Direttore responsabile Maria Ferrante − venerdì 24 settembre 2021 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

FORMAZIONE /LAVORO - EUROPA/ APPRENDISTATO - RAPPORTO COMMISSIONE UE "PROGRESSI EFFICACI E QUALITA' APPRENDISTATO NEI PAESI MEMBRI. PROSEGUE SOSTEGNO COMMISSIONE" SCHEDA: ITALIA

(2021-09-14)

Gli apprendistati sono una forma efficace di apprendimento basato sul lavoro nell'istruzione e formazione professionale che facilita il passaggio dall'istruzione e dalla formazione al lavoro. Al fine di garantire che l'apprendistato sia vantaggioso sia per gli apprendisti che per i datori di lavoro, gli Stati membri dell'Unione Europea hanno concordato nel 2018 un quadro europeo per apprendistati efficaci e di qualità (EFQEA).

La raccomandazione del Consiglio sull'EFQEA definisce 14 criteri di qualità: 7 sulle condizioni di apprendimento e di lavoro e altri 7 sulle condizioni quadro.  ******

La Commissione europea ha pubblicato  oggi un rapporto che fa il punto su come gli Stati membri dell'UE stanno mettendo in pratica il quadro europeo per apprendistati efficaci e di qualità.

A tre anni dall'attuazione della raccomandazione del Consiglio del 2018 su un quadro europeo per apprendistati efficaci e di qualità , la relazione della Commissione mostra che nella maggior parte degli Stati membri sono in vigore i 7 criteri relativi alle condizioni di apprendimento e di lavoro , mentre sono necessari ulteriori progressi nell'attuazione dei 7 criteri sulle condizioni quadro

La relazione conferma che il quadro continua ad essere pertinente e aggiornato e che rimane uno strumento chiave per migliorare la qualità e l'efficacia degli apprendistati in tutta l'UE.

La relazione indica inoltre che il quadro sostiene gli Stati membri in un miglioramento incrementale e continuo dei loro programmi di apprendistato, anche su quei criteri che erano già parzialmente in vigore nel 2018.

La relazione include schede per paese con una valutazione della situazione e dei progressi in ciascuno Stato membro.

Il commissario per l'occupazione ed i diritti sociali, Nicolas Schmit , ha dichiarato: “Gli apprendistati di qualità possono fare una notevole  differenza nell'aiutare le persone a entrare nel mercato del lavoro. Forniscono alle persone esperienze e competenze lavorative reali, diventando la corsia preferenziale per l'occupazione. Sono un ponte verso i posti di lavoro. Incoraggio, quindi, tutti gli Stati membri a continuare a lavorare sodo per dare vita al quadro europeo per apprendistati efficaci e di qualità, in modo da offrire alle persone le competenze di cui hanno bisogno per garantire un'occupazione di qualità".

La Commissione ha dichiarato che  continuerà  a sostenere gli Stati membri nell'attuazione del quadro e più in generale la più ampia comunità dell'apprendistato nel migliorare l'offerta, la qualità e l'immagine degli apprendistati, nonché la mobilità degli apprendisti, anche attraverso l' Alleanza europea per l'apprendistato e l' apprendistato Servizi di supporto

******
Criteri per le condizioni di apprendimento e di lavoro
Contratto scritto
1. Prima dell'inizio dell'apprendistato, dovrebbe essere stipulato un contratto scritto tra il datore di lavoro, l'apprendista e l'istituto di formazione professionale, che definisce diritti e obblighi di ciascuna parte relativamente alla formazione e all'occupazione.

Risultati di apprendimento
2. I datori di lavoro e gli istituti di formazione professionale dovrebbero definire un insieme di risultati di apprendimento globali che garantisca un equilibrio tra competenze professionali specifiche e competenze fondamentali che sostengono lo sviluppo personale e le opportunità di carriera lungo tutto l'arco della vita degli apprendisti, per essere in grado di adattarsi all'evoluzione del percorso professionale.

Supporto pedagogico
3. È opportuno che siano designati formatori interni alle imprese con l'incarico di collaborare da vicino con i fornitori di istruzione e formazione professionale e con gli  IT 14 IT insegnanti per fornire un orientamento agli apprendisti e per garantire un riscontro reciproco e regolare. Gli insegnanti, i formatori e i tutor dovrebbero essere assistiti nell'aggiornare le proprie conoscenze e competenze al fine di formare gli apprendisti seguendo i metodi di insegnamento e di formazione più recenti e le esigenze del mercato del lavoro.

Componente del posto di lavoro
4. Una parte sostanziale dell'esperienza di apprendimento, vale a dire almeno metà dell'apprendistato, dovrebbe essere effettuata in un luogo di lavoro e prevedere la possibilità di effettuare una parte dell'esperienza all'estero.

