Direttore responsabile Maria Ferrante − lunedì 19 agosto 2019 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

UNIVERSITA' ITALIANE NEL MONDO - MODELLI INDUSTRIALI SU INDUSTRIA 4.0 - APPROCCIO TEDESCO ED APPROCCIO ITALIANO . INIZIATIVA PROMOSSA DA ATENEO DI PARMA IN COLLABORAZIONE CON FONDAZIONE KONRAD ADENAUER

(2019-02-06)

  Mercoledì 13 febbraio, all'Universita' di Parma  è in programma un  seminario di studi Industria 4.0: l’approccio tedesco alla quarta rivoluzione industriale e l’esperienza lungo la Via Emilia, organizzato dalla Cattedra Jean Monnet in collaborazione con la Rappresentanza della Fondazione-Konrad-Adenauer in Italia.

L’iniziativa si inserisce nel quadro delle attività promosse dal Centro Studi in Affari Europei e Internazionali (CSEIA) dell’Ateneo, in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali e il corso di laurea in Scienze Politiche e delle Relazioni Internazionali.

Il programma sarà aperto dagli indirizzi di saluto del Rettore Paolo Andrei, della Presidente del CSEIA Laura Pineschi e della Direttrice della Rappresentanza della Fondazione-Konrad-Adenauer in Italia Caroline Kanter.

La giornata di studi proseguirà poi con tre sessioni.

Nella prima Franco Mosconi, titolare della Cattedra Jean Monnet in Economia Industriale Europea e responsabile scientifico del Seminario, introdurrà i lavori con una relazione dal titolo I perché di un’analisi comparata. Giovanni Notarnicola, Associate Partner di Porsche Consulting, svolgerà la relazione di base dal titolo La ricetta per una trasformazione di successo nell’era digitale.
                                                                                                     
La seconda sessione sarà dedicata alle testimonianze e vedrà protagoniste tre eccellenze produttive emiliano-romagnole - Barilla, Automobili Lamborghini, System Ceramics -, che saranno rappresentate, rispettivamente, da Antonio Copercini (Chief Supply Chain Officer), Ranieri Niccoli (Chief Manufacturing Officer) e Franco Stefani (Chairman).

La terza sessione offrirà l’occasione per un confronto fra il “modello di capitalismo tedesco”, conosciuto in tutto il mondo, e quello che anche nella letteratura economica internazionale è noto come “modello emiliano”. Ne discuteranno Patrizio Bianchi (Assessore della Regione Emilia-Romagna al Coordinamento delle politiche europee allo sviluppo, università, ricerca e lavoro), Peter Kurth (Presidente BDE, Federation of the German Waste, Water and Raw Materials Management Industry) ed Erwin Rauhe (Presidente della Camera di Commercio Italo-Germanica).

Le conclusioni saranno affidate a Romano Prodi, Presidente della Fondazione per la Collaborazione tra i popoli e già Professore ordinario di Economia e Politica Industriale presso la Facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Bologna.

Franco Mosconi spiega così com’è nata l’idea di questo Seminario congiunto italo-tedesco: «La robusta base manifatturiera e la spiccata propensione all’export rendono l’Emilia-Romagna assai simile, nella sua struttura economica di fondo, ai grandi Länder manifatturieri tedeschi, a cominciare dal Baden-Württemberg. E questa struttura è all’origine dei buoni risultati – in alcuni casi, in verità, ottimi – dell’economia emiliano-romagnola di questi anni: non per caso, è la regione ormai identificata, per giudizio condiviso, come ‘locomotiva’ del Paese insieme alla Lombardia. Ecco, dunque, emergere la necessità di approfondire le ragioni vere di queste performance, che hanno molto a che fare col dinamismo dell’industria manifatturiera emiliana lungo la frontiera del progresso tecnologico (Industria 4.0)».

La Direttrice Caroline Kanter si sofferma sulla partnership con la Cattedra Jean Monnet dell’Università di Parma e, più in generale, sull’interesse della Fondazione sui temi dell´Industria 4.0: «In questo ambito, la Regione Emilia-Romagna e in particolare  ciò che si muove lungo la Via Emilia, ove alta è la presenza di imprese di proprietà tedesca, rappresenta una best practice a livello europeo e su scala globale: il tema della ‘Rivoluzione industriale 4.0’ e del  moderno ‘modello emiliano’ riveste per noi particolare interesse, alla luce del ruolo delle industrie tedesche presenti in quel territorio. É con questo spirito che ci auguriamo che questa prima iniziativa congiunta possa contribuire a rafforzare le relazioni bilaterali italo-tedesche e che da questo primo confronto ne possano seguire altri in futuro». (06/02/2019-ITL/ITNET)


Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07