Direttore responsabile Maria Ferrante − venerdì 19 ottobre 2018 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

SICUREZZA SOCIALE - EUROPA - INCONTRO CESE A ROMA SU "IL FUTURO DEI LAVORATORI CONVIVENTI PRESTATORI DI CURE E ASSISTENZA IN EUROPA"

(2018-05-15)

  Mercoledì, 16 maggio  si tiene a Roma presso il CNEL un incontro sul tema "Il futuro dei lavoratori conviventi prestatori di cure e assistenza in Europa", organizzato dal Comitato Economico e Sociale Europeo (CESE).

L'incontro vuole offrire uno spazio di discussione per le parti interessate a livello nazionale sul fenomeno crescente dei lavoratori conviventi prestatori di cure e assistenza e sull'influenza di tale fenomeno sulle condizioni di lavoro e la prestazione di cure e assistenza.

Un dibattito che intende coinvolgere un ampio spettro di soggetti interessati: rappresentanti ministeriali, membri del Parlamento europeo, parti sociali, organizzazioni della società civile, lavoratori conviventi prestatori di cure e assistenza e le persone che ne beneficiano ovvero i loro rappresentanti.
L'iniziativa del CESE ha i prodromi nell'adozione dal parte del Comitato Economico e Sociale Europeo (CESE)  nel settembre del 2016 di un parere d'iniziativa SOC/535: I diritti dei lavoratori conviventi prestatori di cure e assistenza.

Insieme con la Risoluzione del Parlamento europeo del 28 aprile 2016 sulle collaboratrici domestiche e le prestatrici di assistenza nell'UE (2015/2094(INI)) , si tratta del primo documento politico a livello europeo che si occupi del settore crescente, ma trascurato e ancora poco studiato, dei lavoratori conviventi prestatori di cure e assistenza in Europa.

Il parere dà una definizione dell'attività professionale di assistenza svolta da operatori che vivono con i loro assistiti e formula una serie di raccomandazioni emananti dalla società civile organizzata e rivolte a istituzioni, sia a livello europeo che nazionale, con l'obiettivo di garantire i diritti lavorativi per lavoratori che sono attualmente messi ai margini dalle politiche relative al settore dell'assistenza sociale.

L'iniziativa ha assunto un più largo respiro con il sostegno dato dal CESE a cinque missioni conoscitive, in altrettanti Stati membri, per sviluppare la ricerca e offrire uno spazio di discussione per le parti interessate a livello nazionale sul fenomeno crescente dei lavoratori conviventi prestatori di cure e assistenza e sull'influenza di tale fenomeno sulle condizioni di lavoro e la prestazione di cure e assistenza.

I cinque Stati membri scelti: Regno Unito, Germania, Svezia, Italia e Polonia, sono paesi sia di origine che di destinazione dei lavoratori conviventi prestatori di cure e assistenza, oltre ad essere paesi dove questo tipo di attività svolge un ruolo significativo e crescente nei mercati del lavoro e nei sistemi di assistenza. I risultati saranno resi noti in una relazione che sarà pubblicata dal CESE nel corso del 2018.

In quest'ambito l'incontro a Londra il primo dei suoi incontri locali itineranti sul futuro dei fornitori di servizi di assistenza domiciliare in Europa. Europa." L'obiettivo è quello di approfondire la ricerca sulle condizioni di lavoro affrontate da questi lavoratori e di evidenziare la loro precaria situazione nei mercati del lavoro." si legge nel documento di sintesi sull'argomento ch ricorda come sul tema il primo  documento politico adottato a livello dell'UE sia stato quello del  settembre 2016, permettendo che il settore rimanesse a lungo praticamente invisibile ai responsabili politici dell'UE.

A causa della mancanza di dati, d'altra parte, non è possibile conoscere il numero esatto di prestatori di servizi di assistenza domiciliare, né determinare il loro contributo all'economia del Regno Unito e alle economie di altri Stati membri, come confermato dai partecipanti all'incontro di Londra.

Eppure, l'Organizzazione internazionale del lavoro (ILO) stima che il lavoro domestico abbia rappresentato tra il 5% e il 9% dell'occupazione totale nei paesi industrializzati nel 2012. In un'Europa che invecchia, indebolita dalle carenze di manodopera nel settore e la mancanza di infrastrutture adeguate per fornire assistenza a lungo termine, è previsto un aumento del numero di fornitori di servizi di assistenza domiciliare.  Per cui si tratta di uno dei segmenti di lavoro in più rapida crescita nell'UE, con l'Europa dell'Est che continua a fornire molti di questi lavoratori ad altri paesi dell'UE.
Tuttavia, il loro status professionale è spesso non regolamentato, il loro lavoro non viene riportato o hanno uno status fittizio di lavoro autonomo. Inoltre, spesso lavorano in condizioni molto difficili.

