Direttore responsabile Maria Ferrante − martedì 25 giugno 2019 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

RICERCA SCIENTIFICA ITALIANA NEL MONDO - MEDICINA - DIMOSTRATO DA RICERCATORI ATENEO PAVIA RUOLO FONDAMENTALE CERVELLETTO NEL CONTROLLO COGNITIVO ED EMOTIVO

(2019-03-08)

Un recente articolo pubblicato su Science ha evidenziato  una nuova frontiera nello studio delle funzioni cerebrali e delle aree che le controllano (ref. 1). Studi recenti condotti dal team del Prof. Egidio D'Angelo presso il Dipartimento di Scienze del Sistema Nervoso e del Comportamento dell'Università di Pavia in collaborazione con l' IRCCS C.Mondino, il Centro Fermi e UCL (refs 2-6), hanno dimostrato il ruolo fondamentale del cervelletto (la seconda maggiore struttura corticale del cervello) non solo nel controllo motorio ma anche nel controllo cognitivo ed emotivo e, inaspettatamente, nel controllo delle interazioni sociali.

Il comportamento può essere definito come una serie coordinata di azioni motorie e neurovegetative indirizzate ad uno specifico obiettivo. Storicamente, i numerosi elementi che contribuiscono a generare la risposta comportamentale sono stati separati e attribuiti a differenti parti del cervello. In tale schematizzazione,  la corteccia cerebrale gioca un ruolo di pianificazione e decisione, i gangli della base controllano la selezione delle azioni , la motivazione e la ricompensa, il cervelletto coordina le azioni motorie, e l'ippocampo consente la navigazione spazio-temporale.

Sebbene questi stereotipi possano aiutare a concettualizzare il modo in cui la risposta comportamentale viene generata, rappresentano una palese semplificazione, in quanto i circuiti cerebrali sono interconnessi a vari livelli e si influenzano reciprocamente. Gli studi di risonanza magnetica nucleare (condotti con la Prof. Claudia Gandini, refs 4-6) e stimolazione magnetica transcranica (ref. 7),  hanno chiarito che il cervelletto è interconnesso in complese reti che ne consentono l'intervento, oltre che nel controllo motorio, anche nella elaborazione delle azioni eseguite dagli altri, nella percezione sensoriale ed emotiva e nel controllo cognitivo.

Inoltre hanno mostrato che il cervelletto è connesso in complesse reti che regolano la transizione del sistema nervoso da un stato di referenza interna a comportamenti orientati a scopi specifici. Un recente lavoro (8) ha dimostrato che il cervelletto contribuisce alla regolazione del rilascio di dopamina nel topo controllando motivazione, ricompensa ed interazione sociale, funzioni classicamente attribuite ad altre strutture cerebrali.

Questi studi suggeriscono che il cervelletto potrebbe contribuire alla patogenesi di malattie del sistema nervoso fino ad ora insospettate, incluse il morbo di Alzheimer, l'autismo e la schizofrenia.

http://www-5.unipv.it/dangelo/wp-content/uploads/the-cerebellum-gets-social.pdf

References
1. E. D’Angelo, Science 363, 229 (2019).
2. E. D’Angelo, Handb. Clin. Neurol. 154, 85 (2018).
3. E. D’Angelo et al., Front. Cell. Neurosci. 6, 116 (2013).
4. F. Palesi et al., Sci. Rep. 7, 12841 (2017).
5. L. Casiraghi et al., Cereb. Cortex 10.1093/cercor/bhy322 (2019).
6. G. Castellazzi et al., Front. Cell. Neurosci. 12, 331 (2018).
7. C. Ferrari et al. Sci Rep. 8, 6722 (2018)
8. I. Carta et al., Science 363, eaav0581 (2019). (08/03/2019-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07