Direttore responsabile Maria Ferrante − sabato 28 novembre 2020 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

LAVORO - DAL POLO UNICO TUTELA MALATTIA INPS: MENO CERTIFICATI 3.501.481 (81,5% SETTORE PRIVATO DI CUI 22,6% AL CENTRO E 21,3% AL SUD) GRAZIE A SMART WORKING

(2020-11-17)

  Dal'Osservatorio Polo unico di tutela della malattia: nel terzo trimestre diminuiscono i certificati ma aumentano i giorni di malattia, crollano le verifiche

Nel terzo trimestre 2020 sono pervenuti all’Inps 3.501.481 certificati di malattia, di cui l’81,5% dal settore privato. Nello stesso periodo del 2019 i certificati erano stati 3.948.078 e la componente privata pari all’80,3%.

La riduzione complessiva del terzo trimestre, dovuta sostanzialmente agli effetti di un ricorso generalizzato al lavoro in modalità agile a causa dell’epidemia di coronavirus, è pari al -16,9% per il settore pubblico e al -10% per il settore privato, con riduzione pressoché equivalente (-8,9%) in entrambi i settori nelle regioni del Nord, mentre si registra una differenza più marcata per le regioni del Centro (-22,6% per il pubblico e -13,9% per il privato) e del Sud (-21,3% il pubblico e -9,1% il privato).

La riduzione del numero dei certificati nel terzo trimestre 2020, è dovuta sostanzialmente agli effetti dell'epidemia di coronavirus iniziata in Italia alla fine di febbraio: come noto infatti, a partire dal 9 marzo 2020 il governo ha messo in atto delle misure per il contenimento dell’epidemia da Covid-19 (cd. lockdown) che prevedevano la chiusura delle aziende private appartenenti a settori di attività economica non essenziali e il regime di smartworking, maggiormente rilevante per i dipendenti pubblici.
Nonostante la ripresa delle attività con la fine del lockdown, il settore pubblico e in parte anche quello
privato, hanno mantenuto quasi esclusivamente la modalità di lavoro agile.
Inoltre sono state confermate ed estese le misure straordinarie di sostegno alle imprese quali i trattamenti di integrazione salariale già introdotte dal mese di marzo. Non va sottovalutato infine che si è mantenuto, anche se in modo meno rigido, un distanziamento sociale che porta di conseguenza ad una
minore possibilità di diffusione di altre malattie stagionali.

Ad una diminuzione del numero di certificati corrisponde un aumento, seppur contenuto, dei giorni di malattia, in particolare nel settore privato (+2,4%). Il numero delle giornate medie di malattia per certificato passa da 5,9 a 6,7 per il settore privato e da 6,0 a 7,3 per il pubblico, un andamento che induce a pensare che i lavoratori si rivolgono al proprio medico soprattutto per patologie che richiedono più giorni di malattia evitando di farlo per malattie meno gravi.

L’emergenza sanitaria ha avuto, come prevedibile, notevoli ripercussioni anche sull’attività ispettiva. Gli accertamenti medico fiscali sono ripresi su tutto il territorio nazionale il 10 agosto, dopo la sospensione iniziata il 9 marzo. Nel terzo trimestre 2020 sono state effettuate 92.448 visite mediche di controllo, il -59,4% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, con una drastica diminuzione di quelle datoriali rispetto a quelle d’ufficio.

Rispetto al terzo trimestre 2019, il tasso di riduzione della prognosi (che misura il numero di visite con riduzione della prognosi rispetto al numero delle visite effettuate) risulta in aumento sia nel settore privato che in quello pubblico, così come il numero medio dei giorni di riduzione prognosi.

Il tasso di idoneità (che misura il numero di visite con esito di idoneità al lavoro rispetto al numero di visite effettuate) è stabile per le visite d’ufficio di entrambi i settori, ma si riscontra una forte diminuzione per quelle datoriali. (17/11/2020-ITL/TNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07