Retribuzione e/o compenso
5. Gli apprendisti dovrebbero ricevere una retribuzione e/o un compenso in linea con i requisiti nazionali o settoriali o con i contratti collettivi se del caso, e tenendo presente le modalità di ripartizione dei costi tra i datori di lavoro, gli apprendisti e le autorità pubbliche.

Protezione sociale
6. Gli apprendisti dovrebbero avere diritto alla protezione sociale, compresa l'assicurazione richiesta dalla legislazione nazionale.
Condizioni di lavoro e condizioni di salute e di sicurezza

7. Il luogo di lavoro ospitante dovrebbe rispettare le norme e i regolamenti pertinenti in materia di condizioni di lavoro, in particolare le norme in materia di salute e sicurezza.

Criteri per le condizioni quadro
Quadro di regolamentazione

8. Dovrebbe essere attuato un quadro di regolamentazione chiaro e coerente basato su un approccio di partenariato giusto ed equo che comprende un dialogo strutturato e trasparente fra tutte le parti interessate. Può comprendere procedure di accreditamento per le imprese e i posti di lavoro che offrono apprendistati.

Coinvolgimento delle parti sociali
9. Le parti sociali, anche a livello settoriale, dovrebbero essere coinvolte nella progettazione, nella gestione e nell'attuazione dei programmi di apprendistato, in linea con i sistemi nazionali di relazioni industriali e le pratiche in materia di istruzione e formazione.

Sostegno alle imprese
10. Dovrebbe essere fornito un sostegno finanziario e/o non finanziario in particolare alle piccole, medie e micro-imprese, sulla base delle modalità di ripartizione dei costi tra i datori di lavoro, gli apprendisti e le autorità pubbliche, consentendo alle imprese di
offrire apprendistati efficaci in termini di costi.

Percorsi flessibili e mobilità
11. I requisiti di ammissione all'apprendistato dovrebbero tenere conto dell'apprendimento informale e non formale pertinente. L'apprendistato dovrebbe condurre a una qualifica riconosciuta a livello nazionale stabilita conformemente al IT 15 IT quadro europeo delle qualifiche18 e consentire di accedere ad altre opportunità di apprendimento, tra cui livelli di istruzione e formazione superiori e percorsi professionali. La mobilità transnazionale degli apprendisti dovrebbe essere una delle componenti delle qualifiche dell'apprendistato.

Orientamento professionale e sensibilizzazione
12. Dovrebbe essere fornito orientamento professionale, tutoraggio e sostegno al discente durante l'apprendistato al fine di garantire risultati positivi e ridurre l'abbandono. Gli apprendistati dovrebbero essere promossi attraverso attività di sensibilizzazione.

Trasparenza
13. La trasparenza delle offerte di apprendistato e l'accesso alle stesse all'interno e tra gli Stati membri dovrebbero essere garantiti con il sostegno dei servizi per l'impiego pubblici e privati e usando gli strumenti dell'Unione come EURES ove opportuno.

Assicurazione qualità e monitoraggio dei percorsi di carriera
14. Dovrebbero essere attuati approcci per assicurare la qualità coerentemente con il quadro europeo di riferimento per la garanzia della qualità dell'istruzione e della formazione professionale (EQAVET)19, compresa una valutazione corretta e attendibile dei risultati dell'apprendimento. Dovrebbe essere garantito il monitoraggio dell'occupazione e dei progressi degli apprendisti nel percorso
professionale.

Attuazione a livello nazionale
Al fine di attuare la presente raccomandazione è opportuno che gli Stati membri:
15. promuovano il coinvolgimento attivo delle parti sociali nella progettazione, nella gestione e nell'attuazione dei programmi di apprendistato, in linea con i sistemi nazionali di relazioni industriali e le pratiche in materia di istruzione e formazione;

16. includano le pertinenti misure di attuazione nei programmi nazionali di riforma nell'ambito del semestre europeo;

17. tengano conto di tale quadro nell'avvalersi dei fondi e strumenti dell'Unione europea a sostegno dell'apprendistato.

La Commissione dovrebbe fornire il sostegno necessario, anche attraverso le seguenti azioni:

Servizi di sostegno
18. sviluppo di un insieme di servizi di sostegno per la condivisione delle conoscenze, le attività di rete e l'apprendimento reciproco per aiutare gli Stati membri e le parti interessate ad attuare i programmi di apprendistato in linea con tale quadro;

Sensibilizzazione
19. promozione dell'eccellenza e dell'attrattiva degli apprendistati attraverso campagne di sensibilizzazione come la settimana europea delle competenze professionali;

Finanziamento
20. sostegno all'attuazione della presente raccomandazione attraverso idonei finanziamenti dell'Unione, in conformità della pertinente base giuridica;

Seguito
21. monitoraggio dell'attuazione della presente raccomandazione con l'assistenza del comitato consultivo tripartito per la formazione professionale applicando le  disposizioni in materia di informazione nell'ambito del semestre europeo;

22. riferimento al Consiglio in merito all'attuazione del quadro entro tre anni dalla data della sua adozione.


