Direttore responsabile Maria Ferrante − martedì 14 luglio 2020 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

CULTURA ITALIANA NEL. MONDO - FRANCIA - APPUNTAMENTO A PARIGI PER LA MOSTRA IMMERSIVA "POMPEI" SUGLI ULTIMI SCAVI CHE HANNO RILEVATO NUOVI PREZIOSI REPERTI

(2020-06-30)

Pompei è un libro a cui nuove  pagine vengono continuamente aggiunte. Ogni nuova generazione riscopre la sua storia e la reinterpreta in base a nuovi metodi e tecniche . Per tre secoli, gli scavi  hanno mostrato straordinarie tracce della vita di tutti i giorni, come gioielli, sculture e ceramiche, riflessi delle vite infrante il giorno in cui il Vesuvio è scoppiato nel 79 d.C.  Negli ultimi anni sono stati condotti nuovi scavi nell'ambito di un progetto su larga scala per proteggere le aree non portate ancora alla luce. Alcuni dei reperti straordinari sono ora allestiti in una mostra a Parigi al Grand Palais, insieme a ricostruzioni virtuali delle nuove ricerche.

La mostra, che avrebbe dovuta essere inaugurata lo scorso mese di marzo rimarrà aperta dal 1 luglio fino al 27 settembre, è stata inaugurata oggi alla presenza dell'ambasciatrice d'Italia, Teresa Castaldo,  con il Ministro della Cultura francese Frank Riester , alla presenza dell'ex ministro della Cultura Jack Lang, del Direttore Generale del Parco Archeologico di Pompei Massimo Osanna, del Presidente della Reunion des Musées Nationaux Grand Palais Chris Dercon, del Presidente dell'Istituto Nazionale delle Ricerche Archeologiche Preventive Dominique Garcia e del Presidente della Gedeon Programmes (società leader francese nel settore dei documentari archeologici) Stéphane Milliere.

"In questo periodo difficile per l'Italia e la Francia, sono molto felice che una parte della mostra di Pompei possa essere offerta in anteprima grazie alla collaborazione del Grand Palais, del Parco Archeologico e di Gédéon. i contenuti consentiranno ai visitatori, in attesa dell'apertura della mostra, di visualizzare in anteprima le immagini degli scavi più recenti effettuati a Pompei, nonché una selezione dei magnifici media prodotti in occasione della mostra Buona visita online e a presto. " ha dichiarato il professor Massimo Osanna, curatore della mostra di Pompei, direttore generale del Parco archeologico di Pompei

Una mostra immersiva,  digitale, un nuovo tipo di esperienza che mette in scena Pompei in un modo spettacolare e impressionante. Per produrre questa esperienza, l'Rmn-GP ha unito le forze con il Parco archeologico di Pompei e con la società GEDEON Programs, leader francese nei documentari archeologici e del patrimonio, che utilizza tecnologie avanzate implementate sul sito (laser mapping, termografia infrarossi, fotogrammetria, ecc.), hanno realizzato scatti ad altissima risoluzione e offrono ricostruzioni 3D estremamente precise.

Le ricerche hanno portato alla luce grandi ed eleganti case, come la Casa con giardino, con i suoi meravigliosi affreschi e graffiti, la Casa di Leda, che deve il suo nome ad un affresco che raffigura il suo incontro erotico con il cigno in una sensualità che non ha perso nulla della sua qualità suggestiva e provocatoria, e la Casa di Orione, che espone sontuosi mosaici che raffigurano storie raccontate sulle stelle. Tutte le scoperte prendono vita in questa mostra immersiva.
I visitatori possono godere dell'esperienza unica di assistere alla più grande campagna di scavi condotta a Pompei dalla fine della seconda guerra mondiale e di essere trasportati nelle strade dell'antica città. Pompei, ancora una volta, diventa una macchina del tempo, riportandoci indietro nel tempo nel susseguirsi della visita

Pompei ha un storia molto antica. Alcuni monumenti, come il Tempio di Apollo e il tempio dorico, datano tra la fine del VII e l'inizio del VI secolo a.C. La città occupava circa 66 ettari, di cui solo 45 sono stati scavati. La città era chiusa da  mura che si annunciavano da lontano per le  13 torri, e l'accesso contrassegnato da sette porte, che introducevano,  attraverso strade lastricate, ad un contesto urbanistico caratterizzato da grandi edifici pubblici, sontuose abitazioni e
negozi. La vita pubblica e religiosa in città era concentrato nella piazza principale del Forum, dominato da nord dal Tempio di Giove. La parte meridionale della città era destinata alle abitazioni ma anche agli edifici dedicati alle esibizioni, come l'anfiteatro dei giochi gladiatori, i Grande teatro e la Palestra, dove giovani pompeiani potevano allenare sia il loro corpo che la loro mente

Il progetto espositivo si articola in quattro padiglioni, denominati domus, dedicati a vari aspetti del sito:
Nella prima domus si trova la presentazione generale di Pompei (la sua posizione geografica, storia, vita quotidiana) mediante un filmato di 2.30 minuti e la proiezione di silhouettes lungo le mura e le strade della città.

