Direttore responsabile Maria Ferrante − venerdì 19 ottobre 2018 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

ITALIANI ALL'ESTERO - DECRETO DIGNITA' - SEN.CARIO (MAIE/ESTERO): MAIE APPREZZA VOLONTA' GOVERNO DI VARARE EPOCA RIFORME STRUTTURALI"

(2018-08-08)

  Prima di esprimere il voto favorevole della Componente MAIE al Senato, il Senatore Adriano Cario ha dichiarato: “Il MAIE, Movimento Associativo Italiani all'Estero, espressione degli italiani nel mondo in questo Parlamento, apprezza e valorizza la volontà di questo Governo di dare un segnale che il Paese si sta veramente avviando verso un’epoca di riforme strutturali”.

“Noi della Componente MAIE riteniamo necessaria e benvenuta la semplificazione degli adempimenti in materia fiscale a carico di professionisti e imprese. In particolare, troviamo fondamentale l’iniziativa tesa a combattere la precarizzazione del lavoro dei nostri giovani”.

“Condividiamo anche la norma del decreto legge rivolta a non permettere che le imprese che percepiscono un aiuto statale possano traslocare, omettendo i propri impegni sociali e impositivi”.

“Per ultimo”, ha concluso il Sen. Cario, “pensiamo che sia giusto abolire gli spot pubblicitari per il gioco d’azzardo: la ludopatia distrugge le famiglie e causa danni individuali e sociali gravissimi”.

Il Senato ha approvato definitivamente la conversione in legge del cosiddetto “decreto dignità”, decreto-legge 12 luglio 2018 n. 87, che prevede l’introduzione di semplificazioni fiscali e di misure tese a combattere la precarizzazione del lavoro, le delocalizzazioni delle aziende che ricevono agevolazioni fiscali e la ludopatia. La settimana scorsa alla Camera dei Deputati, il MAIE aveva già dato il proprio voto favorevole."Conclude il sen. Cario eletto dalla Cirscoscrizione estero Sud America. (08/08/2018-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07