Italia
1. Comprensione degli apprendistati
In Italia, ai sensi dell'articolo 41 del D.Lgs. 81/2015, l'apprendistato è inteso come "lavoro subordinato" contratto a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e al lavoro dei giovani».124 È a tempo indeterminato contratto di lavoro subordinato finalizzato al onseguimento di un titolo di studio e/o di una qualifica professionale – a seconda del tipo di apprendistato – attraverso la combinazione di work-based l'apprendimento e l'istruzione e la formazione fornite dagli istituti di formazione e l'esperienza lavorativa.

2. Integrazione dell'apprendistato nella legislazione nazionale
L'apprendistato in Italia è disciplinato dalle seguenti leggi nazionali: Legge 24/6/1997; Decreto Legislativo 112/2008; Decreto Legislativo 167/2011; Legge 12/11/2011, n. 183; Decreto Legislativo 20/3/2014 n. 34 (cosiddetto Jobs-Act); Legge di conversione 78/2014 (con Dlgs 81/2015 e 150/2015); Decreto Legislativo 81/2015.
I Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro o Accordi Intersettoriali regolano nel dettaglio l'apprendistato con l'obbligo di rispettare alcuni principi generali (indicati nell'articolo 42, D.Lgs 81/2015).

3. Storia degli apprendistati
Gli apprendistati sono stati introdotti per la prima volta in Italia nel 1955, rivolti a persone di età compresa tra i 15 e i 20 anni per sostenere i propri accesso al mercato del lavoro. Nel 1997 sono stati aperti i tirocini a persone dai 16 ai 24 anni, la durata è stato modificato da 18 mesi a quattro anni e un requisito minimo di 120 ore di lavoro sul posto di lavoro è stato introdotto l'apprendimento all'anno.
Le modifiche legislative introdotte nel 2003 hanno dato all'apprendistato la struttura che ha ancora oggi, ovvero costituito da tre diverse tipologie di piani di apprendistato, ammissibili per le persone fino a 29 anni Anni.
Le più recenti riforme del 2011 e del 2015 mirano a promuovere l'occupazione tra i giovani.

4. Schemi di apprendistato
12.0 In Italia esistono tre regimi di apprendistato. Il primo schema (Tipo 1), implementato nel 2015, è il «Tirocinio per qualifica e diploma professionale, diploma di scuola secondaria superiore e superiore attestato di specializzazione tecnica» (Apprendistato per la qualifica e il diploma professionale, il diploma di istruzione secondaria e il certificato di specializzazione tecnica superiore). Il regime consente ai giovani persone come studenti o dipendenti di età compresa tra 15 e 25 anni (scuola secondaria di primo grado) per assolvere il proprio diritto/dovere all'istruzione e alla formazione. Lo scopo del programma è che gli studenti acquisiscano una delle seguenti qualifiche riconosciuto dal sistema di istruzione e formazione: una qualifica professionale, un diploma professionale, un superiore diploma di scuola media superiore o diploma di alta specializzazione tecnica. Nel 2019, 11.059 studenti (o 2,76% di tutti gli apprendisti) erano iscritti a questo schema.

13.0 Il secondo regime (Tipo 3), introdotto nel 2003 e riformato nel 2015, è l'«Istruzione superiore e tirocinio di ricerca” (Apprendistato di alta formazione e ricerca). Questo programma consente ai giovani di età compresa tra i 18 e i 29 anni, come studenti o dipendenti, per acquisire qualifiche solitamente offerte attraverso programmi scolastici a livelli post-secondari e terziari, compreso un dottorato. Lo scopo del programma è quello di aiutare le persone a completare l'istruzione superiore ed entrare nel mercato del lavoro (anche come "ricercatore") attraverso un'esperienza basata sul lavoro.
Nel 2019, 970 studenti (o lo 0,25% di tutti gli apprendisti) sono stati iscritti a questo programma.

14.0 Oltre ai già citati schemi di apprendistato di Tipo 1 e di Tipo 3, esiste anche il Tipo 2 regime di apprendistato, ovvero 'apprendistato orientato all'occupazione e basato sull'impresa. Questo schema era implementato nel 2015 e si rivolge sia ai giovani che ai lavoratori adulti (18-29 anni) che sono stati licenziati.
Ha una componente formativa, ma questa è marginale: un massimo di 120 ore in tre anni, da svolgere all'interno o al di fuori dell'azienda. Nessuna qualifica dal sistema VET formale viene assegnata al completamento, ma l'apprendista può diventare operaio specializzato acquisendo una qualifica contrattuale definita e riconosciuta da contratti collettivi di lavoro.
Nel 2019, 388.225 studenti sono stati iscritti a questo schema, che rappresenta il 76,9% di tutti gli apprendisti).

