Direttore responsabile Maria Ferrante − mercoledì 19 giugno 2019 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

IMMIGRAZIONE - RIFORMA DUBLINO - EUROPARLAMENTO AFFRONTERA' SITUAZIONE DI STALLO OLTRE AL MIGLIORAMENTO DELLA GESTIONE DEI FLUSSI E DEI PORTI CHIUSI A MIGRANTI E RICHIEDENTI ASILO

(2019-01-10)

  Martedì 15 dicembre gi eurodeputati faranno il punto sui risultati della riunione dei leader UE del 13-14 dicembre, per poi discutere la riforma della politica europea di asilo e immigrazione.

Nell'occasione del vertice di dicembre il Consiglio europeo aveva preso in esame l'attuazione del suo approccio globale alla migrazione, che combina un controllo più efficace delle frontiere esterne dell'UE, il rafforzamento dell'azione esterna e la dimensione interna, in linea con le conclusioni di giugno e ottobre 2018.

Il Consiglio europeo ha constatato che il numero di attraversamenti illegali delle frontiere riscontrati è stato ridotto ai livelli precedenti alla crisi e che tale andamento discendente persiste. Ciò è  dovuto alla politica migratoria esterna dell'Unione e dei suoi Stati membri, che si fonda in  particolare sul controllo delle frontiere esterne, la lotta contro i trafficanti e la cooperazione con i paesi di origine e di transito, che negli ultimi mesi è stata intensificata. Pertanto, tale politica dovrebbe essere portata avanti, ulteriormente sviluppata e pienamente attuata. È opportuno continuare a sorvegliare tutte le rotte esistenti ed emergenti, soprattutto in considerazione del recente aumento dei flussi sulle rotte del Mediterraneo occidentale e orientale.

Per quanto concerne le politiche interne, il Consiglio europeo ha invitato i colegislatori a portare rapidamente a termine i negoziati sulla guardia di frontiera e costiera europea. Si è compiaciuto dell'accordo raggiunto il 6 dicembre 2018 a livello di Consiglio relativamente al rafforzamento del mandato della guardia di frontiera e costiera europea nel settore dei rimpatri
e della cooperazione con i paesi terzi.
Ha invitato altresì a compiere ulteriori sforzi per concludere i negoziati sulla direttiva rimpatri, sull'Agenzia dell'UE per l'asilo e su tutte le parti del sistema europeo comune di asilo, nel rispetto delle precedenti conclusioni del Consiglio europeo e in
considerazione dei diversi gradi di progresso raggiunti per ciascuno dei fascicoli.

Nel dibattito della prossima settimana, verra'  presa in considerazione la situazione di stallo nella riforma del regime comune in materia di asilo, in particolare la mancanza di progressi nell'aggiornamento del regolamento di Dublino (che determina il Paese competente per una domanda di asilo), sarà anch'essa oggetto di un dibattito con il Consiglio e la Commissione europea.

Il miglioramento della gestione dei flussi migratori verso l'Europa e la questione della ripartizione delle responsabilità tra gli Stati membri dell'UE saranno affrontati nel contesto dei recenti sviluppi nel Mediterraneo e della decisione di alcuni Paesi di non consentire lo sbarco dei migranti e dei richiedenti asilo.(10/01/2019-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07