Direttore responsabile Maria Ferrante − mercoledì 12 dicembre 2018 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

CULTURA ITALIANA NEL MONDO - REGNO UNITO - ARRIVANO A LONDRA DUE OPERE DI UMBERTO BOCCIONI ALLA ESTORICK COLLECTION

(2018-11-20)

  Nell’ambito di una collaborazione con Intesa Sanpaolo, dal 21 novembre prossimo al 20 gennaio 2019, la Estorick Collection of Modern Italian Art di Londra, museo dedicato all’arte italiana del ventesimo secolo, ospita due dipinti di Umberto Boccioni
appartenenti alle collezioni d’arte di Intesa Sanpaolo ed esposti in modo permanente nelle Gallerie d’Italia, il museo della Banca a Milano: Tre donne e Officine a Porta Romana. Le opere in prestito verranno esposte nell’ambito della mostra “Woman + Lanscape Umberto Boccioni 1907 – 1912”.

Le due tele di Boccioni si trovano così a dialogare con una selezione di opere del maestro appartenenti alla collezione permanente della Estorick, istituzione impegnata da venti anni a diffondere l’arte italiana presso il pubblico inglese. Questo Special Display metterà a fuoco il passaggio dell’artista dal Divisionismo, al suo incontro con il Futurismo e l’impatto  Dell’estetica cubista, accanto alle due importanti opere di Intesa Sampaolo si troveranno altri capolavori di Boccioni come ad esempio il famosissimo Idolo Moderno che segna il passaggio all’estetica del Futurismo da parte del maestro.

Dopo le collaborazioni con il Metropolitan Museum di New York, l’Hermitage di San Pietroburgo e con numerose altre istituzioni artistiche internazionali, si aggiunge così un nuovo capitolo all’impegno di Intesa Sanpaolo per diffondere all’estero la cultura italiana e il talento artistico del nostro Paese.

Il prestito dei due dipinti rientra nell’ambito del Progetto Cultura di Intesa Sanpaolo, piano triennale delle iniziative con cui la Banca esprime il proprio impegno per la promozione dell’arte e della cultura del nostro Paese illustrato da Michele Coppola, Direttore Arte, Cultura e Beni Storici di Intesa Sanpaolo, che lo guida, nel corso del primo evento del ciclo A2B – Art to Business organizzato dall’Ambasciata italiana a Londra con l’obiettivo di valorizzare l’impatto economico e di immagine del settore, esaltando le eccellenze del mondo dell’arte e gli operatori del settore economico, bancario e finanziario che sostengono la produzione artistica italiana.

Le due opere esposte alla Estorick Collection rappresentano dal punto di vista artistico l’avvicinamento di Boccioni al futurismo. L’imponente olio raffigurante le Tre donne del 1909- 1910 è un dipinto che fu esposto da Boccioni alla Permanente” di Milano del 1910 e raffigura certamente la madre e la sorella dell’artista, mentre l’altra donna è stata identificata come l’amica Ines ritratta altre volte dal pittore. In questa tela, che rimane per certi versi divisionista, si avverte un doppio registro a cui Boccioni attinge nella ritrattistica dopo la firma del Manifesto futurista.

Officine a Porta Romana segna invece uno dei momenti rilevanti nell’opera dell’artista e rappresenta una delle più interessanti fasi nell’analisi della tecnica divisionista, grazie alla quale Boccioni sarà sempre più spinto a sviluppare le traiettorie dinamiche del gesto. In quest’opera l’artista rappresenta infatti una società in pieno sviluppo, in un contesto urbano che si fa sempre più frenetico e dinamico.

Michele Coppola, Direttore Arte, Cultura, Beni Storici Intesa Sanpaolo, ha commentato: “Con il Progetto Cultura, con le straordinarie raccolte d’arte di proprietà e le Gallerie d’Italia a Milano, Napoli e Vicenza, Intesa Sanpaolo rinnova una tradizione delle banche italiane che risale al Rinascimento, interpretandola in chiave internazionale, nelle relazioni con istituzioni culturali di tutto il mondo. L’impegno in arte e cultura è strutturale e connaturato alla nostra Banca. Siamo un
player internazionale anche nel promuovere, con responsabilità e passione, il valore, l’identità e la bellezza artistica del nostro Paese. La partnership con la prestigiosa Estorick Collection di Londra ne è forte testimonianza e permette di valorizzare, attraverso i capolavori di Boccioni custoditi nelle due collezioni, un grande maestro del Novecento italiano.” (20/11/2018-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07