis, di un tessuto economico simile a quello occidentale, favorendo ? ovviamente, nei limiti delle possibilit? date all?opera di un singolo Paese -  la diffusione (giuridica, culturale, etc.) di un clima imprenditoriale privato, costituito soprattutto di PMI e di ?distretti industriali?, da crearsi sul modello di quelli italiani e con la partecipazione di aziende italiane.  Questo perch? l?esperienza italiana ha dimostrato che la crescita della nostra economia negli ultimi anni ? stata trainata soprattutto dalla crescita economica dei distretti (ovvero, delle PMI operanti nei distretti), che contribuiscono alla crescita del PIL per una percentuale nettamente superiore a quella delle PMI ?non di distretto?.

  Si pu? affermare, infatti, che le aree distrettuali - e le PMI che ne fanno parte -costituiscono ancora oggi (nonostante la crisi che stanno attraversando molti dei distretti italiani) il pi? importante motore di crescita per il nostro Paese.  Il distretto rappresenta un ?modello di aggregazione?, in cui il ?gioco di squadra? risulta molto valido soprattutto perch? permette alle imprese italiane di superare il proprio limite dimensionale e di sopravvivere alla concorrenza internazionale. L?espansione delle attivit? delle PMI italiane all?estero viene ritenuta ?vincente?, pertanto, allorch? possano riprodursi, anche al di fuori dei confini italiani, quelle (o parte di quelle) coalizioni strategiche strette sul territorio nazionale, ovviamente nei limiti e con le modalit? richieste dai diversi mercati internazionali.

  Finalit? iniziale della Task Force italo-russa era quella di verificare la sussistenza, su quel mercato, dei presupposti giuridici e tecnici per la costituzione di distretti, nel momento in cui era in discussione alla Duma la proposta di legge relativa alla costituzione di ?Zone economiche Speciali?, successivamente approvata con LEGGE FEDERALE 116-?3 del 22 Luglio 2005 e resa esecutiva nel dicembre 2005.  Successivamente, detta task force ha gradualmente ampliati i suoi campi di attivit? sulla base delle esigenze rilevate nel corso dei diversi incontri, seguendo una precisa metodologia di lavoro. Pertanto, sinteticamente, si evidenzia che il gruppo di lavoro si ? finora occupato prevalentemente di: 1) sviluppare la collaborazione tra PMI italiane e russe, attraverso lo sviluppo di rapporti ?istituzionali? tra Regioni russe e Regioni ed Associazioni di categoria italiane; 2) avviare un?attivit? di leasing italiane sul mercato russo, propedeutica alla costituzione di PMI in loco, interfaccia - e potenziali partner - delle PMI italiane (in proposito, ricordiamo che ? stata promossa, proprio dalla task force in questione, la costituzione di una societ? mista di leasing a Mosca tra la Locat (Unicredito) ed un?importante societ? russa (ROSNO); 3) fornire forme di assistenza doganale alle Autorit? delle Regioni russe coinvolte nella costituzione di distretti nel proprio territorio; 4) favorire, in tale ambito, il superamento delle eventuali problematiche inerenti gli investimenti sui reciproci mercati, fornendo garanzie e tutela alle imprese dei due Paesi interessate a collaborare e/o a investire sui mercati russo e italiano; 5) da ultimo, in seguito alla riorganizzazione e razionalizzazione dei gruppi di lavoro che discendono dal Consiglio di Cooperazione bilaterale, del 1994, si occupa anche di sostegno allo sviluppo delle PMI sul territorio russo.

  Per raggiungere il primo degli obiettivi sopra accennati, la metodologia di lavoro seguita dalla Task Force consiste nella raccolta, da parte russa, di progetti concreti di potenziale collaborazione con aziende italiane; tali progetti vengono a loro volta veicolati alle imprese italiane, attraverso le Regioni, Associazioni di categoria ed altri Enti pubblico-istituzionali con i quali il M.C.I. ha in corso Accordi di programma e di settore, atti a cofinanziare gli eventuali progetti in questione.