Segue la storia degli scavi di Pompei, mediante la proiezione di un filmato di 2.30 minuti con incisioni, dipinti e foto d’archivio del Parco Archeologico.

Quindi  gli scavi condotti nell’ambito del GPPM; con  proiezioni di filmati con interviste a tutti coloro che hanno partecipato a tali scavi (archeologi, architetti, restauratori, vulcanologi, antropologo, archeobotanico, archeozoologo) e una fiction della durata di 5 minuti che ha previsto la ricostruzione in studio dell’area di scavo (vicolo dei Balconi e Casa di Giove) dove è stato ambientato il momento dell’eruzione.

Infine, le proiezioni immersive dei più begli affreschi di Pompei su tre schermi avvolgenti (es. Casa dei Vetti, Casa del Principe di Napoli, Casa della Venere in Conchiglia, Casa di Loreio Tiburtino, Casa dell’Efebo, Casa dei Ceii, Casa del Criptoportico, Casa di Marco Lucrezio Frontone, Insula dei Casti Amanti, Villa dei Misteri).

Le campagne di scavo furono ufficialmente iniziate al tempo di re Carlo III di Borbone nel 1748, furono continuate fino alla metà del 20 ° secolo, scoprendo circa due terzi della superficie originale della città. Ulteriori scavi sono stati avviati nel 2017. L'area a forma di cuneo ha rivelato oltre 1.000 metri quadrati di case eleganti, strade e taverne. diversamente dagli scavi precedenti, queste nuove campagne sono state condotte utilizzando i più avanzati metodi e tecnologia, offrendo un immenso patrimonio di reperti e di informazioni che si sarebbero persi. Sotto questo vasto multidisciplinare
progetto, gli archeologi hanno lavorato a stretto contatto con un esperto , che ha ricostruito la dieta degli abitanti; un archeobotanico, che ha studiato gli spazi verdi, un fisico antropologo, che ha studiato le vittime e analizzato il loro DNA; e vulcanologi, che hanno analizzato il flusso delle eruzione.
Gli affreschi e gli oggetti rinvenuti durante lo scavo sono stati  restaurati ed il processo di restauro è stato documentato.

Gli scavi più recenti ci mostrano suggerimenti su come gli abitanti di Pompei vivevano dentro e fuori delle loro case prima che il Vesuvio sconvolgesse la loro vita, aprendo nuove strade della ricerca. Strade, taverne e case sono state nuovamente portate alla luce. In molti casi, grandi iscrizioni con lettere dipinte in  rosso o in nero rimangono sulle facciate, come antiche testimonianza dell'attiva propaganda elettorale.  Nel frattempo, un'iscrizione a carboncino nell'atrio di una casa con giardino senbra confermare l'ipotesi che si sia verificata l'eruzione nell'autunno del 79 d.C., come datato sulla base di recenti scavi e non il 24 agosto.

Le abitazioni rivelano eccezionali dipinti murali e decorazioni del pavimento, come i mosaici del House of Orion, un unicum che racconta una complesa leggenda sulle stelle. Insieme alle ceramiche scoperte, questi manufatti forniscono indizi sullo stile di vita di un elemento della società pompeiana nel I secolo d.C.

Il vasto numero di dipinti murali di Pompei offre un'opportunità unica per studiare le tecniche pittoriche romane ed il loro  sviluppo nel tempo. Anche i dipinti offrono un linguaggio di simboli e immagini utilizzate dal popolo di Pompei per esprimere la loro identità culturale. Augusto Mau ha sviluppato un sistema di classificazione delle pitture murali di Pompei nella seconda metà del XIX secolo secolo. Nel primo stile (II secolo a.C.-80 a.C.) veniva usato lo stucco per imitare i pannelli di marmo come nelle Case greche. Il secondo stile (80 a.C.-20 a.C.) si sposta verso la rappresentazione prospettica di complessi architettonici e paesaggi che sembra aprire il muro verso l'esterno. Il terzo
stile (20 a.C.-50 d.C.) si discosta da questa profondità prospettica verso dipinti monocromatici, pareti che dividevano lo spazio piatto in verticale sezioni piene di elementi ornamentali e piccoli dipinti raffiguranti temi mitologici.
Il quarto stile (50-79 d.C.) sperimentò tecniche eclettiche e innovative di cui era ricco per contrasti cromatici ed elementi tratti dal secondo e terzo stile.