5. Principali sviluppi da marzo 2018
15.0 Da marzo 2018 in Italia c'è stato uno sviluppo principale per quanto riguarda l'apprendistato. Nel 2019, dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha istituito il Tavolo Tecnico Nazionale per l'Apprendistato.
Il Consiglio è composto dal Ministero dell'Istruzione, dal Ministero dell'Università e della Ricerca, dal Agenzia delle Politiche Attive del Lavoro (ANPAL), la Conferenza Stato Regioni, sindacati e parti sociali, e il suo scopo è promuovere un dialogo strutturato e trasparente tra tutti gli attori coinvolti nell'apprendistato, in in linea con il criterio EFQEA 9. Il consiglio mira a promuovere gli apprendistati di tipo 1 semplificando la legislazione e aumentare l'attrattiva del regime tra le imprese.

6. Valutazione generale
16.0 La tabella seguente dimostra che la maggior parte dei criteri EFQEA erano già pienamente applicati o in larga misura in vigore nel marzo 2018. Solo due criteri (vale a dire i criteri 8, 11 e 14) sono stati evidenziati come unici alquanto a posto.

Tre i criteri su cui si sono fatti più progressi in Italia includono il criterio 7, il criterio 8 e il criterio 9.

Per quanto riguarda il criterio 7, è interessante notare che, sebbene per gli apprendisti il ??posto di lavoro debba essere conforme con le pertinenti norme e regolamenti sulle condizioni di lavoro, in particolare la legislazione in materia di salute e sicurezza stabilita a livello nazionale, il Decreto Interministeriale del 12 ottobre 2015 ha istituito la formazione, tecnica e strutturale requisiti per le imprese che assumono apprendisti. Per quanto riguarda il criterio 8, è importante notare che in al fine di promuovere i percorsi di apprendistato I decreti Direttoristici hanno previsto un aumento dei finanziamenti opportunità di percorsi duali.

Il Ministero del lavoro ha consentito alle Regioni di finanziare percorsi duali con risorse originariamente stanziate solo per i percorsi di IFP. In particolare, dopo aver esaurito il risorse finanziarie previste per i percorsi duali, le regioni potrebbero impiegare nei percorsi duali le risorse finanziarie risorse destinate ai percorsi di IFP. L'obiettivo di questa iniziativa è introdurre  maggiore flessibilità nell'allocazione
fondi e dare alle regioni l'opportunità di valorizzare l'apprendistato di tipo 1 con fondi aggiuntivi. Prima del 2018 questa opportunità non è stata concessa.

Inoltre, in relazione al criterio 9, la piena partecipazione delle parti sociali alla la progettazione, il governo e l'attuazione dei piani di apprendistato è garantita dalla legge. Oltre a questo, in processo di definizione delle politiche, le parti sociali svolgono un ruolo importante partecipando alle iniziative bilaterali regionali comitati e sottoscrivendo accordi decentrati (locali e aziendali).
Con riferimento al Tipo 1, i sindacati e le organizzazioni dei datori di lavoro hanno reagito prontamente alle modifiche del quadro giuridico del 2015 firmando una serie di accordi settoriali e trasversali nazionali o territoriali dedicati.
Inoltre, la creazione del l'organismo di coordinamento centrale “Organismo tecnico per l'apprendistato” chiede la loro consultazione.
I criteri che necessitano ancora di ulteriore lavoro riguardano il criterio 2 e il criterio 11. Al fine di rendere le competenze acquisite attraverso apprendistati più visibili e utili, il Ministero del Lavoro e il Ministero della Pubblica Istruzione nell'ambito della Conferenza StatoRegioni, stanno attualmente sperimentando come effettuare la certificazione dei risultati di apprendimento, comprese le competenze informali (es. competenze trasversali, soft skills) anche negli apprendistati.

Inoltre, per quanto riguarda il criterio 11, la mobilità transnazionale degli apprendisti è promossa dall'Erasmus+Programma, questo è limitato a un numero ristretto di partecipanti: questo si traduce in una debole partecipazione delle imprese e attori socioeconomici come beneficiari del progetto o partner del progetto. Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali (l'Autorità Nazionale in materia di IFP) e INAPP stanno lavorando per sensibilizzare imprese/aziende al fine di promuovere la mobilità degli apprendisti, con particolare riguardo alla promozione di progetti KA1.

Anche il Ministero della Pubblica Istruzione, che si occupa delle esperienze di apprendistato relative a Istituti Tecnici Superiori, ha avviato diversi progetti con la sua Agenzia Nazionale Erasmus+ INDIRE per promuovere la mobilità tra gli apprendisti. (14/09/2021-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07