Direttore responsabile Maria Ferrante − lunedì 10 dicembre 2018 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

DONNE - EUROPA - CONSIGLIO UE APPROVA NUOVA NORMATIVA ATTINENTE A PROBLEMI DI RESPONSABILITA' GENITORIALE TRANSFRONTALIERA

(2018-12-07)

    L'UE vuole rendere più facile e più veloce per le decisioni su questioni di responsabilità genitoriale e sottrazione internazionale di minori da applicare a livello transfrontaliero.

Il Consiglio ha adottato la sua posizione in merito alla revisione del regolamento Bruxelles II bis chiamata che stabilisce norme relative alla competenza, al riconoscimento e all'esecuzione delle decisioni in materia matrimoniale e in materia di responsabilità genitoriale, nonché sulla intra-UE sottrazione di minori.

Essa mira a migliorare le attuali norme giuridiche comunitarie che tutelano i bambini nel contesto delle controversie di responsabilità genitoriale transfrontaliere legate alla custodia, i diritti di accesso e di sottrazione di minori.

"L'interesse e il benessere dei nostri figli al primo posto. Abbiamo concordato oggi nuove regole per fare in modo che sottrazione internazionale di minori e altre questioni di responsabilità genitoriale transfrontaliere sono trattate in modo efficace e che le decisioni vengono applicate rapidamente. Non possiamo lasciare che la vita quotidiana di un bambino di essere compromessi a causa di problemi di cooperazione giudiziaria transfrontaliera. "
Josef Moser, Ministro della Giustizia d'Austria

Josef Moser, Ministro della Giustizia austriaco ha dichiarato: "L'interesse e il benessere dei nostri figli vengono prima abbiamo concordato oggi nuove regole per fare in modo che sottrazione internazionale di minori e altre questioni di responsabilità genitoriale transfrontaliere sono trattate in modo efficace e che le decisioni. vengono applicati rapidamente. non possiamo lasciare che la vita quotidiana di un bambino ad essere minata a causa di problemi di cooperazione giudiziaria transfrontaliera'.

Le nuove regole modificano il regolamento Bruxelles IIa esistente su un numero di aspetti e prevedono in particolare:

    regole avanzate e più chiare in casi di sottrazione di minori intra-UE con l'introduzione, ad esempio, di chiare scadenze per garantire che questi casi sono trattati nel modo più rapido;
    norme più chiare sulla possibilità per il bambino di esprimere il suo / suoi punti di vista, con l'introduzione di un obbligo di dare al bambino una vera ed efficace possibilità di esprimere il suo punto di vista /;
    la completa abolizione dell'exequatur per tutte le decisioni in materia di responsabilità genitoriale. Ciò farà risparmiare tempo e denaro per i cittadini ogni volta che una decisione deve circolare da uno Stato membro ad un altro. Questa soppressione dell'exequatur è associato ad una serie di garanzie;
    disposizioni più chiare sul collocamento di un bambino in un altro Stato membro, compresa la necessità di ottenere il consenso per tutti i posizionamenti, a meno che un bambino deve essere posto con un genitore;
    L'armonizzazione di alcune norme relative alla procedura di esecuzione. Mentre il procedimento di esecuzione resta disciplinato dalla legge dello Stato membro di esecuzione, il regolamento prevede alcuni motivi armonizzate per la sospensione o il rifiuto di esecuzione, dando così maggiore certezza giuridica per genitori e figli.
    norme più chiare sulla circolazione di accordi extragiudiziali. Il testo prevede che questi accordi, per esempio sul divorzio o separazione legale, potranno circolare solo se accompagnati da un certificato speciale.

La proposta è stata presentata dalla Commissione il 30 giugno 2016. E 'soggetta alla procedura legislativa speciale che richiede l'unanimità in seno al Consiglio, previa consultazione del Parlamento europeo. Tutti gli Stati membri, ad eccezione della Danimarca, sono parte di questa legislazione. (07/12/2018-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07