Direttore responsabile Maria Ferrante − lunedì 8 marzo 2021 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

CULTURA ITALIANA NEL MONDO - FRANCIA/ITALIA - AL LOUVRE "LO SPOSALIZIO DI CANA" DEL VERONESE REALIZZATO DA PALLADIO PER IL REFETTORIO DEL MONASTERO BENEDETTINO NELL'ISOLA DI SAN GIORGIO MAGGIORE A VENEZIA

(2021-01-18)

  Il Louvre custodisce nelle sue collezioni d'arte italiana "le nozze di Cana" un enorme dipinto che rallegrava il refettorio del Monastero bendettino costruito dal Palladio nell'Isola di San Giorgio Maggiore nel 1553 .  Grazie ai colori che rendono viva la scena, l'episodio sacro si trasforma nella splendida scena di un matrimonio veneziano da un'espressione pittorica dignitosa e libera.

Lo spunto viene tratto dalla storia del miracolo di Cana nel corso del quale Cristo è invitato a un banchetto di nozze, dove compie il suo primo miracolo. Alla fine della festa, a corto di vino, Cristo dice ai suoi servi di riempire d'acqua le giare di pietra e di servirle alla governante. E il maestro nota che l'acqua si è trasformata in vino. L'episodio, raccontato dall'apostolo Giovanni, è un evento che prevede l'istituzione del segreto del Santo Corpo. Gli sposi sono seduti sul bordo del tavolo e consegnano il posto centrale a Cristo. Così Cristo è circondato da Nostra Signora, Apostoli, sacerdoti, principi, nobili veneziani, popolo orientale in Turbante, e molti servi e persone. Alcune persone indossano costumi antichi tradizionali, mentre altri, soprattutto donne, indossano acconciature e ornamenti lussuosi.

Veronese dispone  liberamente 130 ospiti invitati, mescolando i personaggi della Bibbia e le persone del suo tempo. L'identità delle genti dell'epoca non è propriamente nota, ma secondo la leggenda settecentesca lo stesso pittore in costume bianco assiste al concerto accanto a Tiziano e Bassano con Viola da Gamba in mano. Si dice che stia facendo. Il maestro di questa cerimonia barbuta è creduto essere la figura di Aletino, lodato dal Veronese. Cani, uccelli, gatti e gatti volano in mezzo alla folla.

Veronese mescola profano e sacro per fare da sfondo al palcoscenico. I simboli religiosi che annunciano la sofferenza di Cristo sono raffigurati accanto a stoviglie in argento del XVI secolo e splendidi lavori in oro e argento. Mobili, credenze, brocche, bicchieri di cristallo e vasi mostrano lo splendore della festa. Di fronte a ogni partecipante seduto attorno al tavolo c'è un set di stoviglie composto da un tovagliolo, una forchetta e un tagliere. In questa doppia interpretazione, anche le parti più piccole sono disegnate con cura.

La carne portata dal servo al centro dell'opera simboleggia il misterioso corpo di Cristo, mentre la lattina di Karin, simbolo del matrimonio, viene servita come dolce agli invitati.
Veronese ha un ambiente davvero carino qui. Il soggetto ha permesso lo sfondo del palcoscenico per disporre le figure.

La composizione dell'opera è divisa in due parti: la parte del cielo dove le nuvole bianche scorrono sopra e la parte del terreno traboccante di folla sotto. I pilastri decorati a flauto con stimmi corinzi rievocano l'ultima architettura del Palladio.
Il pittore sceglie e utilizza preziosi pigmenti d'Oriente dei mercanti veneziani, come il giallo arancio, il rosso vivo e il lapislazzuli, che abbonda nel cielo e nei tessuti. Questi colori giocano un ruolo importante nella chiarezza del dipinto. Allo stesso tempo, il contrasto cromatico contribuisce anche all'individualizzazione delle singole figure. Dopo tre anni di restauro, i colori hanno riacquistato la loro forza e brillantezza originali, e talvolta il mantello indossato dal cerimoniere è stato modificato per passare dal rosso al colore originale, il verde.

I monaci benedetti del Monastero di San Giorgio Maggiore a Venezia ordinarono questo enorme dipinto nel 1562 per decorare la loro nuova sala da pranzo. Il contratto con Veronese per ritrarre il matrimonio è stato dettagliato in ogni dettaglio. I monaci erano particolarmente attenti al fatto che il lavoro doveva essere abbastanza grande da coprire l'intera parete di fondo della caffetteria. L'opera sospesa a 2,5 m da terra dà l'illusione che lo spazio continui sul retro. Veronese ha realizzato in 15 mesi un'opera di 70 metri quadrati, probabilmente con l'aiuto del fratello Benedet Caliari. L'ordine per questo lavoro segna una svolta nell'arte del Veronese e, dopo il successo di questo dipinto, altri monaci chiederanno opere simili per il monastero.
Nonostante le sue dimensioni eccezionali, l'opera fu requisita dall'esercito napoleonico nel 1797, arrotolata e spedita a Parigi (18/01/2021-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07