Direttore responsabile Maria Ferrante − giovedì 21 giugno 2018 o consulta la mappa del sito
italialavorotv.it

Sponsor

CULTURA ITALIANA NEL MONDO - FRANCIA - NIZZA OMAGGIA LA CONTEMPORANEITA' ED ORIGINALITA' DI GIANFRANCO BARUCHELLO A VILLA ARSON

(2018-03-09)

  "Pochi artisti hanno, come lui, attraversato il ventesimo secolo con energia sufficiente a raggiungere la nostra epoca. Per Gianfranco Baruchello, che un tempo guidava Marcel Duchamp a Roma in una velocissima  Ferrari è comunque un'energia sostenibile che permea i suoi dipinti, le sculture, i  film e le rappresentazioni Non "timida", come quella dell'inventore del ready-made, ma un'energia del piccolo e del dettaglio." Il Commissario Nicolas Bourriaud
sulla rassegna dedicata all'artista italiano dal 10 marzo al 29 maggio.  Una mostra in apertura a Villa Arson a Nizza promossa in collaborazione con la Fondazione Baruchello, la Galleria Massimo De Carlo di Milano e la Collezione Filippo e Veronica Rossi a Parigi

Afferma Bourriaud  "Se Baruchello mi sembra così importante, e per contrasto così poco conosciuto, è soprattutto perché il suo lavoro propone un regime spaziale di un'immensa originalità. E perché il suo modo di frammentare il mondo, per espandersi all'infinito, risuona in particolare nel nostro tempo: le opere di Baruchello rappresentano degli arcipelaghi, del pensiero , esattamente ciò che può essere percepito nelle "forme" degli artisti più interessanti della nuova generazione.
Se l'artista italiano,essendo stato così avanti nella sua arte, coincidendo con il nostro tempo, è anche in ragione dell'l'utopia concreta  ed ecologica dell'Agricola Cornelia, l'esplorazione del progetto artistico come una farm, che ha fondato nel 1973, e che ha prodotto al contempo forme innovative e verdure e latte.

Attivista, poeta, regista, pittore, sicuramente inclassificabile Baruchello è parte di questa generazione di artisti (nati nel 1924), per i quali l'arte era soprattutto una forma di vita, e nel suo caso una macchina da corsa sperimentale lanciata nelle strade dell'esistenza. Un enorme murale spruzzato in micro-dettaglio, il suo lavoro è come un attacco contro tutto ciò che è solido, continentale, autoritario: il suo pensiero frammentario, fatto  di note e commenti del libro della modernità, sembra proporre una transizione sostenibile tra esso e il mondo contemporaneo.
Visto che il tempo sembra finalmente pronto, possiamo rivisitare il secolo con Gianfranco Baruchello.
-------------------------------------------

Gianfranco Baruchello è nato 29 agosto 1924 a Livorno, figlio di un avvocato che era anche presidente della Unione Industriale di Livorno e professore presso l'Università di Pisa.
Dopo la seconda guerra mondiale, Gianfranco Baruchello completò l'Università con una tesi in economia. Nel 1947, ha lavorato per la compagnia chimica Bombrini Parodi, specializzata in esplosivi. Nel 1949, incoraggiato dal padre, si unì a Delfino, assumendo la guida del dipartimento di ricerca e sviluppo per la parte biochimica. Ma stanco, Baruchello lascia definitivamente l'ambiente industriale nel 1959, per dedicarsi interamente all'arte, in particolare alla pittura.

Nel 1960, a Parigi, conobbe l'artista Roberto Matta e tre anni dopo, il poeta e il critico Alain Jouffroy, entrambi lo incoraggiarono. Nel 1963, poi a New York, divenne amico intimo di Marcel Duchamp, che lo familiarizzò con la scena dell'avanguardia e addirittura lo rese una sorta di discepolo. L'anno successivo, incontra John Cage. La pop art e l'espressionismo astratto americano sono per Baruchello una rivelazione. È allora che inizia a interessarsi al movimento delle immagini, a voler fare un film. Si unisce al regista italiano Alberto Grifi e compone con lui  Incerta Verifica, un montaggio di immagini e suoni, fondamentalmente frammenti di filmati tratti da fiction e notizie degli anni Cinquanta, recuperati dalla cabina di proiezione. Un film dedicato a Marcel Duchamp, attorno al quale si sta costruendo la storia, un monumento satirico alla memoria dei film di Hollywood.

