Direttore responsabile Maria Ferrante − giovedì 18 ottobre 2018 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

ITALIANI ALL'ESTERO - BREXIT - DA COMITATO REGIONI RISOLUZIONE "LA UE AIUTI LE REGIONI PIU' COLPITE DAL RITIRO DEL REGNO UNITO DALL'UNIONE EUROPEA"

(2018-05-17)

  Gli enti locali e regionali dell'Unione europea non devono essere "lasciati a che fare da soli" con le sfide create dal ritiro del Regno Unito. E' quanto affermato oggi in una risoluzione dal Comitato delle regioni che hanno espresso preoccupazione per la mancanza di progressi nei colloqui tra il Regno Unito e l'Unione europea.

La risoluzione , che è stata approvata all'unanimità, "mette in luce", che ci deve essere nessuna chiusura nei confronti dell'isola d'Irlanda e sostiene, inoltre, che occorre "mitigare" gli effetti negativi della Brexit sulle economie regionali, per cui l'UE dovrebbe mantenere una forte politica di sviluppo regionale, facendo ricorso alle politiche agricole e della pesca, oltre al fatto che potrebbe essere necessario varare regole più flessibili sugli aiuti di Stato. Il Comitato chiede inoltre alla Commissione europea di valutare la "eventuale necessità di un fondo di stabilizzazione per le regioni più colpite dal ritiro del Regno Unito dalla UE".

E sebbene il CdR non abbia alcun ruolo formale nei negoziati, sottolinea la presenza di alcuni dei suoi membri e di  autorità che in ogni caso le rappresentano, per cui saranno adottate  posizioni formali nel quadro giuridico nazionale, anche per quanto riguarda il commercio.

Karl-Heinz Lambertz, il presidente del Comitato delle regioni, ha dichiarato a tal proposito: "L'uscita del Regno Unito  dall'Unione europea il 29 marzo 2019 rischia di creare maggiori problemi per le autorità locali e regionali in tutta l'UE Ma finora v'è stata una scarsa attenzione nei colloqui sulle implicazioni di Brexit per le regioni e le città di tutta Europa.

E poiché ci sono indicazioni circa il futuro delle relazioni UK-EU, le autorità locali e regionali stanno preparandosi a presentare dei progetti. In ogni caso il punto di partenza deve essere quello di evitare una dura posizione nei confronti dell'Irlanda e proseguire nell'attuazione de programmi dell'UE - come la pace dell'UE e Interreg - che hanno contribuito a costruire la pace con l'accordo del Venerdì Santo ".

Karl-Heinz Lambertz,  ha poi proseguito: "Questo è il momento del pragmatismo, nei negoziati e nel bilancio post-Brexit dell'UE, ed invece, ci sono proposte che prevedono di tagliare i più importanti fondi di solidarietà e di investimento - la politica di coesione - e dobbiamo ancora avere prove che sociale e fondi agricoli e della pesca saranno utilizzati per attenuare l'impatto della Brexit." 

Il Presidente Lambertz ed i rappresentanti dei cinque gruppi politici del CdR visiteranno Dublino il 22 maggio e saranno poi, il 23 maggio nell'Irlanda del Nord per incontrare il governo locale, le associazioni locali, le aziende del territorio, oltre che visitare l'area del confine.

Un sondaggio condotto dal CdR presso i suoi membri ed un sondaggio condotto con Eurochambres di una selezione più ampia di autorità e Camere di commercio in tutta l'UE locali e regionali indicano che, dopo il Regno Unito, Brexit dovrebbe avere un impatto economico particolarmente duro sull'Irlanda. Le indagini - e uno studio accademico commissionato dal Comitato delle regioni - ha scoperto che le altre regioni particolarmente vulnerabili sono in Germania, Paesi Bassi, Belgio e Francia. Il lavoro del Comitato mostra anche che la maggior parte delle regioni non sono riuscite a valutare ad oggi il possibile impatto del Regno Unito alla luce dell'incertezza che circonda i negoziati e le future relazioni UK-EU.