Il 24 agosto o il 24 ottobre, come suggerito da scoperte recenti, il Vesuvio risvegliò  dopo un lungo periodo di dormienza di otto secoli. Circa quattro chilometri cubi di pietra pomice e la cenere si riversò su Pompei e sui d'intorni in poco più di 30 ore. Secondo il racconto di Plinio il Giovane in una lettera allo storico Tacito, si  era verificata una serie di terremoti
nei giorni precedenti il ??disastro, ma la comunità che viveva ai piedi del vulcano non si era preoccupata. I residenti realizzarono solo ciò che stava accadendo quando iniziò l'eruzione, intorno all'una di pomeriggio. Una nuvola di gas e pietra pomice uscì dalle bocche del vulcano vero un'area di 32 km oscurando il cielo. piovvero lapilli arrivando a  coprire Pompei, causando il crollo dei tetti che crollarono sotto il peso e si accumularono in depositi alti fino a 3 m. La mattina dopo la città fu sopraffatta da flussi piroclastici, con nuvole di cenere e gas che esplodevano a velocità elevate a 100 m al secondo. I piani superiori delle case furono distrutti e tutte le anime rimaste in città perirono. Quando la furia della natura si placò, l'intera città era coperta da un manto bianco.
Erano coperti i corpi delle vittime di ceneri, come congelati nella posizione esatta in cui erano morti. La cenere vulcanica si solidificò lasciando delle forme umane dopo che i resti biologici si furono decomposti
Nel 1863 Giuseppe Fiorelli, direttore degli scavi, sviluppò una tecnica per riprodurre la loro forma iniettando rgesso liquido nelle cavità lasciate dai corpi umani. Una volta indurito, il materiale circostante fu rimosso per rivelare a tutti gli
unici testimoni della tragedia avvenuta nel 79 d.C.

È inoltre prevista l’esposizione di un numero limitato di reperti quali masterpieces dai vecchi scavi e reperti dai nuovi scavi, la cui scoperta e il restauro può essere osservato dal visitatore nei documentari.

Al di la' del fattore prettamente culturale la mostra sul sito archeologico senza pari al mondo, visitato da 4 milioni di persone ogni anno,  ha preso le mosse dal grido di allarme per la carenza di manutenzione che culminò nel 2010 con il crollo della Schola Armaturarum.

La comunità internazionale si allertò sulla necessità di tutelare le più celebri rovine del mondo, il progetto per il restauro e la messa in sicurezza permise di portare alla luce un intero quartiere con straordinari esempi di apparati decorativi, come il raffinato ritratto di donna dalla Casa con giardino, di affreschi raffiguranti divinità e animali e di mosaici eccezionali, ma anche oggetti d'uso quotidiano, scheletri delle vittime dell'eruzione.

La "Réunion des musées nationaux - Grand Palais" ha lanciato l'iniziativa di questa esposizione proprio per condividere con il pubblico le recenti scoperte. Questa "esperienza digitale immersiva" - per la quale il Grand Palais ha collaborato con il Parco archeologico di Pompei e con la società GEDEON Programmes, leader francese nel settore dei documentari archeologici e del patrimonio - mostra Pompei in maniera spettacolare e suggestiva. Grazie all'enorme quantità di materiale illustrativo digitalizzato e alle tecnologie d'avanguardia sul sito (cartografia laser, termografia a infrarossi, fotogrammetria) ha effettuato riprese ad altissima risoluzione e realizzato ricostruzioni in 3D di estrema precisione. L'esperienza digitale permetterà di riascoltare i rumori della città, musiche originali trasporteranno il visitatore nel cuore di Pompei, dandogli l'impressione - nella prima parte - di partecipare prima alla vita frenetica del centro, l'effervescenza delle strade, ricostruite in 3D grazie anche alle riprese effettuate con i droni. Segue la parte dedicata all'eruzione, la cronologia del disastro che il visitatore può vivere in full immersion. La terza parte è consacrata alla riscoperta di Pompei, dimenticata per secoli, narrando la storiadegli scavi dal XVIII secolo, ricordandone il mito e ponendo l'accento sulle scoperte recenti. (30/06/2020-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07