I campi della sperimentazione artistica di Baruchello sono ampi e il loro impatto sul movimento postmoderno è evidente.

Ricordiamo innanzitutto la creazione nel 1967 di una società fittizia di nome Artiflex la cui "linea di base" era: "Artiflex commercializza tutto". Agendo come operatore, Baruchello pubblica una pubblicità in varie riviste finanziarie per sollecitare i lettori a inviare loro una richiesta di campioni. Per tre anni, Artiflex ha inviato agli abbonati piccoli pacchi contenenti vari articoli variegati (candele avvolte in un foglio di giornale, pagine strappate dai libri di Mao, ciuffo di capelli, scatola di tonno, ecc.).
Nel giugno del 1968, presso la Galleria Tartaruga (Roma), ci fu un'esibizione di un nuovo genere: in una sala chiamata "Finanziaria Artiflex" (Artiflex Finances) c'era un tavolo con un registratore di cassa dietro al quale si trovava una "commessa" . Ha offerto scatole di cartone piene di pezzi di 5 lire ma vendute a 10 lire! Il giorno seguente, lo spazio era diventato una "sala d'attesa Artiflex" composta da sedili e tavolini. Questa performance è probabilmente la prima manifestazione del tipo estetico relazionale. Infatti, Artiflex, come un'opera di arte evoluzionistica, può essere giudicato in base alle relazioni interpersonali che appare, produce o suscita. Almeno, quella era la volontà di Baruchello.

Nel 1973 Baruchello si trasferì in campagna nel centro Italia e fondò la "Cornelia Agricola SpA", una vera e propria fattoria indipendente, che svolge ogni tipo di attività, dalla coltivazione della verdura agli alberi da frutto, fino all'allevamento di pecore. L'esperienza dura fino al 1983 e gli ispira una serie di dipinti..

Alla fine degli anni ottanta, negli spazi che avevano ospitato l'Agricola Cornelia, Baruchello realizza "Il Giardino", uno progetto che presenta nel 1989 al Festival di Spoleto "Voci sull'acqua" in una performance che vede l'artista curare un piccolo bonsai di Gingko Biloba. Il Giardino, è uno spazio per l'identificazione della mente nella terra, negli alberi e nei cespugli.
Nel 1998 nasce la Fondazione Baruchello nella ex casa - studio dell'artista, sulle colline romane in Via di Santa Cornelia (Roma).
Tra la fine del 2011 e l'inizio del 2012, a cura di Achille Bonito Oliva, la Galleria nazionale d'arte moderna di Roma presenta la mostra antologica Gianfranco Baruchello. Certe idee.

Il 13 giugno 2014 (fino al 28 settembre 2014) presso la Deichtorhallen Sammlung Falckenberg, ad Amburgo, si apre la retrospettiva Gianfranco Baruchello. Certain Ideas. Retrospektive, a cura di Dirk Luckow, in collaborazione con lo ZKM / Karlsruhe, dove la mostra si sposterà nel novembre 2014 (1º novembre 2014 - 29 marzo 2015), a cura di Andreas Beitin e Peter Weibel. In occasione di questa mostra è pubblicato il catalogo Baruchello. Certain Ideas, a cura di Achille Bonito Oliva, Carla Subrizi, Dirk Luckow, Peter Weibel, Harald Falckenberg (Electa, 2014).

Radio 3 lo ha nominato «artista dell'anno 2016». (09/03/2018-ITL/ITNET)

Altri prodotti editoriali

Contatti

Contatti

Borsa italiana
Borsa italiana

© copyright 1996-2007 Italian Network
Edizioni Gesim SRL − Registrazione Tribunale di Roma n.87/96 − ItaliaLavoroTv iscrizione Tribunale di Roma n.147/07