Direttore responsabile Maria Ferrante − sabato 21 settembre 2019 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

LAVORO - GERMANIA - SINDACATI - HOFFMANN(V.PRES.DGB):"ANCORA MOLTO DA FARE SULL'ORARIO DI LAVORO." NUOVI MODELLI PER RIDURRE STRESS DA LAVORO CORRELATO E CONDIZIONI VITALI PER I PIU' ANZIAN

(2014-12-04)

  Il Presidente della DGB Reiner Hoffmann, il vicepresidente della IG Metall, Jörg Hofmann e il presidente della IG BCE, Michael Vassiliadis hanno presentato oggi a Berlino il nuovo Indice DGB del Buon lavoro 2014. Per questo  focus sono stati consultati  oltre 5800 dipendenti sulle loro condizioni di lavoro.

Il Presidente Reiner Hoffmann ha sottolineato come  l'87 per cento degli intervistati si identifichi  fortemente con il proprio lavoro. "Questo è un vantaggio per le imprese  localizzate in Germania", ha detto Hoffmann. Questo impegno deve però anche essere apprezzato e preservato.
  Le ore di lavoro sono, però, caratterizzate da orari lunghi (il 62% dei lavoratori è impiegato per più di 40 ore / settimana) ed è sotto pressione (56% spesso lavorano sotto pressione). Tre quarti di tutti i dipendenti che devono essere disponibili al di fuori del normale orario di lavoro, molto spesso sono sotto pressione. Molto potrebbero  fare i sindacati ed i consigli di fabbrica, ma non è tutto. "Abbiamo bisogno di una politica anti-stress , tra cui un regolamento anti-stress e il rafforzamento del controllo sanitario e della sicurezza", ha detto il presidente DGB.

Joerg Hofmann, vice presidente della IG Metall, ha chiesto una più equa distribuzione della produzione lavoro. Meno  part-time "forzato" e ore di lavoro più brevi nel lavoro a tempo pieno è la richiesta di molti dipendenti. "I dipendenti vogliono una fase di progettazione degli orari di lavoro . Dobbiamo cercare un nuovo rapporto di lavoro standard che una  riduzione temporanea dell'orario di lavoro per il tempo pieno, un  tempo da impiegare nell'opzione di formazione e di pensionamento flessibile, ha detto il sindacalista. Altre opzioni hanno portato a una migliore qualità delle ore di lavoro. "Così, lo stress  da lavoro-correlato sono ridotte", ha detto Hofmann.

Michael Vassiliadis, presidente della IG BCE,  ha rappresentato invece la forte esigenza di molti lavoratori (49%) di età superiore ai 55 e del 60 per cento nel settore manifatturiero di una graduale riduzione dell'orario di  lavoro.
"Vogliamo che la gente arrivi alla pensione sana", ha detto Vassiliadis. Il 43 per cento degli intervistati ritiene di non essere in grado di esercitare il proprio lavoro nelle condizioni attuali fino alla pensionei. "Vogliamo dunque pensare a  nuovi modelli per facilitare il passaggio al pensionamento  e garantire una riduzione graduale del lavoro. In particolare, si tratta di una settimana di quattro o tre giorni per i lavoratori più anziani", ha detto il presidente della IG BCE. Ma la politica deve necessariamente "garantire condizioni vitali", ha chiesto Vassiliadis. "È concepibile, per esempio, una combinazione di rendita parziale con orario ridotto." (04/12/2014-ITL/ITNET)

LAVORO - GERMANIA - HOFFMANN(V.PRES.DGB):"C'E' ANCORA MOLTO DA FARE IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO." NUOVI MODELLI PER RIDURRE STRESS DA LAVORO CORRELATO E CONDIZIONI VITALI PER I PIU' ANZIAN

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07