"I servizi della persona sono molto impegnativi, sia fisicamente che emotivamente. Le condizioni di lavoro di queste persone possono talvolta essere assimilate alla schiavitù moderna perché devono essere disponibili 24 ore al giorno, 7 giorni alla settimana, e non sono libere dai loro movimenti come gli altri lavoratori ", ha dichiarato Mary Honeyball, membro del Parlamento europeo.

Allo stesso tempo, i beneficiari dei servizi alla persona e le loro famiglie non hanno alcuna garanzia in merito alla qualità dei servizi forniti poiché, spesso, il reclutamento avviene attraverso reti informali di parenti o amici o via internet

Il CESE propone, tra l'altro, che l'esistenza di fornitori di servizi di assistenza domiciliare nel mercato del lavoro europeo sia riconosciuta dall'introduzione di una definizione comune di questa professione, nonché dalla loro integrazione nei sistemi del mercato del lavoro. protezione sociale a lungo termine, con tutti i diritti derivanti dalle pertinenti normative sull'occupazione degli Stati membri e dell'UE.

"Questi lavoratori dovrebbero avere diritto a una retribuzione decente, alla protezione della salute e della sicurezza e alla sicurezza sociale e dovrebbero godere della libertà di associazione e della contrattazione collettiva", ha affermato la relatrice. Parere del CESE, Adam Rogalewski (gruppo dei lavoratori).

Inoltre, gli Stati membri dovrebbero fornire un sostegno finanziario e organizzativo alle persone che ricevono servizi di assistenza che spesso non sanno che, utilizzando un fornitore di servizi domiciliare, diventano veri datori di lavoro, con solo una parte delle responsabilità.

Sulla situazione nel Regno Unito, Rogalewski ha dichiarato: "Abbiamo scoperto che il settore dei servizi sociali nel Regno Unito ha sofferto molto a causa di tagli fino a 6 miliardi di sterline dal 2010, che hanno avuto un impatto grave. sulla disponibilità e sulla qualità dei servizi. Le carenze di manodopera dovute alla bassa retribuzione e alle cattive condizioni di lavoro in questo settore hanno portato ad un significativo aumento dei modelli di servizi informali. La società civile in Europa, in particolare nel Regno Unito, ha sostenuto a lungo la fine della logica dell'austerità. C'è un bisogno urgente di investire di più nel settore dei servizi personali ".

I pareri differiscono invece per quanto riguarda la regolamentazione di questo settore - che è attualmente molto frammentato e in cui molte agenzie  offrono servizi alla persona da parte dei lavoratori domestici su termini che potrebbero essere caratterizzati come dumping sociale.
John Walker, membro della delegazione del CESE (gruppo dei datori di lavoro), ha messo in guardia, pero', da  un'eccessiva regolamentazione del settore, che aumenterebbe i costi per il contribuente.
Marina Yannakoudakis (gruppo Attività diverse del CESE) ha messo, tuttavia,  in guardia contro l'economia sommersa e ha sostenuto la professionalizzazione dei fornitori di servizi a domicilio e sostenuto misure di sostegno per i loro datori di lavoro, Esempi di tagli fiscali.

Il parere del CESE adottato lo scorso anno ha presentato otto raccomandazioni agli Stati membri e dodici raccomandazioni ai legislatori dell'UE per migliorare la capacità generale del settore di creare posti di lavoro di qualità. e per offrire servizi di qualità. Queste raccomandazioni includono l'applicazione di procedure per il riconoscimento delle qualifiche e dell'esperienza acquisita dai fornitori di servizi di assistenza domiciliare, il miglioramento del distacco di questi fornitori di servizi e la considerazione dei loro diritti nel semestre. europea. Applicazione rigorosa delle disposizioni della direttiva sui diritti delle vittime quando i lavoratori sono sfruttati e il miglioramento delle garanzie previste dalla direttiva sulle sanzioni dei datori di lavoro per proteggere i diritti dei lavoratori privi di documenti anche le priorità. Dovrebbero inoltre essere raccolti dati adeguati sui fornitori di servizi di assistenza a domicilio e sulla ricerca sulle loro condizioni di lavoro e di vita e le conclusioni delle visite del CESE agli Stati membri saranno presentate in una relazione. che sarà pubblicato nel corso dell'anno 2018.

------------------------------------------------------------------------
Il Comitato economico e sociale europeo rappresenta le diverse componenti economiche e sociali della società civile organizzata. Esso è un organo istituzionale consultivo, istituito dal Trattato di Roma nel 1957. La funzione consultiva del Comitato permette ai suoi membri, e quindi alle organizzazioni che essi rappresentano, di partecipare al processo decisionale dell'Unione. Il Comitato si compone di 350 membri, provenienti da tutta l'UE, nominati dal Consiglio dell'Unione europea.(18/05/2018-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07