Direttore responsabile Maria Ferrante − sabato 28 novembre 2020 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

SINDACATI ITALIANI NEL MONDO - EUROPA /LAVORO - CES: "ESTENDERE MISURE EMERGENZA LAVORO FINO AL 2021. APRIRE A LAVORATORI NO STANDARD. PERSEGUIRE "PEOPLE'S RECOVERY"

(2020-11-18)

La Commissione europea ha pubblicato oggi la sua relazione annuale sull'occupazione come parte del pacchetto d'autunno, dal quale emerge che l'UE ha subito il "calo più netto mai registrato" dell'occupazione su due trimestri. " Così, commentando il pacchetto autunnale pubblicato oggi dalla Commissione europea, il segretario confederale della CES Liina Carr, che ha dichiarato:

“Il rapporto di oggi mostra che i lavoratori europei stanno subendo il 'calo più netto mai registrato' nell'occupazione in un periodo di sei mesi a causa della crisi Covid.

“È chiaro che le misure di sostegno al lavoro di emergenza devono essere estese fino al 2021 dall'UE e dagli Stati membri per evitare che la situazione diventi ancora peggiore.

“Non solo i programmi di lavoro a orario ridotto devono essere estesi in termini di durata, ma devono finalmente essere completamente aperti a gruppi di lavoratori non standard che, secondo la Commissione, sono stati 'più gravemente colpiti'.

“Ciò è reso più importante dal momento che il nuovo quadro di valutazione sociale della Commissione mostra che i sistemi di protezione sociale di circa un terzo degli Stati membri sono totalmente impreparati ad affrontare una crisi di disoccupazione.

“Le politiche occupazionali e sociali perseguite dalla Commissione dall'ultima crisi hanno lasciato l'Europa totalmente impreparata alle conseguenze della crisi Covid. Ecco perché questa volta dobbiamo perseguire un People's Recovery che salvi e crei posti di lavoro e ricostruisca il servizio pubblico e la protezione sociale.

"Il rapporto mostra anche, come ha avvertito la CES, che la disoccupazione giovanile è aumentata più della disoccupazione complessiva e che c'è stato un forte aumento dei giovani non occupati, non impegnati nell'istruzione o nella formazione. La risposta non è solo più formazione e competenze, ma anche la creazione di posti di lavoro di qualità ".

Una  ricerca della CES mostra che la disoccupazione raddoppierebbe a 30 milioni se le misure di sostegno al lavoro di emergenza non fossero estese (vedi: http://italiannetwork.it/news.aspx?ln=it&id=63770 )  (18/11/2020-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07