Direttore responsabile Maria Ferrante − venerdì 18 ottobre 2019 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

FORMAZIONE ITALIANA - DAL RAPPORTO INVALSI: A SUD SISTEMA SCOLASTICO MENO EFFICACE E MENO EQUO MA ALCUNE VARIAZIONI POSITIVE RSPETTO AL 2018

(2019-07-10)

Alla rilevazione 2019 dei livelli di apprendimento degli studenti delle scuole italiane - RAPPORTO INVALSI  -hanno partecipato: 28.716 classi di seconda primaria (grado 2) per un totale di 525.563 alunni;
29.670 classi di quinta primaria (grado 5) per un totale di 560.550 alunni; 29.231 classi di
terza secondaria di primo grado (grado 8) per un totale di 572.229 alunni; 26.845 classi di
seconda secondaria di secondo grado (grado 10) per un totale di 541.147 alunni; 25.884
classi di quinta secondaria di secondo grado per un totale di 479.482 alunni.

Tutti gli studenti di ogni grado scolare hanno sostenuto, come negli anni precedenti, una
prova di Italiano e una di Matematica. Gli studenti del grado 5, del grado 8 e del grado
13, rilevato per la prima volta nel 2019, hanno sostenuto, oltre alle prove di Italiano e di
Matematica, anche due prove di Inglese: una di comprensione dell’ascolto (Listening) e una di
comprensione della lettura (Reading).

PER QUANTO RIGUARDA L'ITALIANO E LA MATEMATICA

Considerando il livello 3 come livello di adeguato raggiungimento dei traguardi delle
Indicazioni Nazionali e delle Linee Guida, al grado 8 la percentuale di alunni che in Italiano
non raggiunge tale livello è nel Nord Ovest del 30%, nel Nord Est del 28%, nel Centro del
32%, nel Sud del 40% e nel Sud e Isole del 46%.
In Matematica il quadro peggiora e appare ulteriormente differenziato fra le diverse aree
del Paese: la percentuale di alunni che non arriva al livello 3 è del 32% nel Nord Ovest,
del 28% nel Nord Est, del 35% nel Centro, del
48% nel Sud e del 56% nel Sud e Isole. Al grado 10, non raggiunge il livello 3 in Italiano il
21% degli studenti del Nord Ovest, il 20% degli studenti del Nord Est, il 29% degli studenti
del Centro, il 40% degli studenti del Sud e il 44% degli studenti del Sud e Isole; in Matematica
le corrispondenti percentuali sono, nell’ordine, il 25%, il 22%, il 37%, il 51% e il 57%. Infine,
al grado 13, la quota di studenti che non arriva al livello 3 è in Italiano del 22% nel Nord
Ovest, del 23% nel Nord Est, del 34% nel Centro, del 46% nel Sud, del 50% nel Sud e Isole; in
Matematica le percentuali salgono, rispettivamente, al 27%, al 26%, al 43%, al 55% e al 60%.

I RISULTATI IN INGLESE
Differenze analoghe a quelle che si riscontrano fra le macro-aree in Italiano e in Matematica
si osservano anche nella distribuzione degli studenti per livello di conoscenza della lingua
inglese. Nella prova di ascolto, la percentuale di alunni che al grado 5 non raggiunge il
livello stabilito (A1) dalle Indicazioni Nazionali per il ciclo primario è tra il 12% e il 13%
nell’Italia settentrionale e centrale, ma sale al 20% e al 26% nel Sud e nel Sud e Isole.
Queste percentuali crescono nel corso dell’itinerario scolastico in tutto il Paese mentre nel
contempo si ampliano le differenze tra le macro-aree: la quota di studenti che al grado 8
non arriva al livello prescritto (A2) è del 30% nel Nord Ovest, del 25% nel Nord Est, del 35%
nel Centro, del 54% nel Sud e del 61% nel Sud e Isole. Al grado 13 la percentuale di studenti
che non raggiunge il livello previsto (B2) dalle Indicazioni Nazionali e dalle Linee Guida per
il secondo ciclo è di circa il 50% nelle due macro-aree del Nord-Italia, del 64% nel Centro,
del 79% nel Sud e di ben l’84% nel Sud e Isole. Nella prova di lettura i risultati sono migliori,
ma l’andamento è lo stesso che si osserva per la prova di ascolto. Al grado 5 le differenze
tra le macro-aree sono contenute: gli alunni che non raggiungono il livello A1 sono tra il
9% e l’11% nell’Italia settentrionale e centrale, e aumentano di alcuni punti, al 14% e al 17%,
rispettivamente, nel Sud e nel Sud e Isole. Al grado 8 la percentuale di alunni che non arriva al
livello A2 è il 16% nel Nord Ovest, il 13% nel Nord Est, il 19% nel Centro, il 30% nel Sud e quasi
il 39% nel Sud e Isole. Al grado 13 gli studenti che non raggiungono il livello B2 sono il 35%
nelle due macro-aree del Nord-Italia, il 48% nel Centro, il 59% nel Sud e il 66% nel Sud e Isole.

NEL MERIDIONE E NELLE ISOLE I RISULTATI SONO PIÙ BASSI E LA VARIABILITÀ TRA SCUOLE E TRA CLASSI È MAGGIORE MA NEL 2019 SI REGISTRANO ALCUNI MIGLIORAMENTI RISPETTO AL 2018
Il sistema scolastico nell’Italia meridionale e insulare non solo continua ad essere meno
efficace in termini di risultati conseguiti rispetto all’Italia centrale e soprattutto settentrionale,
ma appare anche meno equo: la variabilità dei risultati tra scuole e tra classi nel primo ciclo
d’istruzione è consistente e in ogni caso più alta che al nord e al centro, così come sono più
alte le percentuali di alunni con status socio-economico basso che non raggiungono livelli
adeguati nelle prove. In particolare, destano forti preoccupazioni gli esiti di alcune regioni:
Campania, Calabria, Sicilia e Sardegna. Tuttavia, rispetto al 2018, alcune variazioni in positivo si
osservano nelle quote di alunni che raggiungono i traguardi previsti al termine del primo ciclo
d’istruzione e del biennio del secondo ciclo, in particolare nella macro-area Sud. (VEDI: https://invalsi-areaprove.cineca.it/docs/2019/Rapporto_prove_INVALSI_2019.pdf) (10/07/2019-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07