Direttore responsabile Maria Ferrante − martedì 19 gennaio 2021 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

CULTURA ITALIANA NEL MONDO - REGNO UNITO -ALLA NATIONAL GALLERY L'ARTE DI ARTEMISIA GENTILESCHI A CONFRONTO CON LA GRAPHIC NOVEL "I KNOW WHAT I AM" DI GINA SICILIANO SULLA VITA DI ARTEMISIA

(2021-01-08)

  In un'intervista di Letizia Treves curatrice della mostra alla National Gallery di Londra su Artemisia Gentileschi a Gina Siciliano che ha narrato la vita, il mecenatismo artistico ed i tumulti religiosi dell'epoca di Artemisia  in una graphic novel 'I Know What I Am: The Life and Times of Artemisia Gentileschi'

Di seguito un abstract dell'intervista :
"Nel 2007 ho scoperto il lavoro di Artemisia durante un corso di storia dell'arte al Pacific NW College of Art di Portland, nell'Oregon. Sono rimasta sbalordita dalla sua storia e ho subito avuto l'idea di fare un graphic novel su di lei. Poi, dopo essermi laureata nel 2007, ho visto "Judith Beheading Holofernes" agli Uffizi di Firenze, e l'idea è divenuta realtà nella mia mente.

"I Know What I Am" è la tua prima graphic novel. Sono passati sette anni e devi aver fatto ricerche approfondite - non facili, dato che gli studi sull'Artemisia hanno preso vigore negli ultimi tempi. ?

" Ho iniziato con un anno di ricerca, leggendo qualsiasi cosa potessi trovare sull'Italia del XVII secolo, le donne, la sessualità e la pittura. Doveva diventare abbastanza familiare per trovarmi a mio agio con il mondo di Artemisia prima di poter creare una narrazione credibile. Ed ho continuato a fare ricerche anche mentre lavoravo al libro. Poi mi ci è voluto un altro anno per fare delle ricerche prima di iniziare il terzo segmento del libro, poiché tratta di Napoli, Venezia, Firenze e Londra. Dovevo avere un'idea di tutti quei diversi ambienti. A quel punto ho comprato una tessera della biblioteca dell'Università di Washington, che mi ha aperto un mondo completamente nuovo!

Ho familiarizzato con un nucleo ristretto di studiosi di Artemisia e ho iniziato a pensare alla storia come a qualcosa che fluttua, una sorta di dialogo commovente. È impossibile essere completamente aggiornati perché emergono sempre nuove informazioni e gli studiosi ne discutono continuamente. Ma ho ancora provato. Dopo il ritrovamento delle lettere del 1620 negli archivi Frescobaldi , sono tornata indietro e ho modificato quella parte del libro.

Quando il libro "Artemisia in a Changing Light" è uscito nel 2017, ho parlato di alcune di queste nuove rivelazioni nella sezione delle note in fondo al libro. Gli appunti dimostrano soprattutto il mio coinvolgimento in questo dibattito in corso su Artemisia e il suo lavoro. Non sapremo mai chi fosse  la 'vera' Artemisia, tutto quello che possiamo fare è continuare la discussione, e mettere in mostra tutte le fonti che ci portano a trarre conclusioni.

Faccio fumetti da sempre, da quando ero bambina, quindi combinare parole e immagini  mi sembra un'espressione del tutto naturale. La storia di Artemisia si presta bene al format.

LT: Il libro è diviso in tre parti (o atti): i suoi primi anni di vita (Parte 1); lo stupro e il conseguente processo (Parte 2); e il resto della sua vita (Parte 3). Cosa ha determinato la tua decisione di dedicare due terzi del libro ai primi 18 anni della sua vita (le parti 1 e 2 si chiudono nel 1612, mentre la parte 3 copre un periodo di 50 anni)? Forse perché lo stupro è l'episodio più noto della vita di Artemisia? O semplicemente perché questo episodio e il processo che ne è seguito presentavano possibilità drammatiche maggiori? Dopotutto, i documenti relativi alla sua vita in età avanzata sono frammentari e non evocano un'immagine così vivida del mondo in cui si è trasferita come, ad esempio, le varie dichiarazioni dei testimoni del processo.

GS : Per così tanto tempo ci è sembrato di non sapere molto sulla vita futura di Artemisia. Gli studiosi sono ora in grado di mettere insieme un profilo molto più coerente della sua vita e del suo lavoro, molto diverso da quando ho iniziato. Inizialmente avevo programmato di terminare la storia dopo che Artemisia si era separata dal marito, ma presto ho capito che dovevo fare una biografia completa. Volevo avere come protagonista una donna anziana. Sento che le prospettive delle donne sopra i quarant'anni sono generalmente scarse, all'interno di arte, film, fumetti, letteratura, media e società in generale. Un altro motivo per fare una biografia completa era mostrare che la vita va avanti dopo un trauma estremo, che la sopravvivenza è possibile. L'impatto dell'abuso sessuale non può essere sottovalutato; spesso getta un'ombra sulle vite dei sopravvissuti. Tuttavia, la vita di Artemisia non è finita dopo aver subito abusi sessuali - ha continuato a spingere avanti; spingendosi oltre quell'ombra, ma convivendo sempre con essa. La struttura del libro riflette questo.

