Direttore responsabile Maria Ferrante − venerdì 18 ottobre 2019 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

LAVORO - CRESCE PART TIME E TEMPO DETERMINATO - FONDAZIONE DI VITTORIO : DAL 2008 PIU' OCCUPATI MA MENO ORE LAVORATE

(2019-10-07)

Nel 2° trimestre 2019 il numero di occupati ha superato il livello del 2° trimestre 2008 (+283mila unità). È cambiata tuttavia in modo sostanziale la composizione dell’occupazione. I dipendenti full-time a tempo indeterminato sono calati nello stesso periodo di -544mila unità. Crescono invece fra i lavoratori dipendenti sia i part-time (+1,117milioni) che i tempi determinati (+726mila). È quanto emerge da un’elaborazione della Fondazione Di Vittorio su dati Istat (Rilevazione sulle Forze di Lavoro). Anche il numero di ore lavorate nel 2° trimestre 2019, secondo quanto emerge dallo studio della fondazione della Cgil, è ancora inferiore rispetto al dato del 2° trimestre 2008 (-5,1%).

Per il presidente della FDV, Fulvio Fammoni, “questi dati dimostrano che, se si prendono in esame le tipologie di lavoro, la qualità dell’occupazione italiana, nonostante la variazione positiva dello stock di occupati, peggiora sensibilmente, anche per le caratteristiche di ‘involontarietà’ che la contraddistinguono”.“L’impatto sul mercato del lavoro di un Pil stagnante da ben cinque trimestri e del mancato recupero dei livelli precedenti la crisi - aggiunge il presidente della fondazione - si è per adesso materializzato in termini di peggioramento delle tipologie di lavoro, con la crescita del part-time, del tempo determinato e di un calo di ore lavorate, più che sul numero assoluto di occupati”. “Sono caratteristiche del nostro mercato del lavoro - conclude Fammoni - che i soli dati complessivi riguardanti gli occupati e i disoccupati non sono in grado di cogliere e che, è bene tenere in considerazione nei commenti sulla condizione dell’occupazione nel nostro Paese”.

Per la segretaria confederale della Cgil, Tania Scacchetti: “quanto rilevato conferma le nostre preoccupazioni: la crescita del lavoro ‘povero’, l’aumento della età della popolazione lavorativa, le difficoltà dei giovani ad inserirsi nel mercato del lavoro, la crescita delle teste, ma non delle ore lavorate sono caratteristiche che stanno diventando strutturali, e che si sommano ad alcuni ritardi storici rispetto agli altri Paesi europei come quello del tasso di occupazione”. “Anche se alcuni dati - sottolinea -possono sembrare positivi, come l’aumento dell’occupazione femminile, vanno sempre analizzati tenendo conto di una tendenza negativa sul fronte della conquista di un lavoro dignitoso”. I punti nodali sui quali Governo e parti sociali dovrebbero lavorare, ricorda in conclusione Scacchetti, sono: “investimenti e piano straordinario di assunzioni, a partire dai settori pubblici, contrasto alla precarizzazione, rinnovo e rafforzamento della contrattazione collettiva nazionale, costruzione di un sistema di ammortizzatori che sostenga il lavoro nelle crescenti fasi di discontinuità”.
Sul portale della Cgil la ricerca completa e la sintesi: http://www.cgil.it/lavoro-fdv-cgil-dal-2008-piu-occupati-ma-meno-ore-lavorate-cresce-part-time-involontario-e-tempo-determinato/ .(07/10/2019-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07