  La " Risoluzione sulle implicazioni del ritiro del Regno Unito dall'Unione europea per le autorità locali e regionali dell'UE ", adottata dal Comitato delle regioni il 17 maggio con modificazioni , affronta una serie di questioni economiche, sociali e politiche relative alla partenza prevista di il Regno Unito.

Queste includono la posizione dei cittadini europei nel Regno Unito e cittadini britannici nell'UE, per i quali il Comitato delle regioni chiede "assicurazioni che nei futuri cambiamenti nella politica negli Stati membri dell'UE o nel Regno Unito" non metterà i "diritti a rischio". Tali diritti comprendono il "diritto alla salute e il reciproco riconoscimento dei contributi previdenziali". 

La risoluzione sottolinea in particolare le questioni economiche relative ai porti, Gibilterra, e le "regioni ultraperiferiche" della UE, la cui "forte dipendenza" dell'economia britannica può richiedere "misure speciali".

La risoluzione considera anche la possibile natura delle future relazioni tra l'UE e il Regno Unito. Essa suggerisce che nel Regno Unito i governi locali e regionali potrebbero partecipare a programmi di cooperazione allo stesso modo come fanno le controparti in Norvegia e in Islanda fanno, e che che alcuni meccanismi dell'UE esistenti - quali strategie macroregionali e gruppi europei di cooperazione territoriale - che potrebbero essere utilizzati per facilitare la cooperazione con le città e le regioni del Regno Unito.
Tutto ciò farebbe parte di un "accordo ambizioso", che definisce un "vero partenariato tra l'UE e il Regno Unito, inclusivo ma non limitato alle relazioni commerciali ed economiche".
Si rileva inoltre che le città e le regioni EU27 "hanno interesse" che il Regno Unito partecipi ad alcuni programmi - "in particolare nei settori dell'istruzione, della cultura, della ricerca, l'innovazione" - e di cooperazione con le agenzie collegate dell'UE e nel mantenimento di  una "stretta relazione in materia di sicurezza, gestione delle frontiere e della migrazione".

Il CdR, che ha creato un inter-gruppo per le regioni più direttamente colpite dalla Brexit, afferma la sua convinzione che "il CdR è nella posizione migliore per definire e attuare meccanismi istituzionali per promuovere la consultazione regolare e l'interazione con il governo, i parlamenti e le assemblee locali del UK".

La risoluzione sviluppa una posizione precedentemente  adottata dal CdR nel Marzo 2017 , dopo un dibattito con il capo negoziatore dell'Unione europea, commissario europeo Michel Barnier .
Nel corso degli ultimi 14 mesi, il CdR ha condotto una serie di sondaggi dei suoi membri, autorità locali e regionali e le camere di commercio locali, così come la messa in un studia delle implicazioni della Brexit per le economie regionali. Inoltre, ha tenuto  consultazioni politiche con le controparti politiche in Inghilterra e Galles, Scozia e Irlanda del Nord.

Il CdR ha chiesto, tra l'altro, "accordi temporanei in modo da minimizzare i disagi alla corrente progetti D di lunga data di R & S, e per estensione alle economie locali", in particolare quelle relative alla riduzione di CO2 e la fornitura di energia sostenibile, che potrebbe continuare a beneficiare dei finanziamenti CEF , EFSI e BEI. "Per quanto riguarda i programmi della gioventù e dell'istruzione e di R & S dell'Unione europea, il Comitato delle regioni ha chiesto i negoziatori di " prendere in considerazione soluzioni appropriate attraverso l'approccio dei cosiddetti 'paesi partner', che permettano l'inserimento di paesi terzi sulla base di accordi bilaterali con l'UE"
Ha anche suggerito che il ritiro del Regno Unito potrebbe costituire un'opportunità di costruire un'Unione europea più giusta, migliore e più inclusiva' e " l'opportunità di perseguire una profonda riforma del bilancio dell'Unione europea, tenendo conto delle esigenze dei locali e dei governi regionale". (17/05/2018-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07