LT: Hai detto che uno degli obiettivi chiave del tuo libro era mettere Artemisia "nel contesto". Lei rievoca le città in cui ha vissuto e lavorato così bene (Roma, Firenze e Napoli) e mi sono chiesta quanto di questo fosse dovuto all'esperienza personale: hai viaggiato in questi luoghi o hai letto molto sull'argomento?

GS : Oltre a un viaggio vorticoso in giro per l'Europa nel 2007, non ho mai avuto i soldi, il tempo o le risorse per viaggiare.

LT: Allora il fatto che queste sezioni del tuo libro siano così evocative è ancora più impressionante!

LT: Voglio parlare un po 'del processo creativo. Forse puoi dirci come riesci a mettere insieme un libro come "I Know What I Am"? Inizi con i disegni a matita dei dipinti di Artemisia? Come fai a sapere quali disegnare? Come tracci la trama: la prendi prima sullo schermo o sulla carta?

GS : Per prima cosa prendo appunti, elenchi e contorni. Lavoro sulla scrittura, poi sulla grafica e infine modifico il tutto in miniature (bozze preliminari delle pagine a matita). L'obiettivo era inventare il meno possibile, mettere insieme i fatti con la finzione. Ogni pagina è come un puzzle complesso su cui lavorare, con il proprio stato d'animo, tema e composizione. Ho avuto la fortuna di lavorare con un fantastico editore, Jason Conger. Ha passato molte ore a criticare le prime miniature, in particolare la voce, il flusso e il ritmo. Abbiamo passato le miniature avanti e indietro, finché alla fine non sono stato pronto a usarle come schemi per disegnare le pagine effettive: sempre prima la matita, infine la penna a sfera.

Una biografia di un pittore deve contenere i dipinti, quindi ho intrecciato i dipinti di Artemisia nella narrazione cronologica. Ho scelto il corpo principale del lavoro per cui è conosciuta Artemisia, i dipinti che le sono decisamente più autorevoli, quelli con meno controversie sull'attribuzione. Quando lo spettatore vede un dipinto sulla pagina accanto a immagini del clima sociale / politico e / o della vita personale di Artemisia, lo spettatore vede il dipinto contestualizzato. Questo fa parte del motivo per cui i fumetti sono un ottimo mezzo per una biografia di un artista.

LT : Una delle cose che trovo più avvincente - e di maggior successo - del tuo libro è l'equilibrio tra parole e immagini (siano essi disegni di Artemisia e dei personaggi della sua vita, o disegni dopo i suoi dipinti). Come hai deciso cosa mettere in parole e cosa trasmettere in immagini?

GS : Scegliere cosa disegnare e cosa scrivere è una delle sfide fondamentali per chiunque faccia fumetti. Significa comunicare in due lingue contemporaneamente. Ogni pagina ha i propri criteri che devono essere soddisfatti. Tanti fattori entrano in queste decisioni. A volte è istinto istintivo. Ad esempio, la pagina in cui Artemisia scopre che Prudenzia è la sua unica figlia sopravvissuta - mi è sembrato giusto togliere il testo e lasciare che il lettore fosse lì con Artemisia nei suoi momenti più bui, con quei pannelli neri e un design minimale. Alcune di queste decisioni hanno a che fare con il tempo e il ritmo, capire quanto spazio allocare a ogni diverso episodio e aspetto della vita e del lavoro di Artemisia. Più ho imparato sull'Europa del XVII secolo, più è stato importante trasmettere questa era politicamente e socialmente, il che ha portato ad alcune aree verbose / pesanti. Ma realizzare un prolisso graphic novel sembrava necessario per contestualizzare Artemisia. Altrimenti, stiamo solo proiettando su di lei la nostra mentalità moderna.

LT: Nella carne, i dipinti di Artemisia sono incredibilmente forti: le figure sono generalmente a grandezza naturale, l'illuminazione è drammatica e usa una tavolozza di colori audace e ricca. In qualche modo, sei riuscito a trasmettere una presenza altrettanto forte nei tuoi disegni, anche se sono di scala relativamente piccola ed esclusivamente monocromatici. Hai mai pensato di produrre il tuo romanzo a colori?

GS : Non mi sono mai sentito come se potessi permettermi il colore. Per molti anni ho pubblicato da sola i miei fumetti, il che è costoso. Mi sono abituata al colore che non è mai stato un'opzione (tranne che per la copertina). Non sapevo che Fantagraphics avrebbe pubblicato "I Know What I Am" fino alla fine del viaggio. L'ho presentato a numerosi editori e nessuno lo ha voluto per così tanto tempo, ho pensato che avrei dovuto continuare a pubblicarlo da sola con fondi limitati. Inoltre, quando ho deciso di farlo per la prima volta, gran parte era al di fuori della mia zona di sicurezzza. Quindi volevo almeno che il mezzo fosse  familiare.

