Direttore responsabile Maria Ferrante − martedì 31 marzo 2020 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

ITALIANI ALL'ESTERO - EUROPA - EUROPAR. "SE NON AVREMO ABBASTANZA SOLDI PER ERASMUS +, EUROPA CREATIVA E CORPO EUROPEO DI SOLIDARIETA' DOVREMO RIDIMENSIONARE AMBIZIONI PROSSIMI 7 ANNI"

(2020-02-13)

  Sono in gioco i prossimi sette anni per l'istruzione, la cultura e il volontariato dell'UE, hanno sottolineato oggi gli eurodeputati Verheyen, Zver, Smeriglio, Šojdrova, commentando i triloghi del programma bloccato.

Con i negoziati del trilogo su Erasmus +, Europa creativa e Corpo europeo di solidarietà a un punto morto , la presidente della commissione per la cultura e l'istruzione, Sabine Veryehen (DE, PPE) e le relatrici per i tre programmi -  Milan Zver (SL, PPE) per Erasmus +, Massimiliano Smeriglio (IT, S&D) per Europa creativa e Michaela Šojdrová (CS, PPE) per il Corpo europeo di solidarietà - hanno rilasciato la seguente dichiarazione congiunta:

“I programmi di istruzione, cultura e volontariato dell'UE riuniscono le persone, le aiutano ad imparare le une dalle altre, celebrano la creatività e la diversità e offrono alle persone maggiori possibilità di trovare un lavoro. Il Parlamento, il Consiglio e la Commissione hanno tutti il ??dovere di garantire che i programmi siano pronti per il gennaio 2021 con un budget che corrisponda alle ambizioni che tutti diciamo di condividere per loro. Ma ciò non significa che il Parlamento sia pronto ad accettare qualsiasi cosa ".

"Abbiamo chiesto una triplicazione del bilancio Erasmus + e un raddoppio del bilancio Europa creativa, mentre la proposta della presidenza finlandese di dicembre era addirittura del 20% in base alla proposta della Commissione. Cerchiamo di essere chiari, se non avremo abbastanza soldi per ciascuno dei tre programmi, dovremo ridimensionare le nostre ambizioni per i prossimi sette anni.
Chiediamo, dunque, al Consiglio di andare avanti sul prossimo quadro finanziario pluriennale e di tornare al tavolo dei negoziati con un mandato negoziale completo, anche sulla distribuzione del bilancio: non ha più senso negoziare con le cose chiave fuori dal tavolo. "

"Vorremmo anche ricordare alla Commissione che, sebbene la flessibilità del programma abbia un senso, non possiamo e non tollereremo che i funzionari pubblici prendano grandi decisioni politiche e di bilancio invece dei membri eletti del Parlamento europeo e dei governi nazionali in seno al Consiglio. Non stiamo per dare carta bianca alla Commissione per i prossimi sette anni. Abbiamo chiesto alla Commissione dall'inizio di ottobre un meccanismo adeguato per il processo decisionale nel corso del programma. È tempo di consegnare. "

"Il Parlamento è pronto a riprendere i colloqui in qualsiasi momento, ma prima abbiamo bisogno di proposte concrete da parte della Commissione e di un mandato negoziale completo da parte del Consiglio".(13/02/2020-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07