Direttore responsabile Maria Ferrante − lunedì 30 marzo 2020 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

ITALIANI ALL'ESTERO - REFERENDUM - LE RAGIONI DEL NO: INTERVIENE G.TICCHIO COORDINATORE COMITATO PROMOTORE "NO TAGLIO PARLAMENTARI": "LA LESIONE DEL PRINCIPIO DI RAPPRESENTANZA COLPIREBBE INEVITABILMENTE TUTTE LE RAPPRESENTANZE POLITICHE"

(2020-02-11)

    "Perché bisogna rispondere No al taglio dei Parlamentari" . Ad esporre le ragioni del no è Giuseppe Ticchio esponente della comunita' italiana in Svizzera, e gia' Presidente della Federazione delle Associazioni lucane nella Confederazione Elvetica, oltre che esponente del Comites di Zurigo.

Afferma Ticchio "Il 29 marzo 2020 rappresenta una data molto importante per gli italiani, compresi i sempre piu’ numerosi italiani all’estero. Il 29 marzo 2020, infatti, avrà luogo il Referendum in materia di riduzione del numero del parlamentari".

In particolare: " Il referendum popolare avrà il seguente quesito:

«Approvate il testo della legge costituzionale concernente “Modifiche agli articoli 56, 57 e 59 dellaCostituzione in materia di riduzione del numero dei parlamentari”, approvato dal Parlamento e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana – Serie generale – n. 240 del 12 ottobre 2019?».

In vista di questa scadenza, il Comitato Promotore “No a Taglio dei Parlamentari” istituito a Winterthur (ZH) Svizzera il 31 gennaio 2020 si prefigge di raccogliere adesioni da parte di tutti i Cittadini e Cittadine di buona volontà, compreso dai gruppi Parlamentari dell’arco Costituzionale, perchè nel caso la riduzione dei parlamentari fosse votata dalla maggioranza degli italiani, sono soprattutto gli italiani all’estero che ne subirebbero le pesanti conseguenze."

"Il Comitato - prosegue Ticchio -si propone come trasversale, poichè la lesione del principio di rappresentanza colpirebbe
inevitabilmente tutte le rappresentanze politiche all’interno della circoscrizione Estero.
La circoscrizione Estero è una circoscrizione elettorale italiana nella quale i cittadini italiani iscritti all'Anagrafe degli italiani residenti all'estero (AIRE) e quelli che si trovano temporaneamente fuori dall'Italia per un periodo di almeno tre mesi, i quali possono votare per corrispondenza per eleggere i propri rappresentanti alla Camera dei deputati e al Senato della Repubblica, oltre che per i referendum nazionali.

  Ad oggi i cittadini iscritti all’AIRE sono 6 milioni. Questo numero, che non è esiguo, puo’ contare soltanto su 6 Senatori e 12 Deputati. Ciò vuol dire che eleggiamo  1 senatore per un milione di italiani e un deputato ogni 500.000.

Con la Riforma che porterà il numero dei deputati a 400 e dei senatori a 200, i deputati eletti nella Circoscrizione Estero diventerebbero  otto (anziché 12); quattro i senatori (anziché 6). Ciò  vuol dire che ogni deputato rappresenterä 750.000 italiani all’estero, ed ogni senatore 1.500.000 abitanti.

In Italia, invece,  ogni deputato rappresenta 96.000 persone,ed  ogni senatore quasi 200.000. Con la riforma il numero degli abitanti per deputato aumenta da 96.006 a 151.210. Il numero di abitanti per ciascun senatore crescerà da 188.424 a 302.420.
La sproporzione è enorme e si evince che la legge non è uguale per tutti, nè all’estero nè in Italia. Visto che, anche sul territorio Italiano il taglio dei Parlamentari non è lineare. In alcune regioni il taglio si ferma al disotto del 40% in altre sale oltre il 50%. Percio’ il 29 marzo 2020 votiamo “NO” al taglio dei Parlamentari.

Senza contare, poi,  il rischio che la necessità di alleanze potrà portare alla elezione di candidati sempre piu’ lontani dalle persone e dalla loro esigenze.

La motivazione alla base della riforma è il risparmio ma i numeri dicono che è un non problema. Infatti, dal bilancio della Camera emerge come il costo di ciascun deputato, tra indennità e rimborsi vari, sia pari a 230mila euro all’anno, mentre in base al bilancio del Senato, ciascun senatore costa allo Stato 249.600 euro annui.
  Con il taglio di un terzo dei parlamentari, il risparmio complessivo per le casse statali sarebbe pari a 81,6 milioni di euro ogni anno: quasi 53 milioni di euro alla Camera, e 28,7 milioni al Senato.

Secondo i calcoli del Codacons, ciò si tradurrebbe in un risparmio annuo pari a 3,12 euro a famiglia, ossia 1,35 euro a cittadino. Un importo irrilevante ma che avrebbe  effetti devastanti sul diritto di ogni persona ad essere rappresentata,  sopratttutto per quanto riguarda  noi residenti all’estero, proseguendo nel la tendenza e tenerci sempre piu’  lontani dalla politica italiana, anche se sempre ricordati nell’applicazione di tasse e imposte." conclude la nota di Giuseppe Ticchio Coordinatore del Comitato Promotore “No a Taglio dei Parlamentari”. (11/02/2020-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07