LT: Il tuo libro include tutti i dipinti chiave di Artemisia - molte delle immagini della nostra mostra sono riprodotte nel tuo libro, perché ho adottato lo stesso approccio selettivo nella scelta dei prestiti per la mostra. Quanti dipinti di Artemisia conosci in prima persona? Hai potuto viaggiare (in Italia e negli Stati Uniti) per vedere i suoi lavori o hai utilizzato immagini riprodotte nei libri e su Internet?

GS : Ho visto la "Giuditta che decapita Oloferne" degli Uffizi nel 2007 e lo scorso autunno ho visto la versione precedente del 1612. Prima che questo dipinto arrivasse alla National Gallery per la tua mostra, era  al Seattle Art Museum, come parte di un mostra di importanti dipinti italiani del Museo e Real Bosco di Capodimonte di Napoli (ho partecipato a quella mostra e ho disegnato fumetti per essa). Oltre a quei due dipinti, ho visto solo riproduzioni.

Ho copiato i dipinti di Artemisia dalle foto dei libri; un processo immensamente gratificante, meditativo e istruttivo. Ho capito perché copiare le opere degli antichi maestri era considerato la base per imparare ad essere un artista durante i periodi rinascimentale e barocco. Ho imparato molto in questo modo: nei dipinti sono emerse cose diverse che non avevo notato prima. Richiedeva di fissare per ore ogni centimetro di ogni dipinto e mi faceva sentire più vicino ad Artemisia.

Sono sempre stata un lavoratore a basso salario, quindi viaggiare per vedere i dipinti non è mai stata un'opzione. Avrei potuto avere più sostegno se fossi tornato a scuola per questo, ma non volevo passare il resto della mia vita in debito. Quest'anno finalmente ho avuto i soldi per fare un piccolo tour del libro e ovviamente sono venuta alla National Gallery, ma poi è scoppiata la pandemia. Per tutta la mia vita adulta ho voluto vedere questi dipinti di persona più di ogni altra cosa al mondo ... e ora non posso. Quest'anno le persone sono in lutto per la perdita di cari, lavori persi, case perdute; e sono in lutto per i dipinti perduti.

LT: Posso onestamente dire che condivido la tua frustrazione e so che la stessa delusione è provata da tante persone in tutto il mondo. La reazione alla mostra "Artemisia" della National Gallery è stata travolgente, soprattutto da parte di persone che non sono naturalmente attratte dalla "vecchia arte" (dipinti antichi). Nel poco tempo che abbiamo potuto aprire, abbiamo visto aumentare la partecipazione alla mostra tra il pubblico più giovane, quasi certamente perché la storia personale di Artemisia e i potenti dipinti risuonano con la società contemporanea. Stai riscontrando una risposta altrettanto entusiasta? Il tuo libro attraversa i generi e raggiunge un nuovo pubblico? (È già stato ristampato quante volte?)

GS : "I Know What I Am" è stato pubblicato sulla scia del movimento #MeToo, anche se il libro era in fermento molto prima. In qualche modo il tempismo è stato perfetto: il lavoro di Artemisia è stato presentato al Seattle Art Museum e alla National Gallery di Londra proprio quando è uscito il mio libro, quindi ora siamo alla seconda tiratura. Alcuni educatori / insegnanti mi hanno detto che stanno usando il mio libro come strumento didattico. Penso che il libro serva da ponte tra il mondo accademico e un pubblico più ampio e più generale, forse anche un riflesso del mio posto in mezzo. Immergermi nel mondo di Artemisia per così tanto tempo mi ha cambiato e ha cambiato il modo in cui vedo il mondo. Artemisia è stata la mia porta nella storia, quindi posso vedere come lo fornisce anche agli altri. Dobbiamo scavare più a fondo per trovare le voci delle minoranze nella storia. È nostra responsabilità cercare prove di ciò che i poveri, i neri, i bruni, le donne e le persone queer e disabili erano fino a centinaia di anni fa, e come sono sopravvissuti. Quando apprendiamo la loro sopravvivenza, impariamo la nostra stessa sopravvivenza.

LT: Penso che il tuo libro resisterà davvero alla prova del tempo: sicuramente si è assicurato un posto nella mia libreria. E adesso cosa? Stai lavorando a un'altra graphic novel?

GS : Lavoro e penso sempre a molti progetti diversi, ma disegnare fumetti è il mio spazio sicuro, il mezzo a cui torno sempre. Senza rivelare troppo, dirò che non ho finito con il Rinascimento italiano, e sto pianificando e ricercando un altro romanzo grafico che tratta di quel mondo. Sto anche lavorando a quelli che io chiamo "fumetti di saggi": segmenti più brevi, seguiti da note, che a un certo punto potrebbero essere messi insieme in un libro. Ho appena finito un "saggio a fumetti" di dieci pagine sulle proteste di George Floyd, Black Lives Matter e alcuni dei miei scrittori neri americani preferiti come James Baldwin e Lorraine Hansberry. (08/01/2021-ITL/ITNET)


Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07