Direttore responsabile Maria Ferrante − venerdì 19 luglio 2019 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

ITALIANI ALL'ESTERO... EUROPA - SUL FUTURO DELL'EUROPA (DIRETT.CEPS): "NON TEMERE GLI EUROSCETTICI ED AVVIARE NECESSARIO DIBATTITO SUL FUTURO DEL CONTINENTE"

(2019-05-09)

  Secondo Daniel Gros, direttore del Centro per gli studi sull'Europa - CEPS - "Sebbene l'Unione europea sia discutibilmente "popolare" come sempre, il prossimo Parlamento europeo potrebbe ben contenere una notevole minoranza di forze scettiche o ostili a un'ulteriore integrazione". Per Gros, tuttavia, invece di considerarla una minaccia, i cittadini europeisti dovrebbero cogliere l'opportunità di avviare un dibattito necessario sul futuro del continente.

Mentre le elezioni del Parlamento europeo si avvicinano, la maggior parte dei sondaggi di opinione prevede una forte dimostrazione da parte dei partiti che si dichiarano euroscettici a vari livelli. Ma il loro probabile successo rappresenta una reazione non sorprendente contro la recente integrazione europea, piuttosto che l'opposizione alla stessa Unione Europea.
Dopotutto, i partiti euroscettici o "ostili all'euro" non sono una novità. Hanno anche avuto una grande presenza nel primo Parlamento europeo eletto direttamente nel 1979, quando l'UE era conosciuta come la Comunità economica europea (CEE) - o il "Mercato comune" - ed era composta solo da nove stati membri.

Oltre ad essere di gran lunga inferiore rispetto ai 28 membri attuali dell'UE, la CEE ha fatto molto meno. Anche definirlo un mercato comune ora sembra esagerato, perché gli stati membri si erano accordati solo su un'unione doganale con una tariffa esterna comune e una politica commerciale esterna. All'interno della CEE, c'erano ancora controlli doganali sui controlli di merci e passaporti, e molti stati membri proibivano le esportazioni di capitali.
Ed è una testimonianza dei progressi compiuti dall'integrazione europea da allora, sottolinea Gros,  che una delle opzioni per un Regno Unito post-Brexit SIA  rimanere nell'unione doganale dell'UE. Cinquant'anni fa, questo sarebbe stato equivalente alla piena appartenenza.

Nel 1979, i più forti partiti euroscettici erano a sinistra. Si sono opposti al mercato comune perché non gradivano le forze di mercato in generale. Più specificamente, ritenevano che un'ulteriore integrazione europea avrebbe favorito i capitalisti abbassando le barriere commerciali che erano state erette per proteggere i lavoratori.

Con il senno di poi, l'opposizione della sinistra al mercato comune sembra prematura, dato che il commercio degli Stati membri, sebbene in aumento, rappresenta una percentuale molto più piccola del reddito nazionale. All'epoca, il rapporto tra esportazioni e PIL era inferiore al 20% per la maggior parte dei membri più grandi della CEE, rispetto a quasi il 50% di oggi. Ma la tendenza verso una maggiore integrazione economica era già chiara, ei comunisti dell'Europa occidentale e i socialisti intransigenti erano fondamentalmente contrari ad essa.

L'attuale ascesa dei partiti euroscettici, nel frattempo, arriva in un momento in cui l'UE è più popolare che mai, secondo i sondaggi di opinione . Ciò è dovuto principalmente al fatto che i flussi di richiedenti asilo sono stati messi sotto controllo, e perché l'economia europea sta facendo meglio di quanto non lo sia da molto tempo, con la disoccupazione al livello più basso in questo secolo.
Di conseguenza, anche i politici più euroscettici hanno fatto marcia indietro sulla loro opposizione a "Bruxelles". E in Svezia, Francia e Italia, i principali partiti euroscettici hanno abbandonato le loro richieste di lasciare l'euro o l'UE.

Pertanto, non dovremmo considerare l'attuale forza delle forze  euroscettiche come una diffusa insoddisfazione nei confronti di ciò che l'UE sta facendo, o dello stato dell'economia europea. Piuttosto, rappresenta una reazione contro il recente ritmo dell'integrazione europea. Le varie crisi dell'Europa negli ultimi dieci anni hanno portato a un'enorme espansione dei poteri dell'UE, e sarebbe stato sorprendente se i politici nazionali non si fossero opposti a un così grande trasferimento di sovranità.

Allo stesso modo, gli Stati Uniti sono il risultato di un lungo processo di integrazione, caratterizzato da un costante dibattito sulla portata dei diritti degli stati e sul mandato del governo federale. La Federal Reserve statunitense, per esempio, è stata istituita solo dopo più di un secolo di frequenti crisi bancarie.

Le forze politiche che mettono in discussione l'attuale velocità dell'integrazione europea fanno parte di un sano processo democratico. In effetti, si potrebbe persino obiettare che le parti euroscettictiche sono più oneste delle loro controparti tradizionali.
Dopotutto, nonostante la loro retorica europeista, una volta che i partiti tradizionali arrivano al potere a livello nazionale, anche loro sono estremamente riluttanti a trasferire qualsiasi sovranità alle istituzioni dell'UE.

Il vero test verrà dopo le elezioni di questo mese, quando i partiti euroscettici dovranno articolare una visione coerente alternativa dell'Europa e il ruolo dell'UE in esso. È improbabile che una simile visione emerga. I passi fondamentali degli ultimi anni verso un'ulteriore integrazione dell'UE - compresa l'istituzione del meccanismo europeo di stabilità per aiutare gli Stati membri in difficoltà finanziaria, l'unione bancaria dell'UE e l'Agenzia europea di guardia costiera e di frontiera - erano chiaramente necessari, perché gli sforzi nazionali in questi settori non aveva funzionato Significativamente, anche i fedelissimi partiti euroscettici non chiedono che queste istituzioni vengano abolite.

Gli euroscettici affermano vagamente che l'Europa non funziona e che solo loro possono difendere gli interessi dei loro elettori nazionali. Ma in pratica, è stato impossibile tradurre questo "mio paese prima" in una politica coerente all'interno del Parlamento europeo - non da ultimo perché la maggior parte di ciò che l'UE apporta benefici agli Stati membri.

Inoltre, i partiti euroscettici hanno difficoltà a creare coalizioni. I populisti del Nord Europa, per esempio, vorrebbero interrompere ogni forma di assistenza alla periferia dell'UE, mentre le loro controparti dell'Europa meridionale pensano di non ricevere abbastanza sostegno.
Sembra che ora gli europei amino sia l'UE che i populisti . Invece di deplorare questo fatto, e ancor meno considerarlo una minaccia, i cittadini europeisti dovrebbero cogliere l'opportunità di avviare un dibattito necessario sul futuro del continente." conclude Gros. (09/05/2019-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07