  Per garantire l?espletamento delle attivit? sinteticamente sopra riportate, in occasione della V sessione della citata task force - tenutasi in Russia (Repubblica di Chuvascia), nell?ottobre 2003 - ? stato elaborato un Memorandum, volto a favorire la creazione di distretti industriali nella Federazione russa; tale Memorandum ? stato successivamente firmato dai Ministri italiani e russi coinvolti, in occasione della visita a Roma del Presidente Putin, nel novembre 2003.

  In occasione, invece, della X sessione della task force, tenutasi a Trieste, nell?ottobre scorso, ? stato firmato un programma triennale di lavoro 2007-2009 per la task force, che costituir? le linee guida su cui si muoveranno i lavori dell?apposito gruppo nel prossimo triennio. L?attivit? della task force procede a ritmo serrato: si realizzano, in media, due sessioni della task force ogni anno (una in Italia ed una in Russia). I settori in cui vengono usualmente concentrati i lavori (anche attraverso la riunione, in tali occasioni, di gruppi informali bilaterali, a livello tecnico) riguardano: a. la collaborazione tecnologico-scientifica bilaterale per lo sviluppo delle PMI (a tal fine, vengono realizzate Tavole Rotonde tematiche sia sui Tecno-Parchi e le Universit? dei due Paesi sia sulle attivit?/strumenti a supporto dello sviluppo delle PMI, con riferimento anche alla citata nuova legge sulle ?Zone Economiche Speciali?); b. collaborazione in campo finanziario e creditizio; c. collaborazione tra Enti dei due Paesi che sostengono lo sviluppo delle PMI e dei distretti (sistemi camerali, sistemi fieristici ed altri Organismi pubblici); d. discussione eliminazione problematiche doganali e barriere amministrative, a supporto dell?insediamento commerciale e produttivo delle PMI e dei distretti italiani sul territorio della Federazione russa.

  Siamo ora arrivati al XIV appuntamento di questo importante gruppo di lavoro, che si svolger? a Sanremo, l?incontro sar? questa volta incentrato prevalentemente su:

Settori innovativi: bio e nano tecnologie; aerospazio; logistica;
Collaborazione ?local to local?: incontro tra Regioni italiane e Regioni russe;
Investimenti delle PMI: Z.E.S. (Zone economiche speciali) - sostegni finanziari ? etc.;

  Si informano gli Enti in indirizzo che le adesioni all?incontro dovranno pervenire entro il 25 settembre p.v. Le  adesioni dovranno essere trasmesse alla scrivente Amministrazione attraverso la compilazione di una apposita scheda di adesione (in via di definizione). In essa,  dovranno essere indicati i temi e i progetti precisi che si intendono trattare, gli obiettivi perseguiti e le controparti russe con cui si vogliono approfondire i contatti, al fine di consentire al co-presidente russo di invitarle ufficialmente in tempo utile per la realizzazione del richiesto match-making.

  Per maggiori informazioni sulle opportunit? offerte da questa regione, si invita a visitare il sito www.regionirusse.it, edito da Informest in collaborazione con l?ICE (finanziato con i fondi del programma straordinario del ?Made in Italy? Russia 2005), oppure il sito www.invest.region48.ru.

  Eventuali progetti che si intendono condividere con altri soggetti italiani potenzialmente interessati potranno, inoltre, essere pubblicizzati sul BLOG creato ad hoc per la task force italo-russa dall?azienda di servizi della CCIAA di Salerno ? Intertrade (per informazioni: intertrade@sa.camcom.it).

    Per aggiornamenti e/o adesioni, si prega visionare la rubrica ?In evidenza? del sito del Ministero Commercio Internazionale (www.mincomes.it), compilando eventualmente la scheda di partecipazione allegata al Comunicato del 31.3.2008.

  Le comunicazioni dovranno essere inviate al competente Ufficio Direzione Generale (Div. IV - att.ne  Dr.ssa Antonella  MARIA ? funzionaria ? tel. 06.59932536; mail: a.maria@mincomes.it; dr.ssa Chiara Gargano: tel. 06.59932622; c.gargano@mincomes.it; dr.ssa Roberta Perini: tel. 06.59932564; mail: r.perini@mincomes.it; punto di contatto: sig.a Cristina Giuliani: tel. 06.59932561; fax: 06.59932635 ? mail: promo4@mincomes.it). (09/09/2008-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07