Direttore responsabile Maria Ferrante − lunedì 19 agosto 2019 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

ITALIANI ALL'ESTERO - RIDUZIONE RAPPRESENTANZA - DALLA GERMANIA: GURRIERI (PD): WOLSBURG DICE NO ALLA RIDUZIONE DEI PARLAMENTARI PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO"

(2019-02-05)

  "Quando è stato fissato il numero dei Parlamentari, le proposte, all'inizio, contenute nei disegni di legge sulla rappresentanza parlamentare diretta di cittadini italiani all’estro, prevedevano tutte una rappresentanza complessiva di 30 parlamentari, composta di 20 deputati e 10 senatori.
Il compromesso raggiunto allora ha portato alla definitiva attribuzione del numero di diciotto, di cui 12 alla Camera e 6 alla Camera dei deputati."  lo ricorda Silvestro Gurrieri dal Circolo PD di Wolsburg

"Già nel lontano 20016, quando abbiamo eletto per la prima volta i nostri rappresentanti al Parlamento, un deputato in Italia rappresentava 76.000 elettori, all’estero 225.000: un senatore in Italia 136.000, all’estero 405.000.

Alle ultime politiche nel 2018, infatti, calcolando l’indice di rappresentanza sulla popolazione, un deputato eletto in Italia rappresenta 96.000 abitanti, all’estero circa 400.000 iscritti AIRE; un senatore eletto in Italia rappresenta 192.000 abitanti, all’estero 800.000.

Con la riforma costituzionale che vuole fare questo governo, ci troveremmo con 8 deputati alla camera e 4 senatori al Senato. Questo significa che un deputato eletto in Italia, rappresenterebbe 151.000 abitanti, uno eletto all’estero 687.000 iscritti AIRE; un senatore eletto in Italia 302.000 abitanti, uno all’estero 1.375.000 iscritti AIRE.

Questi sono i motivi perche diciamo no alla diminuzione del numero dei parlamentari eletti dagli Italiani all'Estero." conclude l'esponente del Partito Democratico.(05/02/2019-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07